1. PER LA MORTE DI NAVALNY IL MONDO PUNTA IL DITO ACCUSATORIO SU PUTIN. MA LA FINE DEL DISSIDENTE È LA PEGGIORE NOTIZIA CHE POTESSE CADERE SULLA TESTA DI "MAD VLAD" 
2. E' INFATTI POLITICAMENTE INCONCEPIBILE, A UN MESE DALLE PRESIDENZIALI IN RUSSIA, ASSASSINARE IL SUO NEMICO GIURATO CORRENDO IL RISCHIO DI ALIENARSI IL CONSENSO POPOLARE, FORTEMENTE MINATO DA DUE ANNI DI MORTI E SANZIONI PER LA GUERRA IN UCRAINA
3. PER SCACCIARE LE ACCUSE, IL CREMLINO POTREBBE PROCEDERE A UN’AUTOPSIA SOTTO IL CONTROLLO DI OSSERVATORI INTERNAZIONALI, COME A DIRE: “NON SIAMO STATI NOI” - CERTO, DOPO ANNI DI CARCERE DURO, SEVIZIE, AVVELENAMENTI, QUANTO POTEVA RESISTERE NAVALNY?

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

alexei navalny in carcere alexei navalny in carcere

A un mese dalle elezioni in Russia (si voterà dal 15 al 17 marzo), Vladimir Putin non poteva ritrovarsi una grana peggiore tra le mani. La morte del suo oppositore più noto, Alexei Navalny, crea a “Mad Vlad” più di un problema.

 

Che il Cremlino volesse il peggio per l’attivista e blogger era chiaro da anni, da quando è stato aggredito, ostracizzato, poi condannato con motivazioni risibili e infine detenuto in condizioni disumane. Ma che morisse a un mese dalle elezioni, questo no, neanche Putin poteva desiderarlo.

 

vladimir putin ha voglia di te vladimir putin ha voglia di te

Le presidenziali di marzo 2024 non sono un vero scoglio per l’ex agente del Kgb fattosi zar: non è in dubbio la sua vittoria. Stravincerà, come sempre. Il punto che a lui preme è capire “come” trionferà. Ovvero con quale partecipazione popolare: quanto solido sarà il plebiscito che si vedrà riconosciuto? Quanti russi, dopo due anni di guerra in Ucraina, amano Putin e la sua leadership?

 

Almeno 400 mila soldati sono morti al fronte, le condizioni economiche della gente comune (nonostante il Pil russo sia in crescita) sono disastrose. Al netto della propaganda di Mosca, i cittadini patiscono disagi logistici, penuria alimentare e difficoltà nell’approvvigionamento di generi di prima necessità.

 

alexei navalny alexei navalny

Putin, che non s’è mai preoccupato del giudizio dell’Occidente, teme quello interno, dei suoi concittadini, del suo establishment. E uccidere un russo, per quanto ufficialmente un oppositore politico, non porta bene. D’altronde se Zar Vlad avesse voluto Navalny morto l’avrebbe già sepolto da anni. Certi metodi spicci, al Cremlino, li conoscono bene.

 

Ora, a un passo dal voto, a Putin pesa ritrovarsi il marchio di “killer” di Navalny: d’altronde è quel che il mondo pensa. Per allontanare i sospetti, la tv “Russia Today” s’è affrettata a precisare che Navalny è morto per "un coagulo sanguigno", una trombosi. Una versione che gli occhi di tutti suona come una giustificazione. Il primo a mordere è stato il presidente ucraino Zelensky: “Navalny è stato ucciso e Putin dovrà rendere conto dei suoi crimini".

 

alexei navalny alexei navalny

La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha avuto l’ingrato compito di allontanare i sospetti dal suo leader: “La reazione immediata dei leader della Nato alla morte di Navalny, sotto forma di accuse dirette contro la Russia, mostra la natura di questi Paesi. Non esiste ancora un esame forense, ma le conclusioni dell'Occidente sono già pronte".

 

Anche per dribblare queste “conclusioni”, che puntano l’indice verso Putin, che il regime russo potrebbe ricorrere a un’autopsia, sotto il controllo di emissari internazionali. Un modo per dire “non l’abbiamo ucciso noi”. Forse il colpo di grazia, certo. Ma anni di persecuzioni, un attacco con la zelyonka (che gli ha causato la perdita dell'80% della vista dall'occhio destro), un tentativo di avvelenamento e un lungo periodo di detenzione disumana avevano praticamente avvizzito il povero Navalny. Il suo corpo, logorato dalle sevizie, non ha più retto. E per il Cremlino, ovviamente, è solo colpa sua.

vladimir putin in fabbrica a san pietroburgo vladimir putin in fabbrica a san pietroburgo

alexei navalny 7 alexei navalny 7 ospedale di ormsk ospedale di ormsk alexei e oleg navalny alexei e oleg navalny alexei navalny al bar dell'aeroporto dove sarebbe stato avvelenato alexei navalny al bar dell'aeroporto dove sarebbe stato avvelenato alexei navalny in carcere alexei navalny in carcere ospedale di ormsk 1 ospedale di ormsk 1 ospedale di ormsk 4 ospedale di ormsk 4 pyotr verzilov e alexei navalny 1 pyotr verzilov e alexei navalny 1 alexei navalny 3 alexei navalny 3 arresti alla protesta per la liberazione di navalny 3 arresti alla protesta per la liberazione di navalny 3 alexei navalny e la moglie yulia alexei navalny e la moglie yulia alexei navalny 8 alexei navalny 8 proteste per la liberazione di navalny 18 proteste per la liberazione di navalny 18 proteste per la liberazione di navalny 50 proteste per la liberazione di navalny 50 proteste per la liberazione di navalny 9 proteste per la liberazione di navalny 9 alexei navalny alexei navalny arresti alla protesta per la liberazione di navalny 9 arresti alla protesta per la liberazione di navalny 9 alexey navalny alexey navalny alexei navalny alexei navalny yulia navalnaya yulia navalnaya ik 2, il centro di detenzione di navalny 1 ik 2, il centro di detenzione di navalny 1 alexei navalny alexei navalny il murales dedicato ad alexi navalny cancellato a sanpietroburgo 2 il murales dedicato ad alexi navalny cancellato a sanpietroburgo 2 alexi navalny 2 alexi navalny 2 alexi navalny 3 alexi navalny 3 alexei navalny alexei navalny la prigione IK-3 dove e rinchiuso alexei navalny la prigione IK-3 dove e rinchiuso alexei navalny

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”