PRENDETE I POP CORN, STA PER SCOPPIARE UN’ALTRA FAIDA NELLA MAGGIORANZA - IL PRESIDENTE DEL PPE, MANFRED WEBER, GRANDE AMICO DI TAJANI, RILASCIA UN’INTERVISTA AL “CORRIERE” PER...RANDELLARE SALVINI: “VOTARE PER LUI ALLE EUROPEE E’ UNO SPRECO PERCHÉ LA LEGA NON HA NESSUNA INFLUENZA. SALVINI HA CONTRIBUITO AL PROCESSO DI CRESCITA DELL’AFD IN EUROPA E IN GERMANIA E ORA È PIUTTOSTO ISOLATO IN EUROPA” - L’ATTACCO A ELLY SCHLEIN: “IL PARTITO DEMOCRATICO HA VOTATO CONTRO L’ACCORDO SULLA MIGRAZIONE, INSIEME ALL’AFD E A LE PEN. TORNI AI SERI COMPROMESSI IN EUROPA” - L’ELOGIO ALLA MELONI: “IL GOVERNO ITALIANO? UN PARTNER AFFIDABILE”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Francesca Basso per il “Corriere della Sera”

 

tajani weber tajani weber

«L’Europa si trova a una svolta storica e gli elettori devono rendersi conto che nulla è automaticamente garantito». Il tedesco Manfred Weber è presidente del Partito popolare europeo e capogruppo del Ppe al Parlamento europeo. In questi anni ha lavorato a Bruxelles a stretto contatto con il leader di Forza Italia Antonio Tajani per tenere legato il governo di Roma all’Europa e al Ppe, nonostante le pesanti critiche del presidente della Baviera Markus Söder dopo le elezioni italiane del 2022.

 

Quali sono le priorità del Ppe per i prossimi 5 anni?

«[…] Per il Ppe ci sono due priorità. La prima è l’economia. […] preservare la competitività, rafforzare la nostra industria, riportare posti di lavoro in Europa e garantire un reddito dignitoso per le persone. La seconda priorità è la sicurezza. La minaccia della Russia è reale. Mercoledì ero in Finlandia: la Russia ne sta mettendo in discussione il confine, anche con la Lituania. Dobbiamo rafforzare la difesa europea, mettendo insieme gli eserciti nazionali e sviluppando l’industria per mantenere la pace in Europa, per essere così forti che nessuno pensi più di attaccarci».

 

MATTEO SALVINI ANTONIO TAJANI MATTEO SALVINI ANTONIO TAJANI

L’immigrazione è un tema controverso. Il Ppe a favore del «modello Ruanda»?

«Il Ppe è un partito di valori. Ciò significa che ogni persona che arriva sul suolo europeo è un essere umano e va rispettata la sua dignità. Siamo per il diritto d’asilo e il rispetto della Convenzione di Ginevra per i rifugiati.

 

Ma alla frontiera esterna dell’Ue, in Italia, in Grecia e anche in Finlandia, vediamo che la maggioranza delle persone che arrivano sono migranti economici illegali. […] sono gli Stati a decidere chi arriva in Europa e non i trafficanti. Ora si tratta di attuare questo accordo con fondi europei.

antonio tajani manfred weber congresso forza italia antonio tajani manfred weber congresso forza italia

 

Gestire la migrazione è fondamentale. Sono rimasto sorpreso nel vedere che il Pd ha votato contro l’accordo sulla migrazione, insieme all’Afd e al partito di Le Pen. Servono partiti e politici pronti ad accettare il compromesso a livello europeo per risolvere i problemi. Il mio è anche un invito in particolare al Partito democratico: per favore, tornate a un approccio di compromesso serio».

 

Resta aperta la porta all’alleanza con S&D e liberali?

antonio tajani matteo salvini giorgia meloni antonio tajani matteo salvini giorgia meloni

«Secondo i sondaggi il Ppe arriverà di nuovo primo […] il Ppe […] è sempre pronto a essere un partner per i partiti democratici pro-Europa, pro-Ucraina e pro-Stato di diritto. In Italia il Pd ha votato contro il patto sulla migrazione che è stato accettato da Meloni e Scholz, era un ampio compromesso a livello europeo. I socialisti italiani hanno scelto di andare all’opposizione. Dipende da loro se sono pronti a sostenere i nostri contenuti, noi saremo i vincitori delle elezioni».

 

Il Rassemblement National e la Lega hanno rotto con Afd. Ora si può dialogare con loro?

antonio tajani manfred weber antonio tajani manfred weber

«Per il Ppe è sempre stato chiaro che Alternative für Deutschland è un partito neo-nazista. L’Afd vuole distruggere la mia Europa cristiano-democratica. Le Pen e Salvini hanno reso forte l’Afd perché negli ultimi anni vi hanno sempre collaborato dando la percezione di un riconoscimento a livello europeo.

 

Salvini ha contribuito al processo di crescita dell’Afd in Europa e in Germania. Ora Salvini è piuttosto isolato in Europa, votare per lui è uno spreco perché la Lega non ha alcuna influenza. Deve essere chiaro che Le Pen è finanziata dalla Russia e Viktor Orbán dalla Cina. Le forze populiste di estrema destra sono per il nazionalismo e l’egoismo».

manfred weber antonio tajani manfred weber antonio tajani

 

Cosa avete in comune con Fratelli d’Italia?

«[…] Il voto sulla migrazione, con FdI a favore e il Pd contro, dà una chiara indicazione su chi sia pronto ad accettare i compromessi europei».

 

Se sarà necessario l’appoggio di FdI per eleggere von der Leyen, cosa chiederete a Meloni?

«[…] Se avremo un mandato dai cittadini come primo partito, invito tutti a sostenere le nostre candidate alla presidenza della Commissione Ue Ursula von der Leyen e del Parlamento Ue Roberta Metsola. Finora il governo italiano è stato un partner affidabile e questo mi fa ben sperare che si possa lavorare insieme anche dopo le urne». […]

tajani salvini tajani salvini

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ