A PROPOSITO DI HENRY: KISSINGER COMPIE 90 ANNI E LA “CUPOLA MONDIALE” GLI RENDE OMAGGIO

Mister K ha 90 anni: megaparty il prossimo 3 giugno a New York - Ci sarà anche Mario d’Urso: “Verrà a Roma a fine giugno, andrà a salutare i due Papi. Ha le chiavi della residenza di Santa Marta” - Incontrerà anche Napolitano: “Ne parla sempre come my best communist friend...”

Condividi questo articolo


M.Antonietta Calabrò per "Il Corriere della Sera"


A PROPOSITO DI HENRY: KISSINGER COMPIE 90 ANNI E LA "CUPOLA MONDIALE" GLI RENDE OMAGGIO

«Ciò che mi interessa è quello che si può fare con il potere». (Affermazione di Henry Kissinger in un'intervista concessa a Oriana Fallaci nel 1974).

GIANNI AGNELLI E HENRY KISSINGERGIANNI AGNELLI E HENRY KISSINGER

Compie oggi 90 anni l'inossidabile Henry Kissinger, consigliere per la sicurezza nazionale e segretario di Stato americano durante le presidenze di Richard Nixon e di Gerald Ford tra il 1969 e il 1977, insignito del premio Nobel per la pace nel 1973, membro del gruppo Bilderberg e della Trilaterale.

henry kissinger 01 laphenry kissinger 01 lap

«Con duecentocinquanta amici di tutto il mondo, dall'Europa alla Cina, lo festeggeremo lunedì prossimo 3 giugno, all'Hotel St.Regis di New York. Io farò colazione con lui sabato prossimo: sarà a Roma per qualche giorno a fine giugno, con i nipoti parteciperà ad una cena di beneficenza che organizzo a Palazzo Farnese, e troveremo il modo di festeggiarlo con tanti suoi amici romani, in primis "Dudu" Raffaele La Capria, Alberto Arbasino e Desideria Pasolini, suoi vecchi studenti degli anni Sessanta ad Harvard».

Racconta Mario d'Urso, ex senatore e di professione banchiere internazionale d'investimenti, di casa nella famiglia Agnelli, intimo dell'Avvocato e amico di una vita di «K» Kissinger. «Ci siamo visti l'ultima volta il 28 febbraio a New York. Gli ho spiegato che da noi la situazione nei giorni seguenti sarebbe stata molto interessante. Era il giorno in cui Benedetto XVI, amico di Kissinger e tedesco come lui, ha lasciato il Vaticano. E quindi in giugno avrebbe potuto forse conoscere il nuovo Papa (oltre magari ad andare a trovare Ratzinger).

henry kissinger lapo elkann 02 laphenry kissinger lapo elkann 02 lap

Quanto a Papa Francesco, spero che lo possa vedere. Così vedrà i due Papi. Lo sa che quando Kissinger era ospite in Vaticano, della Casa Santa Marta, aveva persino le chiavi?». Cioè le chiavi dell'attuale «casa Bergoglio», per capirci? «Sì, era ospite lì quando era invitato a convegni in Vaticano durante il pontificato di Wojtyla e di Ratzinger e magari la sera usciva e faceva tardi: così gli avevano dato le chiavi del pensionato».

kiss001 henry kissinger mo nancykiss001 henry kissinger mo nancy

D'Urso ha spiegato a Kissinger che a Roma a fine giugno avrebbe trovato certamente anche un nuovo presidente del Consiglio, un nuovo governo e un nuovo presidente della Repubblica. Quanto al capo dello Stato, D'Urso si sbagliava, visto che l'inquilino del Quirinale è rimasto lo stesso, cioè Giorgio Napolitano. «Ma Kissinger è felicissimo di questo: di poter salutare di nuovo il presidente Napolitano». E rivela: «Lo sa che fu proprio lui a firmare il visto d'ingresso negli Stati Uniti per l'allora dirigente del Pci? Ne parla sempre come my best communist friend».

Henry KissingerHenry Kissinger

Del nostro Paese oggi cosa pensa Kissinger? «Che in ogni caso ce la farà, perché ha straordinarie risorse sia umane che ecnomiche». Di che si occupa adesso l'ex segretario di Stato? «È sempre molto attivo e lucidissimo: si occupa moltissimo della Cina e continua a presiedere la Kissinger Associates, la sua società di consulenza geopolitica, con cui collaboro».

lart10 raffaele la capria gianni lettalart10 raffaele la capria gianni letta

Se dovesse definire Henry Kissinger come lo farebbe? Dice D'Urso: «Un grandissimo statista pragmatico. Gli amici dell'America anche se erano discussi potevano se necessario avere il suo appoggio». E il suo maggiore pregio? «Grande sense of humor, sempre autoironico, è veramente simpatico quando lo fa».

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…