"L'UCRAINA NON HA BISOGNO DI PAROLE, MA DI PIÙ MUNIZIONI E DIFESA AEREA, GLI STATI MEMBRI LO CAPISCONO” - AL TERMINE DEL CONSIGLIO EUROPEO, IL PRESIDENTE CHARLES MICHEL PROVA A RASSICURARE ZELENSKY SULL’IMPEGNO DELL’UE A SOSTENERE KIEV: “ABBIAMO AVUTO UNA DISCUSSIONE APPROFONDITA. CI SARÀ UNA RISPOSTA IN QUESTIONE DI GIORNI E SETTIMANE, NON MESI. TUTTI STANNO FACENDO IL MASSIMO DEGLI SFORZI” - I LEADER EUROPEI HANNO DISCUSSO DELLA RETE FINANZIATA DAL CREMLINO, E SCOPERTA NELLE SCORSE SETTIMANE DALL'INTELLIGENCE CECA E BELGA, CHE VEDE COINVOLTI ALCUNI EURODEPUTATI…

-

Condividi questo articolo


charles michel volodymyr zelensky charles michel volodymyr zelensky

MICHEL, 'CONDANNA PER ATTACCO IRAN, SUBITO TREGUA A GAZA'

(ANSA) - BRUXELLES, 18 APR - "L'Ue condanna l'attacco dell'Iran contro Israele. Occorre fare tutto il possibile per contribuire a portare stabilità nella regione ed evitare un'escalation. Chiediamo a tutte le parti di esercitare la massima moderazione". Lo scrive su X il presidente del Consiglio Europeo a vertice concluso. L'Ue s'impegna a collaborare con i partner per porre fine alla crisi di Gaza, anche attraverso: il cessate il fuoco immediato, il rilascio incondizionato degli ostaggi, la garanzia di un accesso illimitato agli aiuti umanitari".

charles michel volodymyr zelensky charles michel volodymyr zelensky

 

MICHEL, 'AMPIA DISCUSSIONE SUL LIBANO, SERVE COOPERAZIONE'

 (ANSA) - BRUXELLES, 18 APR - "Dobbiamo cooperare con il Libano, è chiaro, la migrazione è un aspetto importante ma è una questione più ampia, il premier di Cipro ha condiviso i suoi pensieri sulla situazione attuale ma non è stato il solo, anche Giorgia Meloni e altri leader hanno dato una valutazione". Lo ha detto il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel al termine del vertice Ue. "Tutto questo è in linea con quanto fatto negli ultimi tempi per costruire partnership con Paesi terzi".

 

MICHEL, DECISE SANZIONI CONTRO L'IRAN SU DRONI E MISSILI

charles michel volodymyr zelensky charles michel volodymyr zelensky

 (ANSA) - BRUXELLES, 18 APR - I leader europei hanno deciso di imporre sanzioni all'Iran dopo l'attacco a Israele. Lo ha detto il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel al termine del vertice Ue. "L'idea è di colpire le compagnie che servono per i droni e per i missili ma avremo più dettagli dopo il lavoro del Consiglio".

 

MICHEL, AIUTI MILITARI A KIEV È QUESTIONE DI SETTIMANE

(ANSA) - BRUXELLES, 18 APR - "L'Ucraina non ha bisogno di parole, ma di più munizioni e difesa aerea, gli Stati membri lo capiscono e su questo abbiamo avuto una discussione approfondita. E ci sarà una risposta in questione di giorni e settimane, non mesi". Lo ha detto il presidente del Consiglio Europeo Charles Michel al termine del vertice del leader Ue. "Tutti stanno facendo il massimo degli sforzi".

 

URSULA VON DER LEYEN - ZELENSKY - CHARLES MICHEL URSULA VON DER LEYEN - ZELENSKY - CHARLES MICHEL

MICHEL, 'PIÙ COOPERAZIONE PER CONTRASTARE LA PROPAGANDA RUSSA'

 (ANSA) - BRUXELLES, 18 APR - I leader europei hanno discusso della presunta rete di influenze,. finanziata dal Cremlino e scoperta nelle scorse settimane dall'intelligence ceca e belga, che vede coinvolti alcuni eurodeputati.

 

"È stato un dibattito dovuto" svoltosi alla presenza della presidente del Parlamento europeo, Roberta Metsola, ha spiegato il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, al termine del summit. "Vorremmo garantire il monitoraggio, dobbiamo essere molto più vigili e cooperare di più" ha avvertito Michel, sottolineando la necessità di "mettere insieme gli strumenti che abbiamo, le istituzioni europee da un lato, ma anche le autorità nazionali dall'altro". "È un chiaro segnale che non siamo ingenui" ha concluso, auspicando una "maggiore efficacia" in questo campo.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI