"NAVALNY È STATO USATO COME CAVIA. HANNO VOLUTO PORTARE A TERMINE IL LAVORO LASCIATO A METÀ QUATTRO ANNI FA" – PARLA VIL MIRZAJANOV, SCIENZIATO RUSSO 88ENNE CHE INVENTO’ IL “NOVICHOK”, AGENTE NERVINO CON CUI VENNE AVVELENATO L'OPPOSITORE DI "MAD VLAD" NEL 2020: "PUTIN E’ UN KILLER. QUANDO NAVALNY È STATO ISOLATO DAL MONDO SU DI LUI HANNO POTUTO SPERIMENTARE QUALSIASI COSA: DA PICCOLE DOSI A UNA DOSE LETALE. PER EVITARE FUTURI IMBARAZZANTI ERRORI..."

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Rosalba Castelletti per "La Repubblica"

 

vil mirzajanov 4 vil mirzajanov 4

«Aleksej Navalny è stato usato come una cavia umana. Hanno voluto portare a termine il lavoro lasciato a metà quattro anni fa col Novichok». Vil Mirzajanov modella la sua teoria man mano che risponde alle nostre domande al telefono dal New Jersey, negli Stati Uniti.

 

Lasciato nel 1992 l’Istituto statale di ricerca di chimica organica e tecnologica (GosNIIOKhT) di Mosca, amministrato dall’esercito e dal Kgb, lo scienziato oggi 88enne fu il primo a rivelare il programma sovietico per lo sviluppo di armi chimiche, tra cui l’agente nervino letale Novichok, “Novellino” in russo, che ridusse Navalny in coma nel 2020 e che, secondo vedova e collaboratori, potrebbe averne causato la morte il 16 febbraio.

 

alexei navalny alexei navalny

Che cosa le fa pensare che Navalny sia stato ucciso dal Novichok?

«L’uomo che conoscete (Vladimir Putin, ndr) è un killer. Stando alla sua logica, ha voluto portare a termine il lavoro che si era prefissato nel 2020 e lo ha voluto completare nello stesso modo. Il precedente tentativo di avvelenare Navalny nel 2020 non aveva avuto l’effetto desiderato. E non si poteva lasciare incompiuto un altro omicidio col Novichok, su cui era stato investito tanto tempo e denaro.

 

Ma quando Navalny è stato trasferito nella colonia penale oltre il Circolo Polare Artico ed è stato isolato dal mondo, hanno potuto usarlo come una cavia da laboratorio. Su di lui hanno potuto sperimentare qualsiasi cosa: da piccole dosi a una dose letale. Per evitare futuri imbarazzanti errori». […]

avvelenamento navalny avvelenamento navalny

 

È possibile che sia stata sintetizzata una nuova versione?

«Ne furono sintetizzate cinque, se ricordo bene. Hanno potuto sperimentarle a loro discrezione sull’uomo-cavia Navalny. Nella colonia penale, avevano possibilità infinite».

 

Secondo il Servizio penitenziario federale, “Navalny ha perso conoscenza” prima di morire. Alla madre Lyudmila è stato invece detto che il figlio è morto a causa della sindrome da morte improvvisa che causa l’arresto cardiaco. La perdita dei sensi e l’arresto cardiaco possono essere conseguenza del Novichok?

«Le autorità mentono. Credere loro sarebbe ridicolo. Ma la risposta è sì. Il Novichok colpisce il sistema nervoso centrale, perciò è una sostanza tossica molto pericolosa. Quando un uomo riceve una dose di Novichok, letale o no che sia, i primi sintomi sono la restrizione della pupilla, il vomito e la perdita di conoscenza. Se la dose è letale e non si somministra un antidoto, segue l’arresto cardiaco. […]».

alexei navalny al bar dell'aeroporto dove sarebbe stato avvelenato alexei navalny al bar dell'aeroporto dove sarebbe stato avvelenato

 

E le convulsioni? Un barelliere ha raccontato a “Novaja Gazeta Europe” che il corpo presentava lividi compatibili con convulsioni…

«Le convulsioni sono un sintomo di avvelenamento da agenti nervini, non solo da Novichok. Potrebbero essere provocate anche dal Vx, dal Sarin, dal Soman, da qualsiasi agente nervino organofosforico». […]

 

È possibile che le tracce di Novichok scompaiano dal corpo?

«No, non scompaiono. Soprattutto da una salma. Se il Novichok è nel corpo, può essere estratto e la sua presenza può essere dimostrata anche a distanza di anni. Però la salma è pericolosa. Non ci si dovrebbe avvicinare senza maschere e tute».

[…] Chi può dare l’ordine di usare il Novichok? «L’ordine può arrivare soltanto dai massimi vertici. Da Vladimir Putin in persona. Soltanto il Cremlino può ordinare di usare il Novichok».

vil mirzajanov 3 vil mirzajanov 3

 

Non si pente mai di aver contribuito alla sua creazione?

«Quando Navalny fu avvelenato nel 2020, dissi che mi assumevo ogni mia responsabilità. Ma nessuno ha mai accettato le mie scuse. Né i familiari, né i collaboratori di Navalny».

vladimir putin ha voglia di te vladimir putin ha voglia di te VLADIMIR PUTIN HA VOGLIA DI TE - IMMAGINE CREATA CON MIDJOURNEY VLADIMIR PUTIN HA VOGLIA DI TE - IMMAGINE CREATA CON MIDJOURNEY

vil mirzajanov 2 vil mirzajanov 2

VLADIMIR PUTIN HA VOGLIA DI TE - IMMAGINE CREATA CON MIDJOURNEY VLADIMIR PUTIN HA VOGLIA DI TE - IMMAGINE CREATA CON MIDJOURNEY avvelenamento alexey navalny avvelenamento alexey navalny

vil mirzajanov 1 vil mirzajanov 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…