LA "SORA GIORGIA" NON SI FA MANCARE NULLA: VOLANO GLI STRACCI TRA IL GOVERNO SPAGNOLO E LA MELONI SULL’ABORTO - LA MINISTRA PER L’UGUAGLIANZA ANA REDONDO ATTACCA: “ROMA MINA IL DIRITTO RICONOSCIUTO DALLA LEGGE. È LA STRATEGIA DELL'ULTRADESTRA: INTIMIDIRE PER ANNULLARE I DIRITTI" - LA "DUCETTA" RIBATTE: “QUANDO SI È IGNORANTI SU UN TEMA SI DEVE AVERE ALMENO LA BUONA CREANZA DI NON DARE LEZIONI”

-

Condividi questo articolo


Da lastampa.it

ana redondo ana redondo

Scontro tra Roma e Madrid sul tema dell’aborto. Questa volta sono proprio due donne ad avere posizioni diverse: la ministra per l’Uguaglianza spagnola Ana Redondo e la premier italiana Giorgia Meloni. Tutto è partito da un post su X della ministra spagnola, che ha condiviso un articolo sull'emendamento della maggioranza italiana che apre alla presenza dei movimenti pro-vita nei consultori.

 

 

Redondo, nel condividere la notizia, ha commentato: «Consentire le molestie organizzate contro le donne che vogliono interrompere la gravidanza significa minare un diritto riconosciuto dalla legge». Poi l’attacco politico: «È la strategia dell'ultradestra: intimidire per annullare i diritti, per fermare l'uguaglianza tra donne e uomini».

 

giorgia meloni a tunisi giorgia meloni a tunisi

 

Non si è fatta attendere la risposta della premier italiana Giorgia Meloni: «Varie volte ho ascoltato ministri stranieri che parlano di questioni interne italiane senza conoscerne i fatti. Normalmente quando si è ignoranti su un tema si deve avere almeno la buona creanza di non dare lezioni» ha detto, prima di recarsi al ricevimento del re Filippo dei Belgi a Bruxelles.

 

giorgia meloni - finta conferenza stampa a tunisi giorgia meloni - finta conferenza stampa a tunisi

ANA REDONDO ANA REDONDO ana redondo ana redondo

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI