RIGOR MONTIS - “SE NON AVREMO GLI EUROBOND, SARÀ SOPRATTUTTO CAUSA DI COLORO, DALLA LEGA MA ANCHE DAI 5 STELLE, CHE OGGI DICONO: O EUROBOND O MORTE” - “FOSSI IL GOVERNO ITALIANO NON MI IMPICCHEREI AGLI EUROBOND. CI SONO ALTRI MODI MOLTO ACCETTABILI CON CUI L’EUROPA PUÒ AIUTARE L’ITALIA”

-

Condividi questo articolo

GIUSEPPE CONTE MARIO MONTI GIUSEPPE CONTE MARIO MONTI

Liberoquotidiano.it

 

“Se non avremo gli eurobond, sarà soprattutto causa di coloro che oggi dicono: o eurobond o morte”. Mario Monti ha un bersaglio fisso nella mente quando parla ai microfoni di Radio Rai1 mentre è in corso l’Eurogruppo. “Ci sono delle dichiarazioni - ha dichiarato l'ex premier - ripetute tante volte in questi anni dai sovranisti italiani, ripetute dalla Lega ma anche dai 5 Stelle, che hanno reso sempre più indigesto all’Europa parlare di eurobond”.

 

DI MAIO SALVINI CONTE DI MAIO SALVINI CONTE

Poi arriva il consiglio per Giuseppe Conte: “Fossi il governo italiano non mi impiccherei agli eurobond”. Ciò che più conta per Monti è che dall’Eurogruppo arrivi una “proposta ampia di supporto. Ed è giusto che l’Italia cerchi di indirizzare questo pacchetto nella direzione auspicata dal Paese stesso. Ma non mi intestardirei sugli eurobond - ribadisce il senatore a vita - ci sono altri modi molto accettabili con cui l’Europa può aiutare l’Italia”.

 

Condividi questo articolo

politica

DAGONOTA - MATTARELLA SBAGLIA DELEGANDO AL PARLAMENTO LA RIFORMA DI UN CSM PIOMBATO IN UNA FOGNA A CIELO APERTO CON LE INTERCETTAZIONI DI PALAMARA - SE LO SCIOGLIMENTO DEL CSM SAREBBE UN ATTO AUTORITARIO, IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PUÒ PERMETTERSI INVECE DI ESSERE AUTOREVOLE USANDO LA SUA “MORAL SUASION” PER FAR DIMETTERE INTANTO IL VICEPRESIDENTE DEL CSM DAVID ERMINI. GLI ALTRI CONSIGLIERI SEGUIRANNO E, UNA VOLTA VENUTO A MENO IL NUMERO LEGALE DEI COMPONENTI, AVRÀ CAMPO LIBERO PER UNA RIFORMA CHE “CONTRIBUISCA A RESTITUIRE APPIENO ALL'ORDINE GIUDIZIARIO IL PRESTIGIO E LA CREDIBILITÀ INCRINATI”