E’ GIA’ FINITA LA LUNA DI MIELE DI MELONI CON GLI ITALIANI? SONDAGGIO SWG: DOPO LA CRISI DELLA BENZINA CROLLA IL GRADIMENTO DEL GOVERNO (DAL 50% DEL 28 OTTOBRE SCIVOLA AL 37% DEL 20 GENNAIO) MA RESTA INVECE STABILE LA FIDUCIA IN DONNA GIORGIA - FRATELLI D’ITALIA, MOVIMENTO 5 STELLE E PARTITO DEMOCRATICO IN CALO – VIDEO

-

Condividi questo articolo


Da ilriformista.it

 

 

Scivola il governo Meloni ma la premier resiste: gradimento e fiducia nell’ultimo sondaggio SWG sui partiti

giorgia meloni alla scuola nazionale dell amministrazione giorgia meloni alla scuola nazionale dell amministrazione

 

Sarà per il caro carburanti, il caro bollette, l’inflazione, il tema Giustizia. Sarà per questo o per altro, a una settimana dall’arresto del Superlatitante stragista di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro, fatto sta che il governo di centrodestra guidato da Giorgia Meloni scivola: scende il gradimento dell’esecutivo. La premier invece, impegnata in questi due giorni di viaggio ufficiale in Algeria – al centro il dossier energia e le 200 industrie italiane nel Paese nordafricano -, riesce a mantenere stabile il suo consenso. È quanto emerge dal sondaggio settimanale SWG per il Tg La7, dal quale si evince che tutti i partiti sul podio degli orientamento di voto sono in calo.

 

 

Il Gradimento del governo Meloni dunque. La grafica SWG mostra gli italiani scettici sull’operato del governo: l’efficacia dell’esecutivo viene data in netto calo. Dal 50% del 28 ottobre scivola al 37% del 20 gennaio. Resta invece stabile la fiducia nella Presidente del Consiglio: minime le variazioni sullo stesso arco di tempo, dal 43% di ottobre al 41% dell’ultima rilevazione SWG con picchi del 45% tra novembre e dicembre.

 

 

giorgia meloni a quarta repubblica giorgia meloni a quarta repubblica

 

Per quanto riguarda gli orientamenti di voto invece: Fratelli d’Italia, Movimento 5 Stelle e Partito Democratico sono in calo; Lega, Azione-Italia Viva e Forza Italia in crescita. Il sondaggio Swg per il Tg La7 fotografa così le intenzioni di voto. Il partito di Giorgia Meloni resta solidamente in vetta, e oltre il 30%, ma perde lo 0,5% e scende al 30,8%. Il M5S guidato da Giuseppe Conte cede lo 0,2% e ora vale il 17,4%: anche questo solidamente in seconda posizione. Passo indietro anche per il Pd che si avvicina alle primarie: -0,2%, adesso è al 14%. La Lega sale dall’8,3% all’8,5% ed è seguita a distanza ravvicinata dal Terzo Polo, Azione-Italia Viva, che guadagnano lo 0,4% arrivando all’8,2%. Forza Italia cresce dello 0,2% e si attesta al 6,6%. Più indietro Verdi e Sinistra (3,8%), +Europa (3,1%) e Per l’Italia con Paragone (2,3%).

giorgia meloni in algeria giorgia meloni in algeria

 

 

Condividi questo articolo

politica

VI RICORDATE DI VIRGINIA SANJUST DI TEULADA, EX SIGNORINA BUONASERA E GIÀ COCCA DI BERLUSCONI? LA PROCURA DI ROMA HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER LA 45ENNE, CON UN PEDIGREE FAMILIARE NOBILE PER STALKING NEI CONFRONTI DELL’EX COMPAGNO E PER AVER DEVASTATO LA CASA DELLA NONNA, L'EX STELLA DEL CINEMA ANTONELLA LUALDI, CHE NON VOLEVA DARLE SOLDI – IL RAPPORTO CON L’AGENTE DEL SISDE FEDERICO ARMATI E LA “RELAZIONE PARTICOLARE” CON IL CAV: “MI AVEVA PRESO A CUORE MA È L’UOMO PIÙ IMPOTENTE DEL MONDO"

“PENSO CHE UN COLPO DI STATO MILITARE POSSA ESSERE POSSIBILE” – PUTIN È ALLE BATTUTE FINALI? SECONDO ABBAS GALLYAMOV, EX SPEECHWRITER DEL PRESIDENTE RUSSO, SÌ: “L’ECONOMIA STA PEGGIORANDO E LA GUERRA È PERSA. I RUSSI CERCHERANNO DI TROVARE UNA SPIEGAZIONE DEL PERCHÉ TUTTO QUESTO STA ACCADENDO. SI RISPONDERANNO DA SOLI. TEMPO UN ANNO, UN COLPO DI STATO DIVENTA REALE. SENZA VITTORIA SULL'UCRAINA, DOVRÀ AFFRONTARE I RUSSI IN DIFFICOLTÀ. I RUSSI NON HANNO BISOGNO DI LUI SE NON È FORTE. POTREBBE…”

“FACCETTA ROSSA” – ALDO GRASSO IRONIZZA SU GUIDO CROSETTO CHE HA CEDUTO ALLE INSISTENZE DI FIORELLO E HA INTONATO “BELLA CIAO”  - ALDO CAZZULLO SPIEGA PERCHE’ IL MINISTRO DELLA DIFESA HA CANTATO IL BRANO SIMBOLO DELLA RESISTENZA: "LO HA FATTO PER NON DARE UN DISPIACERE A FIORELLO E POI PERCHE’ E’ DI MARENE, IN PIEMONTE. DALLE SUE PARTI, CHE POI SONO LE MIE, QUANDO INTONAVAMO ‘BELLA CIAO’ DA RAGAZZI NON ERAVAMO NEPPURE SFIORATI DALL’IDEA DI FARE UNA COSA DI SINISTRA. PERALTRO QUEL BRANO I PARTIGIANI NON L'AVEVANO MAI CANTATO…" - VIDEO