LA SALUTE NON È UNA PRIORITÀ PER LA MELONI: IN UNA MANOVRA DA 35 MILIARDI, IL GOVERNO NON TROVA 20 MILIONI PER AIUTARE I MALATI DI CANCRO – SALTA L’AGGIORNAMENTO DEL PIANO ONCOLOGICO NAZIONALE, RICHIESTO A GRAN VOCE DA MEDICI E ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO: IL TUTTO MENTRE I TUMORI RISCHIANO DI DIVENTARE LA PRIMA CAUSA DI MORTE IN EUROPA – IN COMPENSO, SARÀ ELIMINATO IL TETTO DI SPESA PER LA SANITÀ PRIVATA (A CUI INVECE IL CENTRODESTRA È SEMPRE MOLTO ATTENTO…)

-

Condividi questo articolo


 

Da www.lastampa.it

 

ORAZIO SCHILLACI AL QUIRINALE PER IL GIURAMENTO ORAZIO SCHILLACI AL QUIRINALE PER IL GIURAMENTO

Luci e ombre per la Sanità nella Manovra che ha ricevuto il primo via libera della Camera. Tra i punti negativi, in primo piano il mancato approdo del piano oncologico nazionale da 10 milioni di euro per il 2023 e 10 per il 2024. Mentre proprio sul fil di lana si è aperto uno spiraglio di impegno da parte del Governo con una prospettiva di ordine del giorno per risolvere la questione aperta in merito al settore dei dispositivi medici che chiedeva lo stop del pay back per effetto del quale è posto a carico delle aziende produttrici il 50% della spesa in eccesso effettuata dalle Regioni rispetto al tetto del 4,4% della spesa pubblica previsto per i dispositivi medici.

 

GIORGIA MELONI FUMA GIORGIA MELONI FUMA

Per la sanità privata la novità è l'approvazione di due Ordini del Giorno di Fratelli d'Italia per eliminare il tetto di spesa previsto dalla Spending review del 2012. Nessun blitz a favore dei medici di pronto soccorso che vedono sfumare la possibilità di ricevere già dal primo gennaio 2023 l'indennità aggiuntiva. Ma il capitolo che pesa di più è quello del piano oncologico. Gli oltre tre milioni e mezzo di malati che in Italia vivono con una diagnosi di cancro rinnovano la richiesta di impegno urgente. Il nuovo Governo, ribadisce il segretario generale della Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (Favo), Elisabetta Iannelli «ha promesso di aggiornare il Piano oncologico nazionale, ma ora è giunto il momento di tradurre le parole in fatti».

 

ALFREDO MANTOVANO ORAZIO SCHILLACI GIORGIA MELONI CARLO NORDIO MATTEO PIANTEDOSI ALFREDO MANTOVANO ORAZIO SCHILLACI GIORGIA MELONI CARLO NORDIO MATTEO PIANTEDOSI

Rispetto al piano abbozzato dal precedente Governo, valido dal punto di vista tecnico-scientifico, occorre ora aggiornare gli interventi per la parte che riguarda la pianificazione degli obiettivi da raggiungere. «Siamo sconcertati e preoccupati per l'inconcludenza della classe politica. I malati di cancro - dice - non possono aspettare e con la Favo chiedono risposte concrete e immediate al ministro della Salute».

 

La cura dei tumori costa al nostro Paese 16 miliardi all'anno, da aggiungere ai 5 che i cittadini tirano fuori dalle proprie tasche per accelerare i tempi di una diagnosi. Serve un impegno senza precedenti per evitare che i tumori diventino la prima causa di morte nel nostro continente: lo dice l'Europa, dove, nel 2020, ogni giorno, 11.000 persone si sono ammalate e 5.000 hanno perso la vita a causa di una patologia oncologica.

 

giorgia meloni a porta a porta 14 giorgia meloni a porta a porta 14

La manovra contiene anche luci e novità su diversi altri fronti della sanità. Proroga al 31 dicembre 2024 per la stabilizzazione del personale precario assunto durante l'emergenza pandemica; incrementa il Fondo sanitario nazionale e aumenta di 650 milioni per il 2023 le risorse per l'acquisto di farmaci e vaccini contro il Covid-19. Una spesa di 250 mila euro per il 2023 e di 500 mila per il 2024 e 2025 per lo sviluppo delle nuove terapie antitumorali Car-T e 5 milioni l'anno dal 2023 al 2026 per promuovere la prevenzione di malattie del cuore. Per il Piano di contrasto all'Antimicrobico-Resistenza 2022-2025 autorizza la spesa di 40 milioni l'anno. E, ancora 200mila euro l'anno vanno ai test next-generation sequencing per i tumori. Incrementa di 5 milioni annui le risorse da vincolare a borse di studio per i medici specializzandi. Smart working per chi soffre di malattie croniche; bonus psicologo fino a 1.500 euro annui e strutturale.

giorgia meloni a porta a porta 3 giorgia meloni a porta a porta 3 giorgia meloni in iraq 5 giorgia meloni in iraq 5

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…