SALVINI CHI PUÒ - LORIS NARDA (COMITATO ANTIRAZZISTA BOLOGNA): “VOLEVO FERMARE IL RAZZISMO DI SALVINI, HO RISCHIATO DI MORIRE SOTTO LA SUA MACCHINA - AUTO SFASCIATA? REAZIONE ALL’ACCELERATA. COSE CHE SUCCEDONO’’

Narda è il giovane che è salito sul cofano della macchina di Salvini sabato scorso durante l’aggressione al segretario della Lega Nord. “Non è una macchina privata – dice Narda – ma una macchina blu pagata coi nostri soldi, nessuno ha usato violenza nei suoi confronti”….

Condividi questo articolo

La Zanzara su Radio 24

 

la visita al campo rom di matteo salvini 4 la visita al campo rom di matteo salvini 4

“Sono salito sulla macchina ma sono sceso dopo dieci secondi, volevo impedire a Salvini e al suo razzismo di raggiungere il campo Rom. Lo rifarei subito, sono pronto ad andare in galera. Il violento è lui con le sue provocazioni razziste, ho rischiato di morire sotto la macchina quando ha accelerato”.

 

Lo dice Loris Narda, del comitato antirazzista di Bologna, a La Zanzara su Radio 24. Narda è il giovane che è salito sul cofano della macchina di Salvini sabato scorso durante l’aggressione al segretario della Lega Nord.  “Non è una macchina privata – dice Narda – ma una macchina blu pagata coi nostri soldi, nessuno ha usato violenza nei suoi confronti. Eravamo tutti a volto scoperto senza niente in mano”. “Abbiamo rischiato noi di morire a causa dell’accelerata, non lui”, dice ancora Narda.

la visita al campo rom di matteo salvini 2 la visita al campo rom di matteo salvini 2

 

“Un’accelerazione anomala – prosegue – e valuteremo la denuncia a Salvini per tentato omicidio, andare a cinquanta all’ora con cinque persone davanti è molto grave”. “La macchina sfasciata – dice Narda – è stata una reazione. Sono cose che succedono, i giornali cambiano gli eventi. Esiste anche nella giurisprudenza. Io ero per terra, non ho tirato sassi e ho rischiato la vita. E’ stato un puro caso che nessuno si sia spezzato la testa e le gambe” . “La Lega va messa fuorilegge – prosegue Narda a La Zanzara – e Salvini fa campagne d’odio e razziste. Di notte i suoi sgherri di Casa Pound danno fuoco ai campi rom e accoltellano chiunque abbia un’idea diversa”

la visita al campo rom di matteo salvini 13 la visita al campo rom di matteo salvini 13 la visita al campo rom di matteo salvini 1 la visita al campo rom di matteo salvini 1

 

 

Condividi questo articolo

politica

IL DPCM CHE VERRÀ – BAR E RISTORANTI CHIUSI LA DOMENICA E GIORNI FESTIVI; ORE 18.00 CHIUSURA ALTRI GIORNI; SOSPESI TEATRI E CINEMA; DIDATTICA A DISTANZA SUPERIORE AL 75%; RACCOMANDAZIONE (MA SOLA RACCOMANDAZIONE) SPOSTAMENTO DA PROPRIA RESIDENZA O DOMICILIO SOLO PER MOTIVI DI URGENZA LAVORO E SALUTE; SOSPESI EVENTI E COMPETIZIONI SPORTIVE CHE NON SIANO RICONOSCIUTI DA CONI E FEDERAZIONI... - SE SIAMO ALLA VIGILIA DI UN NUOVO LOCKDOWN LA COLPA È CHE IN ESTATE NESSUNO, NÉ GOVERNO, NÉ REGIONI, HA FATTO NIENTE PER PREVENIRE LA SECONDA ONDATA

IL PAESE DELLO SCARICABARILE - “NON È COLPA DELLA SCUOLA, PERCHE’ - DICEVA LA AZZOLINA - “POSSIAMO INDIVIDUARE TEMPESTIVAMENTE I POSITIVI”. IN UNA SETTIMANA I CONTAGI IN AULA SONO RADDOPPIATI, CON 13 MILA PROF E STUDENTI COINVOLTI. NON È COLPA DEI TRASPORTI PERCHÉ, SECONDO LA DE MICHELI, “AEREI, NAVI, BUS E TRENI HANNO CONTRIBUITO CON LO 0,1% AL CONTAGIO”. NON È COLPA DELLE REGIONI. CHE LAMENTANO POCHE RISORSE, MA HANNO SPESO SOLO 120 DEI 300 MILIONI DISPONIBILI PER POTENZIARE I TRASPORTI. NON È COLPA DI NESSUNO. MA IL LOCKDOWN È PIÙ VICINO”