IL SALVINI PADRE DELLA PATRIA E LA BUFALA DI ''MADRE'' E ''PADRE'' - IL MINISTRO DICE DI AVER ELIMINATO 'GENITORE 1' E 'GENITORE 2' DAI MODULI PER LA CARTA D'IDENTITÀ, MA NON È VERO. I MODULI SONO SEMPRE GLI STESSI, E PER CAMBIARE SERVIREBBE UNA LEGGE VISTO CHE I TRIBUNALI DI MEZZA ITALIA HANNO RICONOSCIUTO LA GENITORIALITÀ DELLE COPPIE OMOSESSUALI

-

Condividi questo articolo


 

Cristina Nadotti per ''la Repubblica''

 

Si ritorna a "madre" e "padre", basta con moduli e certificati anagrafici con termini come "genitore 1" e " genitore 2". Matteo Salvini annuncia di aver fatto cambiare i moduli per il rilascio della carta d' identità ai minori. Ma i fatti dicono un' altra cosa.

 

SALVINI VANGELO SALVINI VANGELO

Ricapitoliamoli: in un' intervista al quotidiano cattolico online La nuova bussola quotidiana, il ministro dell' Interno si scaglia contro l' utero in affitto e l' adeguamento di alcuni Comuni alle sentenze della Cassazione per la trascrizione di figli di famiglie omogenitoriali. « Per fare un esempio - spiega il leader della Lega - la settimana scorsa mi è stato segnalato che sul sito del ministero dell' Interno, sui moduli per la carta d' identità elettronica c' erano "genitore 1" e "genitore 2". Ho fatto subito modificare il sito ripristinando la definizione " madre" e " padre". È una piccola cosa, un piccolo segnale, però è certo che farò tutto quello che è possibile. Utero in affitto e orrori simili assolutamente no».

 

Alla pubblicazione dell' intervista si scatenano subito le polemiche con le famiglie arcobaleno che parlano di ritorno alla preistoria e il ministro pronto a fregiarsi con onore dell' epiteto « troglodita » in nome della sua crociata.

 

MATTEO SALVINI MATTEO SALVINI

L' affermazione di Salvini però viene di fatto smentita poco dopo da fonti del Viminale che, consapevoli delle numerose sentenze dei tribunali che hanno dato ragione alle coppie omosessuali, precisano di usare la dicitura neutra "genitori" e non "padre" e "madre" come sbandierato da Salvini.

 

« L' impegno politico del ministro è ridare dignità alla figura di madre e padre - dicono dallo staff del ministro - Al momento sui moduli è stata inserita la definizione "genitori". Probabilmente l' intento di Salvini di tornare alla vecchia dicitura "madre" e "padre" è in contrasto con le leggi in vigore e con le tante sentenze che riconoscono la genitorialità di madri e padri dello stesso sesso», precisano poi.

genitori gay genitori gay

 

Oltre a valutare la recente giurisprudenza i collaboratori del ministro hanno anche considerato che sta alle singole amministrazioni elaborare i testi della modulistica.

Così, i moduli comunali per l' assenso dei genitori per il rilascio della carta d' identità dei minori riportano ormai diciture che vanno dal " paternità/ maternità" di Napoli al " genitore/ tutore/ affidatario" di Milano, al testo di Palermo in cui c' è soltanto un " sottoscritto/ a" che "autorizza il figlio minore".

 

Certo è che dopo le critiche severe di una parte della stampa cattolica, con il bluff dei moduli Salvini ha attirato l' attenzione dei conservatori dell' area. Scontato il plauso del ministro per la famiglia Lorenzo Fontana, che ha twittato «La famiglia, la nostra priorità. Grazie Matteo Salvini! » e delle associazioni Pro Vita onlus e Generazione Famiglia, già co- organizzatrici dei Family Day, mentre le opposizioni approfittano per sottolineare l' inazione del governo nelle politiche di reale sostegno alle famiglie.

 

figlio con due mamme figlio con due mamme

«Le istruzioni burocratiche impartite dal Ministro degli Interni ai Prefetti - dice + Europa in un post - servono ad affermare un principio crudele: che i figli di genitori omosessuali non hanno diritto alla propria identità», mentre Alessia Morani del Pd twitta: « Invece di fare propaganda omofoba Salvini si occupi davvero delle famiglie. Questo governo vuole cancellare gli 80 euro, eliminare le detrazioni e aumentare l' Iva».

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…