IL SALVINI PADRE DELLA PATRIA E LA BUFALA DI ''MADRE'' E ''PADRE'' - IL MINISTRO DICE DI AVER ELIMINATO 'GENITORE 1' E 'GENITORE 2' DAI MODULI PER LA CARTA D'IDENTITÀ, MA NON È VERO. I MODULI SONO SEMPRE GLI STESSI, E PER CAMBIARE SERVIREBBE UNA LEGGE VISTO CHE I TRIBUNALI DI MEZZA ITALIA HANNO RICONOSCIUTO LA GENITORIALITÀ DELLE COPPIE OMOSESSUALI

-

Condividi questo articolo


 

Cristina Nadotti per ''la Repubblica''

 

Si ritorna a "madre" e "padre", basta con moduli e certificati anagrafici con termini come "genitore 1" e " genitore 2". Matteo Salvini annuncia di aver fatto cambiare i moduli per il rilascio della carta d' identità ai minori. Ma i fatti dicono un' altra cosa.

 

SALVINI VANGELO SALVINI VANGELO

Ricapitoliamoli: in un' intervista al quotidiano cattolico online La nuova bussola quotidiana, il ministro dell' Interno si scaglia contro l' utero in affitto e l' adeguamento di alcuni Comuni alle sentenze della Cassazione per la trascrizione di figli di famiglie omogenitoriali. « Per fare un esempio - spiega il leader della Lega - la settimana scorsa mi è stato segnalato che sul sito del ministero dell' Interno, sui moduli per la carta d' identità elettronica c' erano "genitore 1" e "genitore 2". Ho fatto subito modificare il sito ripristinando la definizione " madre" e " padre". È una piccola cosa, un piccolo segnale, però è certo che farò tutto quello che è possibile. Utero in affitto e orrori simili assolutamente no».

 

Alla pubblicazione dell' intervista si scatenano subito le polemiche con le famiglie arcobaleno che parlano di ritorno alla preistoria e il ministro pronto a fregiarsi con onore dell' epiteto « troglodita » in nome della sua crociata.

 

MATTEO SALVINI MATTEO SALVINI

L' affermazione di Salvini però viene di fatto smentita poco dopo da fonti del Viminale che, consapevoli delle numerose sentenze dei tribunali che hanno dato ragione alle coppie omosessuali, precisano di usare la dicitura neutra "genitori" e non "padre" e "madre" come sbandierato da Salvini.

 

« L' impegno politico del ministro è ridare dignità alla figura di madre e padre - dicono dallo staff del ministro - Al momento sui moduli è stata inserita la definizione "genitori". Probabilmente l' intento di Salvini di tornare alla vecchia dicitura "madre" e "padre" è in contrasto con le leggi in vigore e con le tante sentenze che riconoscono la genitorialità di madri e padri dello stesso sesso», precisano poi.

genitori gay genitori gay

 

Oltre a valutare la recente giurisprudenza i collaboratori del ministro hanno anche considerato che sta alle singole amministrazioni elaborare i testi della modulistica.

Così, i moduli comunali per l' assenso dei genitori per il rilascio della carta d' identità dei minori riportano ormai diciture che vanno dal " paternità/ maternità" di Napoli al " genitore/ tutore/ affidatario" di Milano, al testo di Palermo in cui c' è soltanto un " sottoscritto/ a" che "autorizza il figlio minore".

 

Certo è che dopo le critiche severe di una parte della stampa cattolica, con il bluff dei moduli Salvini ha attirato l' attenzione dei conservatori dell' area. Scontato il plauso del ministro per la famiglia Lorenzo Fontana, che ha twittato «La famiglia, la nostra priorità. Grazie Matteo Salvini! » e delle associazioni Pro Vita onlus e Generazione Famiglia, già co- organizzatrici dei Family Day, mentre le opposizioni approfittano per sottolineare l' inazione del governo nelle politiche di reale sostegno alle famiglie.

 

figlio con due mamme figlio con due mamme

«Le istruzioni burocratiche impartite dal Ministro degli Interni ai Prefetti - dice + Europa in un post - servono ad affermare un principio crudele: che i figli di genitori omosessuali non hanno diritto alla propria identità», mentre Alessia Morani del Pd twitta: « Invece di fare propaganda omofoba Salvini si occupi davvero delle famiglie. Questo governo vuole cancellare gli 80 euro, eliminare le detrazioni e aumentare l' Iva».

 

 

Condividi questo articolo

politica

“SONO ABITUATO A RIMANERE STRITOLATO TRA OPPOSTE TESTE DI CAZZO” - I NO-VAX LO ACCUSANO DI TRADIMENTO, I SÌ-VAX DI IPOCRISIA, MA CACCIARI LA PRENDE CON FILOSOFIA: “ORMAI SONO STRAVACCINATO ANCHE CONTRO GLI IMBECILLI” - “LA TERZA DOSE NON ME LA SAREI FATTA, MA HO DOVUTO PER LAVORARE. IL VACCINO È UTILE, MA DOPO ALCUNI MESI PERDE EFFICACIA. DARE LA COLPA AI NO-VAX È UNA FAVOLA” - “IL QUIRINALE? SIAMO IN UNA PESSIMA SITUAZIONE, IL 2022 SARÀ DRAMMATICO. L’UNICA SCELTA PATRIOTTICA È…”

MA 'NDO VAI SE IL SUPER GREEN PASS NON CE L'HAI - SARANNO I VALDOSTANI A SPERIMENTARE PER LA PRIMA VOLTA IL "LOCKDOWN SELETTIVO": DA OGGI LA VALLE D'AOSTA FINISCE IN FASCIA ARANCIONE E QUINDI SENZA VACCINO NÉ TAMPONI GLI SPOSTAMENTI SARANNO CONSENTITI SOLO IN AUTO, ENTRO 30 CHILOMETRI, PER LAVORO, SALUTE O NECESSITÀ, ALTRIMENTI BISOGNA RESTARE A CASA - L'IMPENNATA DI POSITIVI NELLA REGIONE ERA PREVEDIBILE DOPO LE VACANZE NATALIZIE DOVE IMPAZZAVA IL TURISMO DELLO SCI E LE SECONDE CASE ERANO PIENE…

VIDEO-FLASH! - ALL’EVENTO “PER UNA PA TRASPERENTE”, ORGANIZZATO DAL PULCINO DI CONTE, MARIO TURCO, A UN CERTO PUNTO È PARTITO UN PORNAZZO HENTAI. LA SENATRICE MARIA LAURA MANTOVANI, CHE MODERAVA L’INCONTRO, HA UN ATTIMO DI SCONFORTO E POI CHIEDE AIUTO ALLA REGIA CON FRASI CHE SEMBRAVANO UNA TELECRONACA DI QUANTO APPARIVA SULLO SCHERMO: “QUALCUNO SI È INTRODOTTO”, “DATEMI UNA MANO”. IL TUTTO DI FRONTE AL PREMIO NOBEL GIORGIO PARISI - FARÀ PARTE DELLA STRATEGIA AD EFFETTO DI CONTE O È UN TENTATIVO DI APRIRE A BERLUSCONI?

"LA LEGA FARÀ UNA PROPOSTA CHE POTRÀ ESSERE CONVINCENTE PER TANTI, SE NON PER TUTTI" - SALVINI INIZIA A MUOVERSI PER TUMULARE LA CANDIDATURA DI BERLUSCONI: "LA DEADLINE  PER LA VERIFICA DEI VOTI SU DI LUI SARÀ PRIMA CHE SI COMINCI A VOTARE LA SETTIMANA PROSSIMA" -  I CONSIGLI NON RICHIESTI DEL SUOCERO, DENIS VERDINI: “UN'EVENTUALE SCONFITTA PREGIUDICHEREBBE LA SUA CARRIERA POLITICA”. SE ALLA QUARTA VOTAZIONE SILVIO HA TUTTI I CONSENSI DEL CENTRODESTRA, POTREBBE “RITIRARSI CON DIGNITÀ”. SE MANCASSERO, “SAREBBE UN DISASTRO"

"GLI STATI UNITI SONO IN DECLINO PERCHE' LA SUA COSTITUZIONE È TROPPO VECCHIA" - STEPHEN MARCHE, AUTORE DEL LIBRO "THE NEXT CIVIL WAR": "NON C'È PIÙ IL COLLANTE CHE PER DECENNI HA TENUTO INSIEME IL MOSAICO AMERICANO: L'IDEA CHE LA LIBERTÀ ALLA FINE AIUTA A CONSEGUIRE LA FELICITÀ - LO SCOLLAMENTO CON LA REALTÀ HA PORTATO LA GENTE A PERDERE LA FIDUCIA NELLE ISTITUZIONI. LA POPOLARITÀ DEL CONGRESSO È SCESA AL 10%. ALLA CORTE SUPREMA È LASCIATO IL COMPITO DI DECIDERE COSE IMPORTANTISSIME PER LA NAZIONE. TRUMP È UN SINTOMO DELLA CRISI NON LA CAUSA: IL PROBLEMA NON È CHI È AL POTERE, MA LE STRUTTURE DEL POTERE STESSO"