SARÀ UN GIUGNO MOLTO CALDO PER CONTE! - BEPPE GRILLO, CHE LO CHIAMA IL “PIACIONE”, È CONVINTO CHE PEPPINIELLO APPULO VOGLIA DAVVERO FAR CADERE IL GOVERNO, PER PRESENTARSI CON IL NUOVO SIMBOLO ALLE ELEZIONI ANTICIPATE. SARÀ, INTANTO TRA DUE SETTIMANE I GIUDICI DI NAPOLI DOVRANNO ESPRIMERSI (DI NUOVO) SULLA LEGITTIMITÀ DELLA SUA ELEZIONE A LEADER DEL MOVIMENTO. L’ESITO NON È SCONTATO, E NEL FRATTEMPO TUTTE LE DECISIONI INTERNE SONO BLOCCATE. COMPRESA L’ESPULSIONE DI VITO “PETROV” PETROCELLI. CHE È ANCORA UN ISCRITTO DEL M5S A TUTTI GLI EFFETTI, A DISPETTO DEI PROCLAMI…

-

Condividi questo articolo


GIUSEPPE CONTE GIUSEPPE CONTE

Estratto dell’articolo di Simone Canettieri per “il Foglio”

 

Beppe Grillo pensa che Giuseppe Conte - "il piacione", come lo chiama il comico - voglia rompere con il governo e presentarsi alle prossime elezioni, magari anticipate, con un nuovo simbolo.

 

Ecco, al Garante del Movimento non va giù questo fatto, nonostante la ritrovata armonia con l'ex premier sancita anche da un contratto (300 mila euro all'anno): il simbolo non si cambia.

 

[…] A Palazzo Chigi si dicono tranquilli. E anche al Quirinale sembrano non suonare campanelli particolari. E però giugno sarà un mese complicato per il governo e per il futuro del M5s.  Sarà sempre il calendario, e quindi le cose che accadranno, a dettare l'agenda politica.

giuseppe conte beppe grillo 1 giuseppe conte beppe grillo 1

 

 Innanzitutto c'è un passaggio non banale in tribunale.

 

Il sette giugno i giudici di Napoli dovrebbero esprimersi sulla legittimità dell'elezione di Conte, vicenda che si trascina a colpi di ricorsi e senza particolari entusiasmi ormai da mesi. Motivo per cui tutte le decisioni interne alla vita del primo partito del Parlamento sono bloccate.

 

vito petrocelli intervistato dalle iene vito petrocelli intervistato dalle iene

Una per tutte? Questa è bella: Vito Petrocelli, l'ormai ex presidente della commissione Esteri accusato - e a ragione - di filoputinismo è ancora un iscritto del M5s a tutti gli effetti. Conte lo ha espulso dal gruppo parlamentare, ma non dal partito. E nemmeno lo ha sospeso. […]

 

LUIGI DI MAIO - BEPPE GRILLO - GIUSEPPE CONTE LUIGI DI MAIO - BEPPE GRILLO - GIUSEPPE CONTE

Come conferma lui stesso al Foglio: "Sì, sono uscito dal gruppo parlamentare, ma non ho ricevuto alcuna comunicazione ufficiale dal partito".

 

I probiviri non prendono decisioni fino a quando il tribunale di Napoli non si esprimerà. E se dovesse bloccare di nuovo la leadership di Conte, forse questa volta la creazione di una nuova "cosa" sarebbe più che necessaria.

 

Poi ci sono le elezioni amministrative del 12 giugno: la certificazione di quanto i grillini siano scomparsi dal tessuto locale italiano. […]

GIUSEPPE CONTE VITO PETROCELLI GIUSEPPE CONTE VITO PETROCELLI

 

Dalle parti di Draghi non si sbilanciano sul dl Aiuti e sulla possibile fiducia: "E' presto, lavoriamo su altri dossier. Prima c'è la Concorrenza".

 

Ma la tensione monta. Anche perché nessuno si sente di escludere un possibile quarto invio di armi all'Ucraina per liberare il porto di Odessa. Come si comporterebbe Conte? E Matteo Salvini?

 

Scenari che tormentano il M5s, anche l'ala più governista di Luigi Di Maio. Il ministro degli Esteri però sembra intenzionato a seguire il capo grillino in qualsiasi mossa nonostante tutto. Nessuno strappo, né scissione: "Il M5s è casa mia".

vito petrocelli 6 vito petrocelli 6 vito petrocelli 3 vito petrocelli 3 vito petrocelli 5 vito petrocelli 5

conte grillo conte grillo giuseppe conte beppe grillo 1 giuseppe conte beppe grillo 1 giuseppe conte beppe grillo 2 giuseppe conte beppe grillo 2 GIUSEPPE CONTE SANNA MARIN ENRICO LETTA GIUSEPPE CONTE SANNA MARIN ENRICO LETTA

 

Condividi questo articolo

politica

“TORNA IN MENTE LA FRASE DI DRAGHI SU ERDOGAN ‘DITTATORE DI CUI SI HA BISOGNO’. ORA IL PREMIER LO PROMUOVE A ‘PARTNER, AMICO E ALLEATO’” - TRAVAGLIO FA IL CONTROPELO A MARIOPIO E ALLA SUA VISITA IN TURCHIA: “DOPO LA SCENA VOMITEVOLE DELLE SUFFRAGETTE DI ERDOGAN CHE AD ANKARA STRINGONO MANI INSANGUINATE, FIRMANO AFFARI SULLA PELLE DEI CURDI E SE LA RIDONO ALLE LORO SPALLE, SI SPERA CHE LORSIGNORI NON OSERANNO MAI PIÙ TENERE LEZIONI SU AGGRESSORI E AGGREDITI, LIBERALDEMOCRAZIE E DITTATURE, INVII DI ARMI PER DIFENDERE I VALORI OCCIDENTALI. NON C'È ALCUN VALORE O PRINCIPIO: SOLO BIECHI INTERESSI GEOPOLITICI, STRATEGICI, MILITARI E AFFARISTICI”

"BASTA CON I RIVOLUZIONARI DA SCUOLA RADIO ELETTRA, SALVINI NON ASCOLTI CHI VUOLE USCIRE DAL GOVERNO" - GIORGETTI DIFENDE DRAGHI E CHIEDE AL “CAPITONE” DI NON FARE CAZZATE, ASCOLTANDO BORGHI, BAGNAI E GLI ALTRI “ESTREMISTI” DEL CARROCCIO: “È UN MOMENTO MOLTO PARTICOLARE, DI INCERTEZZA, CHE TRAVAGLIA IMPRESE E FAMIGLIE. OCCORRE SAPER COGLIERE IL SENSO STORICO DEL MOMENTO” - DUE GIORNI FA LO SCONTRO ALLA DIREZIONE DEL PARTITO: “VOI PENSATE CHE IO SIA PARTE DEL PROBLEMA. ALLE MIE SPALLE MI ACCUSATE DI ESSERE UNA SORTA DI INCROCIO FRA RASPUTIN E ANDREOTTI. BENISSIMO, BASTA CHE LO DICIATE…”