SE IN CASA ARCORE C’È DISACCORDO TRA L’EDITORE PAOLO BERLUSCONI E IL FRATEL-PADRONE SILVIO SUL FUTURO DI SALLUSTI, IN VIA SOLFERINO, BAZOLI HA RASSICURATO DE BORTOLI FINO AD APRILE 2015 – IL FLEBUCCIO ANTI-RENZI: “È LA ROVINA D’ITALIA”

Si infittiscono gli editoriali (vedi Michele Ainis) del Corrierone contro Renzi e agli amici stretti Flebuccio sospira che “Renzi è la rovina d’Italia, a ottobre deve fare una manovra da oltre 20 miliardi, magari un prelievo forzoso sui conti correnti, prima dello sbarco della troika Fmi-Bce-Ue…”. E Bazoli è d’accordo sul pensiero debortoliano…

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

 

SPETTACOLO EDOARDO SYLOS LABINI A TEATRO CON PAOLO BERLUSCONI FOTO ANDREA ARRIGA PAOLO BERLUSCONI PENSIEROSO FOTO ANDREA ARRIGA SPETTACOLO EDOARDO SYLOS LABINI A TEATRO CON PAOLO BERLUSCONI FOTO ANDREA ARRIGA PAOLO BERLUSCONI PENSIEROSO FOTO ANDREA ARRIGA

In casa Arcore c’è disaccordo tra l’editore Paolo Berlusconi e il fratel-padrone Silvio sul futuro di Alessandro Sallusti (errata corrige: il suo contratto con il “Giornale è a tempo indeterminato): il primo lo vuole mantenere in sella (“Non c’è di meglio in giro”), l’altro divaga tra mille altri pensieri.

 

In via Solferino, invece, Abramo Bazoli ha rassicurato il pericolante De Bortoli che fino a quando resterà in sella a Banca Intesa, cioè fino alla prossima assemblea dell’aprile 2015, la poltrona di direttore del Corriere della Sera resterà sotto le sue chiappe, per l’infelicità di Elkann e Della Valle che non si mettono d’accordo sul successore.

 

Intanto, dal punto di vista politico, si accentuano gli editoriali (vedi Michele Ainis) del Corrierone contro il governo Renzi e agli amici stretti Flebuccio sospira che “Renzi è la rovina d’Italia, sputtanato in Europa, a ottobre deve fare una manovra da oltre 20 miliardi, magari un prelievo forzoso sui conti correnti, prima dello sbarco della troika Fmi-Bce-Ue…”. E Bazoli è d’accordo sul pensiero debortoliano.

SILVIO BERLUSCONI A PORTA A PORTA DA VESPA FOTO LAPRESSE SILVIO BERLUSCONI A PORTA A PORTA DA VESPA FOTO LAPRESSE

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

politica

PER DUE MESI “STAMPA” E “REPUBBLICA” CI HANNO MARTELLATO LE PALLE SU QUANTO ELLY SCHLEIN ERA “COOL”, NUOVA E FLUIDA,  RISPETTO A QUEL PESCE LESSO DI LETTA E A QUEL BOLLITO DI BONACCINI. OGGI, DOPO LA CADUTA, SCOPRONO CHE A ELLY “SERVIVA UN PROGETTO, E QUEL PROGETTO NON C’È - IL PUNTO SONO LE IDEE. E LE IDEE, DI GRAZIA, QUALI SONO?” – DICE BENE LA JENA BARENGHI: PER POTER VINCERE, LA SINISTRA DEVE FARE UNA MOSSA A SORPRESA: DIVENTARE DI DESTRA” (ABBANDONANDO LE SUPERCAZZOLE CON SCAPPELLAMENTO “SONO LESBO MA NON SONO MENO DONNA”)

SCHLEIN? NEIN! – FOLLI: “UNA LEADERSHIP CHE NON INCIDE. CHE NON COMUNICA ALLA MAGGIORANZA DEGLI ITALIANI, MA SOLO ALL’ARCIPELAGO DELLE MINORANZE - LA VOCAZIONE RIFORMISTA, TIPICA DEI MOMENTI MIGLIORI DEL CENTROSINISTRA STORICO, VA RECUPERATA IL PIÙ PRESTO POSSIBILE. QUESTO COMPORTA NON UN’AUTO-CRITICA IN STILE SOVIETICO, MA UN RIESAME DELLE PRIORITÀ. IL RISCHIO È CHE DAL PD NASCANO DUE PARTITI: UNO RIFORMISTA E UNO MASSIMALISTA. UN REGALO TROPPO GROSSO A GIORGIA MELONI”

DAGONEWS – MARTA FASCINA, CIRCONDATA DAI SUOI DUE ARALDI, ALESSANDRO SORTE E STEFANO BENIGNI, VORREBBE PIENI POTERI IN FORZA ITALIA – NEI GIORNI SCORSI LA “MOGLIE MORGANATICA” DI BERLUSCONI AVREBBE PROVATO A FARE UN BLITZ SUL PARTITO CON UNA “RIMAPPATURA” DEI COORDINATORI REGIONALI - LA BIONDA DEPUTATA HA CHIAMATO TAJANI, AFFIDANDOGLI IL DOCUMENTO, SOSTENENDO CHE FOSSE STATO APPROVATO DAL CAV IN PERSONA. A QUEL PUNTO, IL MINISTRO DEGLI ESTERI HA TELEFONATO A NONNO SILVIO E…

MICHELE SERRA HA PROBLEMI CON LA MEMORIA O È SOLO "FAZIOSO"? – L’EDITORIALISTA DI “REPUBBLICA”, AUTORE DI “CHE TEMPO CHE FA”, SOSTIENE CHE FAZIO “HA SEMPRE LAVORATO IN AUTONOMIA E NON HA DEBITI POLITICI DA SALDARE”. MA BASTA FARE UN BREVE RIPASSINO DELLA CARRIERA DI FABIOLO, DA SEMPRE ORGANICO AL PD, PER DIMOSTRARE IL CONTRARIO - L’APOTEOSI DEL 2001, QUANDO, AL COMIZIO FINALE DELLA CAMPAGNA ELETTORALE DI D'ALEMA, A GALLIPOLI, FAZIO SI RIVOLSE AL LIDER MAXIMO COSÌ: “SONO LA TUA IVA ZANICCHI”; “MI DISPIACE NON POTERTI VOTARE PERCHÉ NON SONO DI QUESTO COLLEGIO, MA…” - VIDEO