SE IN CASA ARCORE C’È DISACCORDO TRA L’EDITORE PAOLO BERLUSCONI E IL FRATEL-PADRONE SILVIO SUL FUTURO DI SALLUSTI, IN VIA SOLFERINO, BAZOLI HA RASSICURATO DE BORTOLI FINO AD APRILE 2015 – IL FLEBUCCIO ANTI-RENZI: “È LA ROVINA D’ITALIA”

Si infittiscono gli editoriali (vedi Michele Ainis) del Corrierone contro Renzi e agli amici stretti Flebuccio sospira che “Renzi è la rovina d’Italia, a ottobre deve fare una manovra da oltre 20 miliardi, magari un prelievo forzoso sui conti correnti, prima dello sbarco della troika Fmi-Bce-Ue…”. E Bazoli è d’accordo sul pensiero debortoliano…

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

 

SPETTACOLO EDOARDO SYLOS LABINI A TEATRO CON PAOLO BERLUSCONI FOTO ANDREA ARRIGA PAOLO BERLUSCONI PENSIEROSO FOTO ANDREA ARRIGA SPETTACOLO EDOARDO SYLOS LABINI A TEATRO CON PAOLO BERLUSCONI FOTO ANDREA ARRIGA PAOLO BERLUSCONI PENSIEROSO FOTO ANDREA ARRIGA

In casa Arcore c’è disaccordo tra l’editore Paolo Berlusconi e il fratel-padrone Silvio sul futuro di Alessandro Sallusti (errata corrige: il suo contratto con il “Giornale è a tempo indeterminato): il primo lo vuole mantenere in sella (“Non c’è di meglio in giro”), l’altro divaga tra mille altri pensieri.

 

In via Solferino, invece, Abramo Bazoli ha rassicurato il pericolante De Bortoli che fino a quando resterà in sella a Banca Intesa, cioè fino alla prossima assemblea dell’aprile 2015, la poltrona di direttore del Corriere della Sera resterà sotto le sue chiappe, per l’infelicità di Elkann e Della Valle che non si mettono d’accordo sul successore.

 

Intanto, dal punto di vista politico, si accentuano gli editoriali (vedi Michele Ainis) del Corrierone contro il governo Renzi e agli amici stretti Flebuccio sospira che “Renzi è la rovina d’Italia, sputtanato in Europa, a ottobre deve fare una manovra da oltre 20 miliardi, magari un prelievo forzoso sui conti correnti, prima dello sbarco della troika Fmi-Bce-Ue…”. E Bazoli è d’accordo sul pensiero debortoliano.

SILVIO BERLUSCONI A PORTA A PORTA DA VESPA FOTO LAPRESSE SILVIO BERLUSCONI A PORTA A PORTA DA VESPA FOTO LAPRESSE

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

politica

LA VERSIONE DI MUGHINI – LE FOTO DEI QUATTRO BELLISSIMI BAMBINETTI PALESTINESI UCCISI NELL’ATTACCO ISRAELIANO A GAZA, CHE POGBA HA OFFERTO ALLA COMMOZIONE DI TUTTO IL MONDO, SONO STRAZIANTI. CERTO CHE LA SITUAZIONE DI GAZA È DISPERATA, LO SAREBBE DI MENO SE CHI LA GOVERNA SPENDESSE NON IN ARMI I SOLDI CHE RICEVE DA TUTTO IL MONDO. GOVERNATA CON ALTRI CRITERI E NON PIÙ VOTATA ALLA DISTRUZIONE DI ISRAELE, GAZA POTREBBE DIVENTARE TUTT’ALTRO SITO CHE QUELLO DELLA DISPERAZIONE. STA A LORO SCEGLIERE QUELLA PISTA, IL NON OFFRIRSI OGNI VOLTA ALL’INEVITABILE E FURIBONDA RAPPRESAGLIA ISRAELIANA…

COME ROSICA “VIRGY” – LA RAGGI, CHE CONTE HA ESCLUSO DALLE LISTE CON LA SCUSA DEL DOPPIO MANDATO, SCOTENNA PEPPINIELLO APPULO: “SERVONO REGOLE, CHIARE E DA SUBITO, PER LE PARLAMENTARIE. IN QUALITÀ DI MEMBRO DEL COMITATO DI GARANZIA, LA PIÙ VOTATA, CREDO CHE VADA DATA UNA RISPOSTA IMMEDIATA” – “IL COMITATO DI GARANZIA DEVE POTER ESAMINARE LA PROPOSTA DI REGOLAMENTO CHE CI DEVE ESSERE SOTTOPOSTA DAL PRESIDENTE E CHE DISCIPLINA, APPUNTO, LE PARLAMENTARIE. IL M5S DEVE POTER DETERMINARE IN MODALITÀ TRASPARENTE E ATTRAVERSO PROCEDURE PARTECIPATE LA FORMAZIONE DELLE LISTE"