SPUTTANASCION BY WIKILEAKS! QUANDO GENTILONI SUPPLICAVA VIA MAIL UN FACCIA A FACCIA CON HILLARY - CHISSÀ A CHE TITOLO LA CLINTON, CHE NON AVEVA INCARICHI PUBBLICI, AVREBBE POTUTO DISCUTERE MEGLIO DI KERRY DEI DOSSIER DI POLITICA INTERNAZIONALE COL NOSTRO MINISTRO DEGLI ESTERI - AH, SAPERLO...

Condividi questo articolo

RENZI GENTILONI RENZI GENTILONI

Franco Bechis per Libero Quotidiano

 

Fra le varie mail della corrispondenza di John Podesta, capo della campagna elettorale di Hillary Clinton, pubblicate da Wikileaks, ce ne è anche qualcuna partita dall' Italia. Come la serie inviata dal capo della segreteria particolare del ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, a Huma Abedin, la più stretta collaboratrice di Hillary.

 

A leggere quelle corrispondenze, che precedevano un viaggio negli Stati Uniti il 9 dicembre del 2014, Gentiloni stava supplicando un faccia a faccia con Hillary fosse stato solo per un caffè. Huma, la collaboratrice di origine marocchina che è diventata nota soprattutto per gli scandali dell' ex marito (da cui ora si è separata), Antonhy Weiner, è stata sempre cortesissima. Ma il caffè non l' ha concesso.

HILLARY CLINTON HILLARY CLINTON

 

Nonostante la segreteria di Gentiloni assicurasse che altri incontri, come quello con il sottosegretario di Stato John Kerry, si sarebbero chiusi alla velocità della luce in caso di un sì di Hillary. Pare che la futura candidata democratica alla Presidenza non si sia sciolta davanti alle parole della segreteria di Gentiloni, che giurava che per il ministro italiano «sarebbe stato un onore incontrala e discutere con lei dei principali dossier di politica internazionale.

 

Aggiungo che Gentiloni è anche membro del Partito democratico italiano, e perciò siamo legatissimi ai democratici americani...». Chissà a che titolo la Clinton, che non aveva incarichi pubblici, avrebbe potuto discutere meglio di Kerry dei dossier di politica internazionale...

KERRY GENTILONI KERRY GENTILONI

 

 

Condividi questo articolo

politica

FLASH! SIETE CURIOSI DI SAPERE PERCHÉ IL GIOVANE DIBBA SPARI UN GIORNO SÌ E L'ALTRO PURE CONTRO I SUOI AMICI GRILLINI? BEH, IL CHE GUEVARA DI PONTE MILVIO A MARZO 2018 AVEVA DECLINATO L'OFFERTA DI UN MINISTERO CONVINTO CHE IL SUO MOMENTO DA LEADER SAREBBE ARRIVATO PRESTO. INVECE, VISTI I CHIARI DI LUNA, LUI NEL CONTE-BIS UN POSTO LO VOLEVA ECCOME, SOLO CHE SI È DOVUTO SCONTRARE COL VETO DEL PD. UN VETO CHE A DI MAIO È PIACIUTO MOLTO… - AMORALE DELLA FAVA: SE OGGI SI DESSE FUOCO COME UN BONZO DAVANTI A PALAZZO CHIGI, I SUOI COMPAGNI DI PARTITO MANCO SE NE ACCORGEREBBERO…

ITALIA FATTA A MAGLIE - CARO DAGO, NON SONO IN GRA-MAGLIE PER SALVINI: NON SAI CHE SOLLIEVO SAPERE CHE FRANCESCHINI POTRÀ PRANZARE NELLE TRATTORIE ROMANE SENZA CHE QUALCHE GRILLINO LO INSULTI. A ME L'OPPOSIZIONE MI METTE DI BUONUMORE, E DAL GOVERNO PASSATO NON AVEVO OTTENUTO NEMMENO UNO STRACCIO DI STRISCIA DI 5 MINUTI (VERO, GIANLUIGI PARAGONE?). CERTO, TRUMP HA CACCIATO BOLTON COME UN TONINELLI QUALUNQUE, E SI È PRESO IN CARICO GIUSEPPI CONTE, MA IL FALCO È GIÀ STATO VENDICATO