SPUTTANASCION BY WIKILEAKS! QUANDO GENTILONI SUPPLICAVA VIA MAIL UN FACCIA A FACCIA CON HILLARY - CHISSÀ A CHE TITOLO LA CLINTON, CHE NON AVEVA INCARICHI PUBBLICI, AVREBBE POTUTO DISCUTERE MEGLIO DI KERRY DEI DOSSIER DI POLITICA INTERNAZIONALE COL NOSTRO MINISTRO DEGLI ESTERI - AH, SAPERLO...

Condividi questo articolo

RENZI GENTILONI RENZI GENTILONI

Franco Bechis per Libero Quotidiano

 

Fra le varie mail della corrispondenza di John Podesta, capo della campagna elettorale di Hillary Clinton, pubblicate da Wikileaks, ce ne è anche qualcuna partita dall' Italia. Come la serie inviata dal capo della segreteria particolare del ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, a Huma Abedin, la più stretta collaboratrice di Hillary.

 

A leggere quelle corrispondenze, che precedevano un viaggio negli Stati Uniti il 9 dicembre del 2014, Gentiloni stava supplicando un faccia a faccia con Hillary fosse stato solo per un caffè. Huma, la collaboratrice di origine marocchina che è diventata nota soprattutto per gli scandali dell' ex marito (da cui ora si è separata), Antonhy Weiner, è stata sempre cortesissima. Ma il caffè non l' ha concesso.

HILLARY CLINTON HILLARY CLINTON

 

Nonostante la segreteria di Gentiloni assicurasse che altri incontri, come quello con il sottosegretario di Stato John Kerry, si sarebbero chiusi alla velocità della luce in caso di un sì di Hillary. Pare che la futura candidata democratica alla Presidenza non si sia sciolta davanti alle parole della segreteria di Gentiloni, che giurava che per il ministro italiano «sarebbe stato un onore incontrala e discutere con lei dei principali dossier di politica internazionale.

 

Aggiungo che Gentiloni è anche membro del Partito democratico italiano, e perciò siamo legatissimi ai democratici americani...». Chissà a che titolo la Clinton, che non aveva incarichi pubblici, avrebbe potuto discutere meglio di Kerry dei dossier di politica internazionale...

KERRY GENTILONI KERRY GENTILONI

 

 

Condividi questo articolo

politica

TOH, GUALTIERI E FRANCESCHINI FINALMENTE HANNO CAPITO CHE IL CONTE CASALINO, DOPO AVER INFINOCCHIATO QUELLO SPROVVEDUTO DI DI MAIO, RESPONSABILE DI AVERLO PORTATO A PALAZZO CHIGI ALL’EPOCA DI SALVINI, HA PRESO PER IL CULO ANCHE IL PD, INCIUCIANDO CON L’INETTO ZINGARETTI – MA, AL DI LÀ DEL MES (I 5STELLE ALLA FINE DIRANNO DI SÌ) I NODI RISCHIANO DI VENIRE PRESTO AL PETTINE PER IL CONTE DELLA VASELINA: COME AFFRONTARE AD ESEMPIO IL DRAMMA DELLA CASSA INTEGRAZIONE, CHE SCADE A SETTEMBRE? I SOLDI SONO FINITI E UNA MONTAGNA DI DISOCCUPATI CHE RISCHIA DI TRAVOLGERE TUTTO E TUTTI