IN STILE BANANA, BEPPEMAO HA CAPITO CHE LE ELEZIONI SI VINCONO INTORTANDO LE NONNE - FRECCERO: “LA TV GENERALISTA SPOSTA VOTI. QUESTA È LA POLITICA DELLE REGALIE: RENZI PROMETTE GLI 80 EURO, BERLUSCONI LE DENTIERE E GRILLO VUOLE ALZARE LE PENSIONI MINIME”

“Da Vespa potrà rivolgersi a un pubblico che finora ha solo sfiorato: quello di età medio-alta, che legge quotidiani “pesanti”. E questo sarà importante anche alla luce degli ultimi fatti giudiziari. Grillo ha sempre detto che Vespa era il fazioso dei faziosi e che la tv generalista è morta. Ma nella comunicazione non c’è memoria”…

Condividi questo articolo


Luca De Carolis per il "Fatto quotidiano"

stefania orlando e carlo freccerostefania orlando e carlo freccero

Grillo va da Vespa perché si sente in finale. Vuole parlare a un pubblico a cui di solito non parla: anziani e famiglie". Carlo Freccero, autore tv ed ex direttore di varie reti Rai, comprende la "svolta" del fondatore di M5S, che lunedì 19 sarà ospite di Porta a Porta: "La tv generalista sposta ancora tanti voti".

Gli avrebbe consigliato di partecipare?
Non ho nulla da consigliargli, perché Grillo sa come usare i media, dal web alla televisione. Detto questo, la sua scelta è comprensibile: lui ormai non si sente più un outsider, ma un leader che può vincere le Europee. Nella sua lotta mirata contro l'avversario Renzi gli serve anche andare a Porta a Porta.

Perché potrà parlare a tutti?
Certo, potrà rivolgersi a un pubblico che finora ha solo sfiorato: quello di età medio-alta, che legge quotidiani "pesanti". E questo sarà importante anche alla luce degli ultimi fatti giudiziari. La tangentopoli da larghe intese potrebbe veicolare verso il M5S i voti di strati di società che non ne possono più, ma che qualche settimana fa non l'avrebbero preso in considerazione.

Insomma, Grillo può sfondare anche tra gli anziani.
Sì, e in questo senso andare da Vespa potrebbe essergli molto utile. Nella sua trasmissione potrà tralasciare i temi di macroeconomia, tipici della sinistra, concentrandosi sulla microeconomia: dai problemi delle piccole e medie imprese, allo sperpero di denaro pubblico sui territori.

Sono argomenti più popolari?
Sì, pagano decisamente più.

Freccero leggeFreccero legge

Rimane una contraddizione: Grillo ha sempre detto che Vespa era il fazioso dei faziosi.
Certo. Non solo: ha sempre ripetuto che la tv generalista è morta.

Quindi...
La contraddizione è evidente. Ma nella comunicazione non c'è memoria, si può anche dire l'opposto di quello che si affermava poco prima. Grillo sa bene che la tv generalista non è affatto defunta. E allora andrà da Vespa, magari alternando bastone e carota: parlerà delle sue proposte e farà qualche numero da disturbatore. Cercherà di dimostrare che lui non è solo l'uomo della rabbia.

Vespa però è un cliente difficile. Cosa potrebbe riservargli?
Secondo me userà molti numeri, con tabelle. Potrebbe presentargli i costi del reddito di cittadinanza, per dimostrare quanto è difficile da realizzare.

SILVIO BERLUSCONI A PORTA A PORTA DA VESPA FOTO LAPRESSESILVIO BERLUSCONI A PORTA A PORTA DA VESPA FOTO LAPRESSE

Accettando di andare come ospite, Grillo lo legittima.
Ma anche Vespa ospitandolo legittima il leader di 5 Stelle. Nessuno dei due può fare a meno dell'altro: il conduttore sa che la puntata sarà comunque un evento, mentre Grillo ha bisogno della trasmissione per inseguire qualche punto in più.

Sta di fatto che ormai il leader di M5S ha sdoganato la tv.
Senza dubbio. Da Mentana era andato molto bene, con il 10 per cento di share. Sono convinto che tornerà su La7, dalla Innocenzi (ad AnnoUno, ndr). E non mi sorprenderei se andasse a Rai Tre.

Nella rincorsa al voto degli anziani, Berlusconi è arrivato a promettere dentiere gratis. Ha ancora un senso?
Ce l'ha, eccome. Ormai questa è la politica delle regalie: Renzi promette gli 80 euro, Berlusconi le dentiere e Grillo vuole alzare le pensioni minime. La gente non vota più i partiti, ma i candidati, quelli più bravi sui media e che fanno promesse economiche.

RENZI PORTA A PORTARENZI PORTA A PORTA

 

GRILLO A ROMAGRILLO A ROMA

 

Condividi questo articolo

politica

“CI VUOLE UNA BELLA FACCIA TOSTA COME QUELLA DI RENZI PER DIRE CHE IL 41 BIS È STATA UNA VITTORIA POLITICA” IL SENATORE M5S SCARPINATO PRENDE A SCARPATE MATTEUCCIO: “LA LEGGE SUL 41 BIS È UNA LEGGE SPORCA DI SANGUE, VERSATO DA PAOLO BORSELLINO E DAI 5 AGENTI DELLA SCORTA CHE COSTRINSE UN PARLAMENTO RIOTTOSO AD APPROVARE IL 41 BIS. FU UNA VITTORIA DELLO STATO E DELLA SOCIETÀ CIVILE” – LA REPLICA DI RENZI CHE TIRA IN BALLO PALAMARA E IL PRESIDENTE EMERITO NAPOLITANO - VIDEO

“IL 41 BIS PER COSPITO? PER LUI C’ERANO ALTRI STRUMENTI ANCHE PER EVITARE UNA SALDATURA TRA FRANGE DEL TERRORISMO E CRIMINALITÀ ORGANIZZATA” – L'EX MINISTRO DELLA GIUSTIZIA, ANDREA ORLANDO, SI SCAGLIA CONTRO DONZELLI CHE HA ACCUSATO LUI E GLI ALTRI PARLAMENTARI DEM CHE SONO ANDATI A TROVARE COSPITO IN CARCERE DI AVER INCORAGGIATO L'ANARCHICO NELLA SUA BATTAGLIA CONTRO LO STATO: “RIDICOLO E CALUNNIOSO. NESSUNO DI NOI HA SPOSATO LA BATTAGLIA CONTRO IL 41 BIS. ABBIAMO CHIESTO CHE COSPITO FOSSE TRASFERITO PER LE SUE CONDIZIONI SANITARIE. LA MAGGIORANZA PROVA A INTIMIDIRCI. È UNA VICENDA INQUIETANTE”

CONTE S'È MAGNATO IL MOVIMENTO, CHE ORA E' UN PARTITO COME GLI ALTRI – PEPPINIELLO APPULO HA MODIFICATO IL "CODICE ETICO" SI È MESSO AL VERTICE DEL M5S CHE NON E' PIU' "SCALABILE" - LA SCELTA È STATA APPROVATA DAL “COMITATO DI GARANZIA” COMPOSTO DA FICO, LAURA BOTTICI E DA VIRGINIA RAGGI (CHE HA VOTATO CONTRO LA MODIFICA) ­- LE RESTITUZIONI DEGLI ELETTI FINANZIERANNO IL MOVIMENTO, IN BENEFICENZA ANDRÀ SOLO UNA PICCOLA QUOTA - ADDIO ANCHE ALLE RENDICONTAZIONI DELLE SPESE DEGLI ELETTI...

“NON MI DIMETTO E I DOCUMENTI CONDIVISI CON DONZELLI NON SONO CLASSIFICATI, NÉ SECRETATI E NEMMENO RISERVATI” - IL SOTTOSEGRETARIO ALLA GIUSTIZIA ANDREA DELMASTRO VA CONTRO NORDIO CHE HA SOSTENUTO CHE “GLI ATTI RIFERITI AL 41 BIS SONO SEMPRE SENSIBILI”: “GIORGIA MELONI MI HA CHIESTO SE ERANO INFORMAZIONI SEGRETE. LE HO RISPOSTO DI NO. IO E DONZELLI CI CONOSCIAMO DA ALMENO 25 ANNI. NEL MOVIMENTO GIOVANILE CI “BECCHETTAVAMO” SPESSO. IO SONO DI BIELLA, LUI TOSCANO. POI TUTTO È CAMBIATO QUANDO È NATO FRATELLI D’ITALIA. SI SONO RIMESCOLATE TUTTE LE CARTE. POLITICHE E UMANE…”