LO STRANO SILENZIO DI FABIO PANETTA - È ENTRATO NEGLI UFFICI DEL PARLAMENTO EUROPEO SENZA DIRE UNA PAROLA. E NE È USCITO ALTRETTANTO SILENZIOSO. MA SOPRATTUTTO CON LO SGUARDO DI CHI AVREBBE VOLUTO DIRE: “NON VOGLIO PARLARE DI ITALIA” - I GIORNALISTI HANNO CERCATO DI FARGLI DOMANDE SULLE IPOTESI DI UNA NOMINA AL MINISTERO DELL’ECONOMIA - EVENTUALITÀ CHE L’EX DG DI BANKITALIA HA FINORA DECLINATO CON DECISIONE...

-

Condividi questo articolo


Claudio Tito per “la Repubblica”

 

il banchiere fabio panetta il banchiere fabio panetta

È entrato negli uffici del Parlamento europeo senza dire una parola. E ne è uscito altrettanto silenzioso. Ma soprattutto con lo sguardo di chi avrebbe voluto dire: “Non voglio parlare di Italia”. Fabio Panetta, componente italiano del Consiglio direttivo della Bce, ha partecipato ieri ad una audizione presso la commissione Affari economici dell’Eurocamera.

 

Tema: l’euro digitale. I giornalisti hanno cercato di porgli domande sul suo futuro “italiano”. Ossia sulle ipotesi di una nomina al Ministero dell’Economia. Eventualità che l’ex direttore generale della Banca d’Italia ha finora declinato con decisione. Con la stessa decisione non ha nascosto il fastidio nei confronti dei cronisti interessati a riproporre il tema.

 

fabio panetta fabio panetta

«A giugno – ha spiegato illustrando l’argomento all’ordine del giorno - abbiamo considerato come progettare l’euro digitale». La Bce dovrebbe esprimersi nell’ottobre del 2023. Un argomento che stride con la maggioranza che sosterrà il futuro governo. Tra le loro proposte, infatti, figura anche quella di alzare la soglia dei pagamenti in contante. Un ulteriore fattore che evidentemente ha esortato Panetta a tenere il massimo silenzio sulle vicende del nostro Paese.

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! IO SO’ GIORGIA E TU NON SEI NESSUNO - TRA INTERVISTE SU CORRIERE E REPUBBLICA E POST SU FACEBOOK, MELONI HA VOLUTO RIBADIRE CHE IL NOMIGNOLO DI DUCETTA SE L’È PROPRIO MERITATO. IN CAMPO CI SONO SOLO IO, IO, IO E IL GOVERNO MIO. TUTTE LE SPARATE DI SALVINI (MAI CITATO NELLE INTERVISTE, AL PARI DI BERLUSCONI) SE LE È INTESTATE (DAL NO-POS FINO A 60 EURO AL TETTO AL CONTANTE) PER RIBADIRE CHE IL SUO GOVERNO È UNITO. E LEI DEVE ESSERE IL CAPO. E LO FA CON IL CIPIGLIO CON CUI WANNA MARCHI DECANTAVA LE SUE "OFFERTE". "D'ACCORDO?!" - MA ANCHE LA DUCETTA HA COMMESSO UN MADORNALE ERRORE POLITICO: L’INCONTRO FACCIA A FACCIA CON CICCIO CALENDA…

ALLORA È UN VIZIO! - LE FOTO HOT DI LILIANE MUREKATETE RISALGONO AL 2012, E PER QUEL SERVIZIO IL FOTOGRAFO NON HA RICEVUTO MANCO UN EURO (MANCO I LAVORATORI DELLA COOPERATIVA "KARIBU") – PARLA ELIO CARCHIDI, L'AUTORE DEGLI SCATTI: “QUANTO È COSTATO IL SERVIZIO? NULLA, LA SIGNORA RITRATTA NON LE HA PAGATE. SI È INVECE OCCUPATA DELL’AMBIENTAZIONE DEL SUO LOOK” – “DI SOLITO SI TROVANO ACCORDI TRA MODELLA E FOTOGRAFO E SI SPERA DI POTER POI VENDERE A GIORNALI E RIVISTE QUESTE FOTO. ALL’EPOCA NON ANDÒ” – "HO CLIENTI DI OGNI TIPO, CAPITANO ANCHE SIGNORE CHE VOGLIONO FARE LE MODELLE O LE ATTRICI. ERA UNA RICHIESTA ABBASTANZA USUALE". MA PERCHÉ LILIANE VOLEVA A TUTTI I COSTI FOTO CON LE ZINNE DI FUORI E IL PELO ALL'ARIA?

VIDEO-FLASH! – NUN GNA' FA RENZI, OSPITE DI LUCIA ANNUNZIATA, AD AMMETTERE CHE DIETRO IL VIDEO DEL SUO INCONTRO CON LO 007 MARCO MANCINI NON CI SONO I SERVIZI. LUCIA PROVA A FARGLI CHIEDERE SCUSA A RANUCCI, MATTEONE COMINCIA A BALBETTARE E SI BUTTA SU “IL MOSTRO”: "SE HAI LETTO IL LIBRO SAI CHE NON È CREDIBILE LA STORIA DI 'REPORT' CHE DICE CHE LA MIA MACCHINA VA A DESTRA E LA MACCHINA DI MANCINI A SINISTRA. PERCHÉ FA IL FRONTALE!" - IN SOTTOFONDO, LO SENTITE ANCHE VOI LO STRIDERE DELLE UNGHIE SUGLI SPECCHI?