- SUP-POSTE ITALIANE! I RENZIANI APRONO IL FRONTE DELLA PRIVATIZZAZIONE DEI POSTINI: ALTRO CHE L’INUTILE TAGLIO DELLO 0,3% DEL DEBITO PUBBLICO, - I SOLDI VENGANO USATI PER RIDURRE LE TASSE! -

Il renziano Gelli: “Otto miliardi su 2.104 di debito sono una goccia inutile”. Il cattolico Bobba: “Il ricavato serva a finanziare il piano Renzi per l’edilizia scolastica”. I piddini annunciano battaglia in parlamento e nelle commissioni contro il blitz Letta-Saccomanni…

Condividi questo articolo


1 - POSTE: GELLI (PD),RICAVI PRIVATIZZAZIONE PER RIDURRE TASSE
(ANSA) - "Il ricavato dalla privatizzazione del 40% delle Poste venga utilizzato per una misura concreta in favore dell'economia, come ad esempio la riduzione delle tasse ai lavoratori". E' quanto chiede il deputato del Partito democratico, Federico Gelli, componente della commissione Affari sociali della Camera.

Poste Italiane jpegPoste Italiane jpeg

"Il governo - aggiunge - ha annunciato l'intenzione di voler utilizzare i circa 8 miliardi che potrebbero arrivare dalla vendita della quota di Poste nella riduzione del debito pubblico. In sostanza, il governo vorrebbe tagliare dello 0,3% il debito, che a novembre ha raggiunto la quota record di 2.104 miliardi di euro. Una goccia che puo' sembrare inutile, per risparmiare una cifra irrisoria in termini di minori interessi".

PostemobilePostemobile

"L'abbattimento del debito pubblico - prosegue Gelli - deve arrivare innanzitutto con il ritorno alla crescita del prodotto interno lordo. I ricavi delle privatizzazioni vengano utilizzati per far ripartire l'economia, iniziando con un taglio veramente incisivo del cuneo fiscale. E' opportuno che in commissione si discuta approfonditamente".

2 - POSTE: BOBBA, PRIVATIZZAZIONE FINANZI PIANO SCUOLA RENZI

(ANSA) - "I ricavi della privatizzazione di parte di Poste Italiane servano a finanziare il piano di ristrutturazione degli edifici scolastici proposto da Matteo Renzi, 5 miliardi per mettere in sicurezza mille scuole in tutta Italia". E' quanto chiede il deputato del Partito democratico, Luigi Bobba, componente della commissione Bilancio della Camera.

poste italiane sarmiposte italiane sarmi SACCOMANNI E LETTASACCOMANNI E LETTA

"Occorre valutare con attenzione - spiega Bobba - se i 5-7 miliardi che si ricaveranno dalla vendita del 40% delle Poste sia realmente utile metterli nella riduzione infinitesimale del debito pubblico monstre che sfora i 2mila miliardi di euro. I risparmi che si avrebbero sul pagamento degli interessi sarebbero impercettibili per le casse dello Stato, mentre l'avvio di un piano serio di ristrutturazione delle scuole, come proposto da Renzi, avrebbe il merito di dare un segnale di ripartenza per il settore edilizio e mettere in sicurezza le aule dove ogni giorno studiano i nostri figli. Su questo provvedimento il parlamento dira' sicuramente la sua".

3 - SCUOLA, MARCUCCI (PD): BENE IMPEGNO CARROZZA, NECESSARIA ANAGRAFE EDILIZIA SCOLASTICA

(ilVelino/AGV NEWS) - "La scuola entri come priorita nel patto di Governo 2014. Va certamente apprezzato l'impegno del ministro Carrozza per garantire agli studenti e al Paese scuole sicure ed idonee." Lo afferma il presidente della Commissione Istruzione a Palazzo Madama, Andrea Marcucci, commentando il via libera al decreto che facilita le spese per l'edilizia scolastica. "Si tratta di una misura - spiega Marcucci - che rende piu agevole ai sindaci e ai presidenti delle Province l'utilizzo di risorse per migliorare lo spazio dove gli studenti trascorrono gran parte del loro tempo".

SACCOMANNISACCOMANNI

"La sicurezza e fondamentale. Per questo - continua Marcucci - riteniamo che sia urgente e necessario un controllo sistematico dello stato di sicurezza degli edifici delle scuole italiane, e che venga finalmente realizzata la tanto attesa anagrafe, utile anche alle istituzioni per avere una mappatura degli interventi urgenti da fare nelle scuole degradate o in quelle situate in zone ad alto rischio sismico. Ci sembra praticabile - conclude Marcucci - la proposta di avviare una seria ristrutturazione degli edifici scolastici con i ricavi della privatizzazione di parte di Poste Italiane".

Matteo RenziMatteo Renzi

 

 

Condividi questo articolo

politica

MANOVRA DELLE MIE BRAME: CHI HA SBAGLIATO DI PIU’ NEL REAME? MELONI E SALVINI - LE BOCCIATURE DI BANKITALIA, CNEL E CORTE DEI CONTI ALLA FINANZIARIA DEL CENTRODESTRA VERTONO SU QUATTRO PUNTI (POS E CONTANTE, FISCO, REDDITO DI CITTADINANZA E RIDUZIONE DEL DEBITO), TRE DEI QUALI HANNO LE IMPRONTE DIGITALI DI SALVINI (E GIORGIA NON SI SMARCA) - FITTO, IN ROTTA CON SALVINI, NON SA COME SPIEGARE A BRUXELLES CHE IL PNRR E’ IN ALTO MARE - BISOGNA SEMPLIFICARE IL CODICE DEGLI APPALTI: DRAGHI AVEVA MOBILITATO IL CONSIGLIO DI STATO, IL CAPITONE VUOLE RISOLVERE “CON L’ACCETTA” (ED E' FINITA A SCHIFIO)

VICOLO STRETTO – SALVINI IERI HA SBANDIERATO LA DISPONIBILITÀ EUROPEA A COINVESTIRE NEL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA, MA IL SUO ENTUSIASMO È ESAGERATO. LA COMMISSIONE HA SÌ OFFERTO LA PROPRIA COLLABORAZIONE, MA NON SI TRATTA DI UNA DECISIONE OPERATIVA, COME HA PRECISATO LA COMMISSARIA UE AI TRASPORTI, ADINA VALEAN: “ABBIAMO DISCUSSO SOLO DELL’INCLUSIONE DEL PONTE NELLE TEN-T”, OSSIA NELLA RETE EUROPEA DEI TRASPORTI - STOCCATINA FINALE ALL'ITALIA: “A PARTE AVERE UNA INTENZIONE, BISOGNA AVERE UNA FASE DI PREPARAZIONE E POI ESSERE PRONTI PER LA COSTRUZIONE EFFETTIVA…”

TUTTE LE DOMANDE SENZA RISPOSTA DEL CASO CONSIP – “IL FATTO” ELENCA I PUNTI CHE RENZI E SUO PADRE DEVONO CHIARIRE NEL PROCESSO PER TRAFFICO DI INFLUENZE ILLECITE, CHE VEDE IMPUTATO TIZIANO RENZI: “COSA INTENDEVA IL SENATORE QUANDO DICEVA AL PADRE AL TELEFONO NEL MARZO 2017: 'LA VERITÀ TU NON L'HAI DETTA A LUCA IN PASSATO, QUINDI TI PREGO DI INIZIARE A DIRLA E NON MI FAR DIRE ALTRO'. PER CASO LUCA ERA LUCA LOTTI? LA DOMANDA È PERTINENTE PERCHÉ NELLO STESSO PROCESSO LOTTI È IMPUTATO PER RIVELAZIONE DI SEGRETO E FAVOREGGIAMENTO, AVREBBE DETTO ALL'AD LUIGI MARRONI CHE C'ERANO LE INTERCETTAZIONI BRUCIANDO LE INDAGINI SU CONSIP" - GLI INCONTRI DI TIZIANO CON RUSSO E ROMEO E LA CRONOLOGIA RICOSTRUITA DALLE INFORMATIVE DEI CARABINIERI...