IL TANGO PER EVITARE MOHAMED BIN SALMAN -  GRANDE IMBARAZZO AL G-20 ALLA “FOTO DI FAMIGLIA”: I LEADER RIUNITI HANNO EVITATO MBS - LUI GIOCA CON IL VESTITO PER INGANNARE IL TEMPO MENTRE GLI ALTRI GLI INVIANO UN SEGNALE DI CONDANNA PER IL SUO COINVOLGIMENTO NELL’OMICIDIO DI KHASHOGGI – TUTTI TRANNE UNO… (VIDEO)

-

Condividi questo articolo

 

Gianluca Ales per "tg24.sky.it"

 

g 20 4 g 20 4

Ci sono due foto che inquadrano perfettamente l’atmosfera che si è respirata al G-20 di Buenos Aires. La prima è la cosiddetta “foto di famiglia”, con tutti i leader riuniti. In questa Mohamed bin Salman è in una posizione defilata, circondato da facce assenti. Nessuno gli rivolge lo sguardo.

 

Le espressioni, più che le posizioni - decise da un rigido protocollo, in queste foto sono decisive. E quelle per MbS, nel linguaggio della diplomazia, esprimevano un giudizio: “paria”.

g 20 3 g 20 3

 

L’erede al trono saudita, regnante de facto, subiva quindi la condanna espressa dalla comunità internazionale per il suo coinvolgimento nell’omicidio di Jamal Khashoggi.

 

Un "cinque" che sdogana

Poi, però, ce n’è un’altra, con Vladimir Putin, in cui i due si scambiano un “cinque” sorridenti e una vigorosa stretta di mano. Va bene, si dirà, in fondo anche il presidente russo – a causa del dossier ucraino - non gode di una particolare stima e affetto, e si tratta di una “solidarietà” tra personaggi scomodi.

 

Non è così. La stretta di mano da parte di Putin è invece lo sdoganamento dell’altrimenti imbarazzante MbS, il quale, a parte la foto di famiglia, non ha subito alcun tipo di isolamento. Basti pensare che la sua agenda ha previsto ben 12 incontri tra cui, per intenderci Justin Trudeau, Theresa May, Birendra Modi, Emmanuel Macron, Xi Jinping e, tanto per non farci parlare dietro da nessuno, anche Giuseppe Conte.

 

g 20 2 g 20 2

Bisogna dire che - esclusi Xi e Modi, beatamente disinteressati alla vicenda - tutti hanno tenuto a chiarire che la vicenda Khashoggi è stata approfondita negli incontri e che è stata chiesta un’indagine internazionale per fare luce sul brutale omicidio avvenuto nel consolato saudita di Istanbul.

 

Detto ciò, si è parlato di affari.

Ora, nessuno può pensare che la politica estera si faccia con il parametro dell’etica, altrimenti non potremmo praticamente approvvigionarci di materie prime: si pensi a quel che succede in Congo e al preziosissimo (per i nostri cellulari e pc) coltan, o ai materiali plastici di cui siamo circondati e alla provenienza del petrolio con cui vengono prodotti.

 

g 20 1 g 20 1

I "no" che contano

Però forse si potrebbe pretendere un minimo di coerenza da chi ci governa. Inutile alzare alti lai sul brutale omicidio se poi non si ha nemmeno la forza di isolare – almeno pro forma - il presunto responsabile a un vertice internazionale.

In questo va riconosciuto che almeno Angela Merkel ha opposto il suo pesante rifiuto ad incontrare MbS.

 

FOTO UFFICIALE G-20 FOTO UFFICIALE G-20

Discorso diverso invece per il turco Recep Tayyip Erdogan, che si è negato alle richieste di meeting di MbS: l’omicidio è avvenuto sul suo territorio ed è in competizione con Riyadh per la leadership del mondo sunnita.

 

Ha respinto la ricostruzione – sostenuta da Trump - secondo cui “non è possibile individuare un responsabile” e ha sottolineato che la sua non è una spinta politica, ma fame di giustizia. E Erdogan paladino dei diritti civili era un paradosso che proprio ci mancava.

g 20 5 g 20 5

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


politica

FINCHÈ C’È VIRUS C’È SPERANZA – L’ISOLAMENTO FIDUCIARIO SI STA RIVELANDO UN FLOP E IL MINISTRO CORRE AI RIPARI IPOTIZZANDO UNA SERIE DI MISURE PER EVITARE CHE IL CONTAGIO DILAGHI: DAL RICOVERO OBBLIGATORIO PER CHI I SINTOMI DI COVID-19 AI CONTROLLI PER CHI ARRIVA IN ITALIA DA PAESI EXTRA UE, CON L'IPOTESI DI TAMPONI AI PASSEGGERI DOPO L'ATTERRAGGIO – I NUOVI FOCOLAI DIMOSTRANO CHE IL VIRUS LO STIAMO PORTANDO DALL’ESTERO E CRISANTI AVVERTE:  “QUI STANNO ENTRANDO PERSONE CON UNA CARICA VIRALE MOLTO ALTA…”

RICICCIA L'ETERNO LIBRO DEI SOGNI – DOPO ESSERE RIMASTI L’UNICO PAESE NELL'UE A NON AVER PRESENTATO UN PIANO DI RIFORME, CONTE PARTORISCE UNA BOZZA CHE DOMANI POTREBBE ARRIVARE AL CONSIGLIO DEI MINISTRI, CHE E' LA SOLITA SOLFA: ALLEGGERIMENTO DELLA PRESSIONE FISCALE E DELL’IVA, NIENTE CONDONO, CONTRASTO ALL’EVASIONE FISCALE E RICICCIA IL SALARIO MINIMO – L'INUTILE GUALTIERI, INVECE DI DIRLO A SE STESSO, LO DICE AGLI ALTRI: “FARE PRESTO PER EVITARE LA DEPRESSIONE ECONOMICA…”

SETTEMBRE, ANDIAMO. E' TEMPO DI DESALVINIZZARE LA LEGA – GIORGETTI, L’EMINENZA GRIGIA DI ZAIA, SI È MESSO SULLA RIVA DEL FIUME AD ASPETTARE CHE IL CADAVERE DEL CAPITONE PASSI E PROSPETTA UN TRACOLLO SOCIALE: “L'AUTUNNO SARÀ DRAMMATICO. POTRÀ SALVARCI SOLO UNA SCELTA BIPARTISAN” –  POI TORNA A FAR FISCHIARE LE ORECCHIE A DRAGHI: “PENSO NON CI SIA ALTRA VIA PER EVITARE CHE SALTI TUTTO” (LO VEDETE L'EX PRESIDENTE DELLA BCE CHE SI METTE A DISCUTERE CON QUELLE NULLITA' DI ZINGA, DI MAIO E RENZI?) – A SALVINI CHE CHIEDE IN PIAZZA IL VOTO, GIORGETTI LO PERCULA: “VORRÒ VEDERE CHI NEI PROSSIMI ANNI AVRÀ VOGLIA DI GOVERNARE SULLE MACERIE…”

“IL FASCISMO DI SINISTRA ESTREMA CONTRO I NOSTRI VALORI” - IL 4 LUGLIO DI DONALD TRUMP, FRA IL DISCORSO AL MOUNT RUSHMORE E LA PARATA DI IERI A WASHINGTON, SI È TRASFORMATO IN UNA CHIAMATA ALLE ARMI PER LA “GUERRA CULTURALE” DEI BIANCHI – LA STRATEGIA DEL PUZZONE DEL ABBATTER IL VECCHIO JOE È CHIARA: MENTRE I SONDAGGI LO VOGLIANO IN CADUTA LIBERA, VUOLE SFRUTTARE L’OMICIDIO DI FLOYD PER DENUNCIARE I COMPLOTTI CHE VOGLIONO ANNIENTARE L’IDENTITÀ DEL PAESE, LANCIARE LA SUA IDEA DI IMMUNITÀ DI GREGGE E… - VIDEO