TI "BRAND" A SBERLE! – L’IDEA DI METTERE IL NOME DI CONTE NEL SIMBOLO DEL MOVIMENTO 5 STELLE È UNA GENIALE PENSATA DEL SOLITO TA-ROCCO CASALINO. L'EX PORTACROCE DI "GIUSEPPI" HA MANDATO AVANTI IL “PULCINO” MARIO TURCO, VICEPRESIDENTE DEL M5S, PER ANNUNCIARE IL “RE-BRANDING” DEL PARTITO. TUTTO BENE? MICA TANTO. BEPPE GRILLO HA FATTO SAPERE DI NON ESSERE PER NIENTE D’ACCORDO…

-

Condividi questo articolo


Antonio Atte per www.adnkronos.com

 

giuseppe conte e rocco casalino giuseppe conte e rocco casalino

Via al 're-branding' del Movimento 5 Stelle dopo le prossime elezioni amministrative: un rinnovamento che probabilmente passerà anche da una nuova veste grafica e un nuovo simbolo, con il possibile ingresso nel logo del nome di Giuseppe Conte. La strada sembra ormai tracciata e lo conferma, parlando con l'Adnkronos, il senatore e vicepresidente del M5S Mario Turco, fedelissimo di Conte.

 

giuseppe conte beppe grillo giuseppe conte beppe grillo

"Certamente - afferma - dopo le amministrative proseguirà il consolidamento del nuovo corso avviato da Conte, con una prospettiva politica sempre più incentrata sulla transizione ecologica ed energetica. Avremo un Movimento sempre più orientato verso quelle tematiche che sono centrali per la crescita dell'economia e per la sostenibilità".

 

Il M5S cambia pelle, dunque? "E' possibile che il 'brand' che ha finora contraddistinto il Movimento possa subire qualche modifica, ma resta il riferimento all'identità del Movimento e alle sue radici fondanti", spiega l'ex sottosegretario a Palazzo Chigi. Il nome di Conte apparirà sul simbolo? "E' una possibilità, per identificare il nuovo corso, ma se ne parlerà in sede di Consiglio nazionale".

 

MARIO TURCO MARIO TURCO

Beppe Grillo è d'accordo? "Ci saranno valutazioni, discussioni, ma tutte le forze politiche sono in una fase di consolidamento e di rilancio, è normale ci sia un restyling del brand. Lo hanno fatto un po' tutti i partiti, non vedo perché anche il M5S non debba rivedere il simbolo stesso. Questo è sempre accaduto".

 

Cambieranno anche i colori del simbolo? "Valuterei la possibilità di inserire il colore verde: dato che ci ispiriamo alla transizione ecologica, il verde può essere un colore da associare al Movimento, ma questo è un mio personale auspicio. Il M5S si è sempre contraddistinto per questa vocazione ambientalista ed ecologista. L'ecologia applicata all'economia e alla vita quotidiana sarà il tema cruciale dei prossimi anni".

MARIO TURCO MARIO TURCO Roccobello Conte Casalino Roccobello Conte Casalino meme su giuseppe conte e beppe grillo meme su giuseppe conte e beppe grillo giuseppe conte e rocco casalino giuseppe conte e rocco casalino giuseppe conte marco impagliazzo rocco casalino giuseppe conte marco impagliazzo rocco casalino casalino conte merkel 19 casalino conte merkel 19 rocco casalino con giuseppe conte rocco casalino con giuseppe conte

 

Condividi questo articolo

politica

È STATA LA MANO DI CRISTINA – TERREMOTO IN ARGENTINA: SI È DIMESSO IL MINISTRO DELL'ECONOMIA MARTÍN GUZMÁN, AFFONDATO DAI CONTINUI ATTACCHI DELLA VICEPRESIDENTE, LA PLURIINDAGATA PER CORRUZIONE CRISTINA KIRCHNER, CHE PUNTA A TORNARE AL POTERE – ORA IL PAESE RISCHIA UN DEFAULT PEGGIORE DI QUELLO DEL 2001: IN QUESTI GIORNI L'ORMAI EX MINISTRO GUZMÁN AVEVA UN APPUNTAMENTO PER RINEGOZIARE CON IL FMI UN PRESTITO DA 2 MILIARDI DI DOLLARI – LA TERZA ECONOMIA DELL'AMERICA LATINA HA IL SECONDO TASSO DI INFLAZIONE PIÙ ALTO TRA LE GRANDI ECONOMIE, PARI AL 60%, IN CONTINUA CRESCITA…

TORTURA E MORTE: RIEDUCAZIONE PUTINIANA – LO SCIENZIATO RUSSO DMITRIJ KOLKER, MALATO TERMINALE AL QUARTO STADIO DI CANCRO AL PANCREAS, È MORTO IN UN OSPEDALE CARCERARIO, LONTANO DA FAMILIARI E AMICI –  ERA ACCUSATO DI ESSERE UNA SPIA AL SERVIZIO DELLA CINA – SECONDO IL FIGLIO SI SAREBBE RIFIUTATO DI TESTIMONIARE CONTRO DUE COLLEGHI DELL’UNIVERSITA' E PER QUESTO SAREBBE STATO CONDANNATO – KOLKER NON È IL PRIMO CASO DI SCIENZIATO INCARCERATO DA PUTIN CON FANTOMATICHE ACCUSE DI SPIONAGGIO

“MA CHI VOLETE PRENDERE PER IL CULO?” – L’IRONIA DI LUCA BOTTURA SU PAOLETTA TAVERNA E STEFANO PATUANELLI, CHE SUI SOCIAL PRIMA LANCIANO IL SASSO POI TIRANO INDIETRO LA MANO: “DICONO CHE È UN ERRORE DELLO STAFF. L'ANALISI SORGE SPONTANEA: MA DAVVERO PENSATE CHE SIAMO VENUTI GIÙ DALLA MONTAGNA DEL SAPONE? MA NON VI VERGOGNATE A TRATTARE I VOSTRI ELETTORI E GLI ITALIANI IN GENERE COME UNA MASSA DI DEMENTI CHE SI BEVE LA QUALUNQUE? VI MERITERESTE DI ESSERE GLASSATI COL MIELE IN UN BOSCO MARSICANO AFFOLLATO DI…”