TUTTI SOTTO IL TETTO – ANCHE I TEDESCHI INIZIANO AD APRIRE ALLA PROPOSTA DRAGHI DI INTRODURRE IL “PRICE-CAP” AL GAS. RESTA DA CONVINCERE L’OLANDA CHE OSPITA AD AMSTERDAM LA BORSA IN CUI SI DECIDONO I PREZZI DEL METANO – INTANTO, AL G7 DEL FINE SETTIMANA, SI DISCUTERÀ DI UN ALTRO TETTO, QUELLO AL PREZZO DEL PETROLIO – L’ITALIA MANTIENE LO STATO DI PREALLARME

-

Condividi questo articolo


Fabio Savelli e Francesca Basso per il “Corriere della Sera”

 

janet yellen mario draghi atlantic council janet yellen mario draghi atlantic council

L'energia non è all'ordine del giorno del Consiglio europeo di domani e venerdì, ma è probabile che i leader Ue toccheranno il tema in vista anche del G7 che si terrà in Germania dal 26 al 28 giugno. Ieri la segretaria al Tesoro Usa Janet Yellen ha detto che sono in corso discussioni al G7 «su tetti al prezzo del greggio russo».

 

Un'ipotesi che richiederebbe di riaprire il sesto pacchetto di sanzioni Ue per introdurre delle esenzioni al divieto di assicurazione per il trasporto del greggio, su cui però Bruxelles sembra scettica. Sta prendendo piede anche il piano italiano di un price cap sul gas russo, dopo le mosse di Mosca di ridurre le forniture ai Paesi Ue.

 

ROBERTO CINGOLANI ROBERTO CINGOLANI

Tecnici della Commissione Ue stanno assistendo i tecnici del ministero della Transizione ecologica guidato da Roberto Cingolani per la messa a punto di un piano che non metta in difficoltà il funzionamento del mercato interno. L'idea sarebbe di avviare la discussione per farla arrivare al tavolo dei leader Ue a luglio.

 

La Commissione ha anche inviato dei questionari agli Stati membri perché indichino i settori industriali che saranno colpiti dall'interruzione del gas. Rischia di concretizzarsi la condizione indicata dalla Commissione Ue per contemplare il price cap: un'interruzione improvvisa su larga scala o totale delle forniture di gas russo. Berlino starebbe valutando l'ipotesi del price cap mentre l'Olanda resta critica.

PUTIN E I RUBLINETTI - BY EMILIANO CARLI PUTIN E I RUBLINETTI - BY EMILIANO CARLI

 

A Roma il comitato tecnico di emergenza sul gas ha deciso di cristallizzare l'attuale situazione di «pre-allerta». Non è necessario attivare la soglia di allarme successiva, perché il monitoraggio sui flussi di gas è già alto e le misure in campo sufficienti.

 

Oggi Cingolani incontrerà però tutti gli operatori, soprattutto le aziende acquirenti di metano, sensibilizzandole sulla necessità di comprare di più per aumentare i livelli di stoccaggio in vista del prossimo inverno. I depositi sono arrivati al 55% della capacità.

 

VLADIMIR PUTIN E IL GAS VLADIMIR PUTIN E IL GAS

Cingolani sta pensando di mettere una garanzia pubblica sugli acquisti di gas, a tutela dei piccoli importatori che scontano un livello altissimo della materia prima. Un ombrello statale di ultima istanza per tutelare i crediti di chi rischia di andare in stress finanziario. Ieri l'indicazione a Snam di acquistare gas per compensare gli approvvigionamenti mancanti di giugno. E di prepararsi ad acquisti di carbone in via cautelativa, col coordinamento di Terna.

I GASDOTTI VERSO L EUROPA I GASDOTTI VERSO L EUROPA roberto cingolani roberto cingolani janet yellen mario draghi atlantic council janet yellen mario draghi atlantic council ROBERTO CINGOLANI ROBERTO CINGOLANI

 

Condividi questo articolo

politica

“DOPO AVERLO CONOSCIUTO UN PO' MEGLIO, TEMEVO CHE FOSSE TALMENTE STRONZO DA INIZIARE A DIVENTARMI SIMPATICO” – MARCO TRAVAGLIO IN MEMORIA DEL “CARISSIMO NEMICO” NICCOLÒ GHEDINI, SCOMPARSO A 62 ANNI: “ERA UN BELLO STRONZO. L'HO SEMPRE PENSATO QUAND'ERA VIVO E IL FATTO CHE ORA SIA MORTO NON MI PARE UN BUON MOTIVO PER DIRE IL CONTRARIO. ANCHE PERCHÉ HO L'IMPRESSIONE CHE A QUELLA NOMEA TENESSE PARECCHIO, CON LA FATICA CHE AVEVA FATTO PER GUADAGNARSELA” – “UN GIORNO DI 10 ANNI FA PRESI L’AEREO VENEZIA-ROMA E ME LO RITROVAI ACCANTO E…”

IL TERZO POLO SULLA GIUSTIZIA È PIÙ A DESTRA DI BERLUSCONI – È TOCCATO ALLA BOSCHI PRESENTARE LE PROPOSTE DI CALENDA E RENZI SUL TEMA: NON SOLO MEB SI È DETTA D’ACCORDO CON L’INAPPELLABILITÀ DELLE SENTENZE DI ASSOLUZIONE, PROPOSTA DAL CAV, MA È ANDATA OLTRE, TRA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE, VALUTAZIONE DEI MAGISTRATI E LIMITI ALLA CARCERAZIONE PREVENTIVA – “LA STAMPA”: “ALTRO CHE IL LACONICO ED ETEREO PROGRAMMA DEL CENTRODESTRA. SULLA GIUSTIZIA QUELLO DEL TERZO POLO HA PIÙ STELLETTE BERLUSCONIANE DI QUELLO DI BERLUSCONI…”