URSULA È INVIPERITA CON CONTE. NON BASTANO I VETI DI UNGHERIA E POLONIA O LA ROGNA-BREXIT: CI MANCA SOLO IL PREMIER ITALIANO CHE NON HA ANCORA PRESENTATO IL PIANO PER IL RECOVERY FUND (A DIFFERENZA DI SPAGNA E FRANCIA). E OGGI URSULA DEVE TWITTARE SUI 6,5 MILIARDI DEL FONDO ''SURE'' - NON SOLO MATTARELLA, ANCHE ANGELA E URSULA AMANO SASSOLI - FOLLI: "POTREBBE PROPORSI PER GUIDARE L'ALLEANZA PD-M5S PER LE PROSSIME ELEZIONI. O MAGARI POTREBBE SOSTITUIRE CONTE PRIMA DELLA FINE DELLA LEGISLATURA, SULLA BASE DI UN NUOVO PATTO DI MAGGIORANZA CHE RESTITUISCA AL PD PALAZZO CHIGI..."

Condividi questo articolo


conte ursula conte ursula

DAGONEWS

 

La situazione a Bruxelles è più rognosa di quanto non appaia: Polonia e Ungheria hanno messo il veto sul Recovery Fund perché non vogliono nessun riferimento allo stato di diritto (separazione dei poteri, autonomia della magistratura, stampa libera) tra le condizioni per ottenere i soldi del Next Generation EU, il ribattezzato Recovery Fund. In più resta in ballo la Brexit: entro lunedì bisogna capire se la trattativa va avanti o l'uscita del Regno Unito sarà senza accordo.

 

Come se non bastasse, Ursula von der Leyen è inviperita con Conte. In tutti questi mesi il governo italiano non è riuscito a presentare il piano con i dettagli di spesa del Recovery Fund. Finché non arriva, la Commissione non può iniziare il (lungo) processo di valutazione e dunque non può erogare i fondi. Tanto che oggi la stessa Ursula twitta che l'Italia ha appena ricevuto 6,5 miliardi dal fondo SURE per il sostegno al lavoro ma che ''altri fondi arriveranno''.

 

 

 

DAVID SASSOLI URSULA VON DER LEYEN DAVID SASSOLI URSULA VON DER LEYEN

Quali fondi però? Non lo può dire perché non ha nessun elemento in mano che glielo permetta. Come reagisce il nostro premier davanti alla furia della povera Ursula? Spiegando che da ogni ministero è arrivata una lunga lista di micro-piani, e che è molto difficile fare ordine tra tutte le richieste e produrre un unico progetto di investimenti e ripresa.

 

Pora stella, peccato che però Giuseppino trova il tempo di gira come una trottola per convegni, seminari, incontri, Stati Generali, presentazioni. Vuole dirci che ha più a cuore la propria immagine che l'urgenza di fare arrivare all'Italia i soldi necessari per uscire dal baratro della pandemia? Nel frattempo Francia e Spagna, ovvio, i loro piani li hanno presentati.

 

Nel mezzo di questi rapporti burrascosi tra Roma e Bruxelles si inserisce la proposta di Sassoli di cancellare il debito pubblico creato durante la pandemia e di mettere da parte il Mes come istituzione (evoca troppo la crudeltà della troika con la Grecia) e di trasferire quei miliardi proprio alla Commissione Ursula, che avrebbe molta più libertà politica e finanziaria.

 

MERKEL E SASSOLI MERKEL E SASSOLI

La dago-lettura di ieri, ovvero che Sassoli ha lanciato questo sassolone nel dibattito politico anche per guadagnare i consensi dei 5 Stelle in vista di un futuro ruolo in Italia (Quirinale o Palazzo Chigi) è oggi confermata dall'editoriale di Stefano Folli su ''Repubblica'':

 

Sassoli potrebbe, ad esempio, proporsi per guidare l'alleanza Pd-M5S in vista delle prossime elezioni. O magari potrebbe sostituire Conte prima della fine della legislatura, sulla base di un nuovo patto di maggioranza che restituisca al Pd Palazzo Chigi. Supposizioni. Di certo la teoria del debito condonato sembra fatta apposta per costruirsi una base di consenso nel mondo dei 5S; e inoltre, forse soprattutto, per tagliare l'erba sotto i piedi dei nostri "sovranisti", da Bagnai a Borghi. 

 

L'elemento in più è che l'uscita di Sassoli arriva dopo un confronto con Merkel e von der Leyen: i tre si sentono molto spesso e hanno concordato di usare il presidente del Parlamento Europeo – figura politica, elettiva e meno legata agli equilibrismi istituzionali della Commissione e del Consiglio – come prima linea, per lanciare le proposte più ardite e più indigeste ai frugali (e non solo).

sassoli gualtieri sassoli gualtieri

 

L'unico che soffre davanti al protagonismo di Sassoli è il mesto Gualtieri, che si sente scavalcato nel ruolo di negoziatore economico italiano…

 

Condividi questo articolo

politica

CI SONO LAVORI CHE GLI ITALIANI NON VOGLIONO PIÙ FARE, TIPO IL SINDACO - QUATTRO PROPOSTE DI LEGGE DEL PD, CON LA LEGA DI SALVINI CHE INSEGUE: STIPENDI PIÙ ALTI E SCUDO PENALE PER I PRIMI CITTADINI, VISTO CHE DI CANDIDATI NON SE NE TROVANO PIÙ - L'OBIETTIVO È PAGARE CHI AMMINISTRA LE GRANDI CITTÀ 7 MILA EURO NETTI, INVECE DEGLI ATTUALI 4 - PIÙ TUTELE ANCHE A LIVELLO GIUDIZIARIO, PER NON ESSERE INDAGATI DOPO UNA FIRMA SBAGLIATA O BECCARE AVVISI DI GARANZIA SE UN BAMBINO SI SCHIACCIA DUE DITA ALL'ASILO...

ALLA FINE L’HA SPUNTATA ELISABETTA BELLONI: SARÀ ROBERTO BALDONI, ATTUALMENTE NUMERO DUE DEL DIS, IL DIRETTORE DELL’AGENZIA PER LA CYBERSECURITY – ROMANO DI NASCITA, CINQUANT’ANNI, BALDONI È SOPRANNOMINATO “CYBER-ZAR” PER LA SUA COMPETENZA IN MATERIA – ORA LA RIFORMA DELLA GOVERNANCE DELLA SICUREZZA CIBERNETICA ITALIANA È COMPLETA: AI SERVIZI RIMANE LA “CYBER-INTELLIGENCE”, MENTRE LA DIFESA DELLE INFRASTRUTTURE NAZIONALI SARÀ APPALTATA ALL’AGENZIA SOTTO IL CAPPELLO DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO