LA VERSIONE DI MUGHINI – "CONSIDERO NAPOLITANO E CRAXI CONTIGUI NELL'ESSERE DUE ITALIANI INDISPENSABILI NELL'AVER CREATO IL MEGLIO DELL'ITALIA ODIERNA - E SEPPURE RE GIORGIO FOSSE UNO CHE ANCORA NEL 1956 SCRIVEVA (NON CREDO CI CREDESSE) CHE I CARRI ARMATI SOVIETICI AVEVANO APPORTATO IL BENE A BUDAPEST, È DIVENTATO UNO DI CUI L'ITALIA AVEVA BISOGNO COME DEL PANE. CHI MEGLIO DI LUI HA CANCELLATO L'OPZIONE DEL "COMUNISMO" DALLE OPZIONI REALI DI UN PAESE MODERNO E VIVIBILE? SÌ O NO LA PENSAVA ESATTAMENTE COME L'ALTRO PADRE DELLA PATRIA CRAXI CHE…"

-

Condividi questo articolo


Giampiero Mughini per Dagospia

 

CRAXI NAPOLITANO CRAXI NAPOLITANO

Caro Dago, spero di non lasciarmi fuorviare dal fatto che sono un italiano che non si dà pace del destino di Bettino Craxi, di un ex capo del governo che negli ultimi cinque anni della sua vita non poté mettere piede in Italia, se ti dico che in questo dolorosissimo momento della morte di un padre della patria quale Giorgio Napolitano, io reputo Craxi e Napolitano contigui nell'essere due italiani l'uno e l'altro indispensabili nell'aver creato il meglio dell'Italia odierna, dell'Italia europea e democratica, dell'Italia lontanissima dalle fanfaluche del Novecento, l'illusorietà della primazia del comunismo in primis.

 

Sì, sì, entrambi hanno contribuito in maniera decisiva nell'allontanare dal nostro comun vedere l'illusorietà di quella visione fanatizzante della politica e della società, ed è stata la conquista più importante della nostra storia recente.

 

giampiero mughini giampiero mughini

Nessuno di loro due lo poteva far meglio, nessuno dei due lo ha fatto meglio. Craxi col dirsi uno che dell'anticomunismo ne faceva una questione primaria e che questo suo ruolo lo ha interpretato tutta la vita e lo ha pagato caro. Napolitano con l'essere un italocomunista, ossia un comunista di una razza molto speciale del Novecento e che di quella razza s'è comunque tolto via via una particella dopo l'altra fino a diventare un politico che a fargli una radiografia del "comunista" non avrebbe svelato nulla.

 

E seppure lui fosse uno che ancora nel 1956 scriveva (non credo ci credesse) che i carri armati sovietici avevano apportato il bene a Budapest, è diventato uno di cui l'Italia aveva bisogno come del pane pur di restare unita, cauta, rispettosi gli uni degli altri, vigile delle comuni regole europee, remota da qualsiasi fanatismo ideologico, figurati da quello secondo cui pur di rappresentare il proletariato ne potevi fare di cotte e di crude. Ve lo immaginate un Napolitano che recita una qualsiasi delle litanie che giustificavano il comunismo reale, quello che ovunque sia stato applicato ne ha massacrati a decine o centinaia di migliaia?

NAPOLITANO CRAXI SPADOLINI NAPOLITANO CRAXI SPADOLINI

 

Beninteso la differenza tra i due personaggi resta, eccome. Craxi ci andava a petto in fuori, proclamava, alla bisogna ululava, doveva cercare soldi dappertutto pur di competere con quelli che i soldi li prendevano dall'Urss e ci sono negli archivi sovietici le ricevute che un ex comandante partigiano comunista firmava quando riceveva le valigette zeppe di dollari, e i nostri alleati americani lo sapevano di quelle valigette e la loro preoccupazione maggiore era che non fossero dollari falsi che avrebbero nuociuto alle quotazioni della loro moneta.

 

giorgio napolitano e enrico berlinguer giorgio napolitano e enrico berlinguer

Napolitano non aveva bisogno di tutto questo finimondo, camminava passo dopo passo, diceva a Enrico Berlinguer che era sbagliato far valere che i comunisti erano "moralmente" superiori a tutti gli altri, che le regole della democrazia repubblicana erano valide per tutti e che non c'era che da osservarle scrupolosamente. Ci credeva a tal punto in queste regole, che si prestò una seconda volta a fare il Presidente di una Repubblica democratica e pluralista.

 

Chi meglio di lui ha cancellato l'opzione del "comunismo" dalle opzioni reali di un Paese moderno e vivibile? Chi? Sì o no la pensava esattamente come quell'altro padre della patria, Craxi appunto,  morto dopo un intervento chirurgico in Tunisia in cui uno dei medici indirizzava la torcia a vedere meglio quello che davvero stavano cucendo e ricucendo?

 

 

giorgio napolitano giorgio napolitano enrico berlinguer e giorgio napolitano enrico berlinguer e giorgio napolitano

GIAMPIERO MUGHINI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)