VI SONO MANCATO? - PRIMA INTERVISTA A TRUMP POST-CASA BIANCA: IL PUZZONE STA TENTANDO ‘'MOLTO SERIAMENTE'’ DI CANDIDARSI DI NUOVO NEL 2024 - BOTTE A JOE BIDEN PER LA  GESTIONE DEL CONFINE COL MESSICO (ANCHE SE A MARZO PIÙ DI 170 MILA MIGRANTI ARRESTATI AL CONFINE, IL TOTALE MENSILE PIÙ ALTO DAL 2006) E LA FDA PER AVER OSTACOLATO DELIBERATAMENTE IL PROGRAMMA DEI VACCINI JOHNSON & JOHNSON NEL TENTATIVO DI AUMENTARE LA DOMANDA DEL FARMACO PFIZER… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


DAGONEWS DA www.dailymail.co.uk

 

intervista a trump intervista a trump

Nella sua prima intervista televisiva da quando ha lasciato la Casa Bianca, Donald Trump ha detto a Sean Hannity di Fox News che starebbe valutando il tentativo di riprendersi la presidenza nelle prossime elezioni del 2024.

 

Ha continuato sostenendo che le sue politiche sull'immigrazione stessero funzionando, fino a quando Biden non avesse deciso di disfare il suo lavoro.

 

intervista a trump 2 intervista a trump 2

"Tutto quello che doveva fare era lasciar perdere", ha detto Trump, "Non ci stanno mandando le loro persone migliori", ha continuato l’ex presidente, riprendendo la sua famigerata affermazione per la campagna del 2016.

 

Trump, che ha tagliato gli aiuti finanziari a Guatemala, El Salvador e Honduras nel tentativo di fare pressione su di loro per arginare i flussi migratori, ha detto che l'amministrazione Biden è stata fuorviata nella loro discussione sul ripristino degli aiuti alle nazioni centroamericane, da cui la maggior parte dei migranti attualmente arrivano.

 

intervista a trump 3 intervista a trump 3

Passando alla pandemia di coronavirus, Trump ha rivelato che la Food and Drug Administration (FDA) lo “odiava”, perché li aveva spinti ad approvare i vaccini COVID in tempi molto stretti.

 

Ha affermato che "Pfizer è d'accordo con la FDA" e ha continuato dicendo che la FDA avrebbe deliberatamente ostacolato il programma di vaccinazione di Johnson & Johnson nel tentativo di aumentare la domanda per l'alternativa di Pfizer.

donald trump muro donald trump muro donald trump comizio ad alamo in texas davanti al muro con il messico donald trump comizio ad alamo in texas davanti al muro con il messico donald trump al lavoro col covid donald trump al lavoro col covid donald trump donald trump

 

trump biden trump biden trump biden trump biden donald trump autografa il muro con il messico ad alamo donald trump autografa il muro con il messico ad alamo donald trump donald trump donald trump comizio ad alamo in texas davanti al muro con il messico donald trump comizio ad alamo in texas davanti al muro con il messico

 

Condividi questo articolo

politica

“TUTTO QUESTO HA LO STILE DI UNA VENDETTA POLITICA” – LA DIFESA DI MASSIMO D’ALEMA DALLE ACCUSE DELLA FONDAZIONE DEI SOCIALISTI EUROPEI, CHE SOSTIENE CHE SI SIA INTASCATO ILLEGITTIMAMENTE 500MILA EURO: “IO LO SO DA DOVE VIENE QUESTO ATTACCO” (PERCHÉ NON FA I NOMI?) - “LA RETRIBUZIONE ERA DI 5MILA EURO NETTI AL MESE, E SONO STATO PAGATO MENO DEL VALORE DELLE MIE PRESTAZIONI. DOPO L’USCITA DAL PARLAMENTO AVEVO MOLTE OFFERTE DI LAVORO. IN PARTICOLARE DA UNA SOCIETÀ INGLESE CHE MI OFFRIVA…"

“È DAL FEBBRAIO DEL 1975 CHE L’ABORTO NON È PIÙ UN REATO” - L’AVVOCATO SARA KELANY (ISCRITTA A FRATELLI D’ITALIA) DIFENDE LA MELONI DOPO L’ACCUSA DI SELVAGGIA: “LA PERLA SCOVATA DALLA LUCARELLI SAREBBE CHE LA LEGGE 194 È DEL 1978  E CHE DUNQUE,  ESSENDO GIORGIA DEL 1976, AI TEMPI NARRATI ABORTIRE SAREBBE STATO UN REATO. MA LA CORTE COSTITUZIONALE, CON LA SENTENZA 27/1975, AVEVA ESPRESSAMENTE SANCITO CHE NON POTESSERO ANDARE INCONTRO A CONSEGUENZE PENALI COLORO CHE PROCURAVANO L’ABORTO E LE DONNE CHE VI CONSENTIVANO..."