LA VIA CRUCIS DI LETTA - CHI INCONTRA ENRICHETTO IN QUESTE ORE POST DISFATTA SCOPRE QUELLO CHE È SEMPRE STATO: UN DEMOCRISTIANO ALLA CONTINUA RICERCA DI UN ACCORDO - ALLE CRITICHE RISPONDE: “METTERE SU UN RASSEMBLEMENT ALLA FRANCESE, SENZA ACCORDI POLITICI, PER FRONTEGGIARE L’ASCESA DELLA DESTRA A PALAZZO CHIGI È STATO IMPOSSIBILE PER IL NO DEI 5STELLE”. E L’AMAREZZA DIVENTA TRISTEZZA NEL VEDERE CHE NELLA BANDA DEI QUATTRO (BETTINI, D’ALEMA, TRAVAGLIO E CASALINO), CERCHIO MAGICO INTORNO ALLA POCHETTE DI CONTE, BRILLA UN ESPONENTE DEL PARTITO COME GOFFREDONE E L’EX COMPAGNO "BAFFINO" CHE NUTRE INESAURIBILE LIVORE VERSO I DEM - SUL NOME DEL SUCCESSORE, LA CARTA COPERTA HA IL VOLTO DI UN ALTRO SINDACO: BEPPE SALA…

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

enrico letta enrico letta

Chi incontra Enrico Letta in queste ore post disfatta scopre quello che è sempre stato: un democristiano alla continua ricerca di un accordo che piagnucola: “Che potevo fare? Avevo la parole di Conte che avrebbe votato la fiducia al governo Draghi. Avevo la parola e il bacio di Calenda a fare coalizione col Pd…”. 

 

E poi risponde alle critiche di Cacciari e Ferrara: “Mettere su un rassemblement alla francese, privo di accordi politici, per fronteggiare l’ascesa della destra a Palazzo Chigi è stato impossibile per l’opposizione dei 5Stelle”.

MASSIMO DALEMA MASSIMO DALEMA

 

E l’amarezza di Enrichetto diventa tristezza nel vedere che nella Banda dei Quattro (Bettini, D’Alema, Travaglio e Casalino), cerchio magico intorno alla Pochette di Conte, brilla un esponente del partito come Goffredone e l’ex compagno Baffino che nutre livore verso i dem.

 

Essì: sia i tre partiti del centrodestra che quelli del centrosinistra hanno in comune che non sono d’accordo su niente. Ma il Partito Democratico, una scissione, non se la può permettere. Perché è un partito strutturato che andrà in gennaio a congresso, come prevedono le regole statuarie, e chiederà ai delegati di pronunciarsi su un ritorno con l’ex alleato Conte oppure no. Due mozione che si contrappongono e vinca chi ha più voti.

 

GOFFREDO BETTINI GOFFREDO BETTINI

Sul nome del successore, Letta arriccia naso-bocca-orecchi al nome del para-renziano Stefano Bonaccini, sorvola sulla Ocasio-Cortez de’ noantri, l’impronunciabile Elly Schlein, allora meglio il sindaco di Pesaro, Matteo Ricci. Ma la carta coperta ha il volto di un altro sindaco: Beppe Sala.

LETTA BONACCINI LETTA BONACCINI BONACCINI BONACCINI ENRICO LETTA BEPPE SALA ENRICO LETTA BEPPE SALA

 

Condividi questo articolo

politica

ETICA E COTICA – URSULA VON DER LEYEN HA GLISSATO DI FRONTE ALLE DOMANDE SUL SUO ABITO BLU NOTTE: A CHI LE CHIEDEVA CHI FOSSE LO STILISTA, HA RISPOSTO CANDIDAMENTE DI NON RICORDARSI IL NOME, A DIFFERENZA DI GIORGIA MELONI, CHE HA SUBITO URLATO “ARMANI” A QUANTI LE FACEVANO LA STESSA DOMANDA. MORALE DELLA FAVA? LA DIMENTICANZA DI URSULA SIGNIFICA CHE QUEL VESTITO SE L’È COMPRATO. CHI INVECE TENDE A RIVELARE CON ECCESSIVA FOGA (E POCA ELEGANZA) IL MARCHIO DELL’ABITO CHE INDOSSA, DI SOLITO LO FA PERCHÉ SI TRATTA DI UN REGALO…

FLASH! – IL “BORIS GODUNOV” ALLA SCALA HA “SCONGELATO” IL RAPPORTO BRUXELLES-ROMA: FONDAMENTALE L’INCONTRO TRA VON DER LEYEN E MATTARELLA, NEL QUALE I DUE HANNO PARLATO A LUNGO DEL PNRR - ENTRO DOMANI SARÀ COMUNICATO IL NUOVO ACCORDO SULLA SOGLIA MINIMA PER I PAGAMENTI CON IL POS. L’EUROPA GRADIREBBE CHE IL LIMITE NON SUPERI DIECI EURO, MENTRE IL GOVERNO, COME NOTO, LO VUOLE ALZARE A 60. SI ANDRÀ A UNA MEDIAZIONE E SI TROVERÀ UN COMPROMESSO. NESSUNA INTESA INVECE (PER IL MOMENTO) SUL TETTO AL CONTANTE…