XI JINPING VS BIDEN: FUORI I SECONDI! – DOPO IL CASO DEL PALLONE SPIA DEL DRAGONE IN VOLO SUGLI STATI UNITI PER SPIARE LE BASI MILITARI, NEL DISCORSO SULLO STATO DELL’UNIONE BIDEN METTE LE COSE IN CHIARO CON LA CINA: “SE MINACCIA LA NOSTRA SOVRANITÀ, NOI AGIREMO PER PROTEGGERE IL NOSTRO PAESE” E PECHINO RISPONDE PER LE RIME: “DIFENDEREMO CON FERMEZZA LA SOVRANITÀ, LA SICUREZZA E GLI INTERESSI DI SVILUPPO DELLA CINA”

-

Condividi questo articolo


discorso sullo stato dell'unione di joe biden discorso sullo stato dell'unione di joe biden

(ANSA) - Gli Stati Uniti agiranno ogni volta che "la Cina minaccia la nostra sovranità": lo ha detto Joe Biden nel suo discorso sullo stato dell'Unione davanti al Congresso, riferendosi alla vicenda del presunto pallone-spia cinese intercettato nei cieli americani e poi abbattuto. "Come abbiamo mostrato la scorsa settimana, se la Cina minaccia la nostra sovranità, noi agiremo per proteggere il nostro Paese e così abbiamo fatto", ha detto Biden.

 

discorso sullo stato dell'unione di joe biden discorso sullo stato dell'unione di joe biden

Pechino difenderà "con fermezza la sovranità, la sicurezza e gli interessi di sviluppo della Cina". È la risposta della portavoce del ministero degli Esteri Mao Ning, in merito a quanto affermato dal presidente Usa Joe Biden nel suo discorso sullo Stato dell'Unione, in cui aveva invitato a "non commettere errori: come abbiamo chiarito la scorsa settimana, se la Cina minaccia la nostra sovranità, agiremo per proteggere il nostro Paese. Gli Usa vogliono la competizione e non il confronto. E siamo chiari: vincere la competizione con la Cina dovrebbe unire tutti noi. Stiamo affrontando gravi sfide nel mondo".

discorso sullo stato dell'unione di joe biden discorso sullo stato dell'unione di joe biden

 

La Cina "ha sempre creduto che le relazioni sino-americane non fossero un gioco a somma zero. Il successo di Cina e Stati Uniti è un'opportunità piuttosto che una sfida reciproca", ha aggiunto Mao nel briefing quotidiano, rimarcando lo scenario "di rispettivo sviluppo e comune prosperità della Cina e degli Stati Uniti".

 

pallone spia cinese pallone spia cinese

Pechino "non elude e non ha paura della concorrenza, ma siamo contrari all'uso della concorrenza per definire l'intero rapporto sino-americano, diffamando un Paese sotto la bandiera della concorrenza, limitando i legittimi diritti di sviluppo di altri Paesi e persino danneggiando la filiera globale industriale: non è questo che fa un grande Paese responsabile".

 

pallone spia cinese - meme di osho pallone spia cinese - meme di osho

Mao ha aggiunto che "una sana e stabile relazione sino-americana è conforme agli interessi fondamentali dei due popoli ed è anche l'aspettativa generale della comunità internazionale. Gestiremo le relazioni sino-americane in conformità con i tre principi di rispetto reciproco, convivenza pacifica e cooperazione vantaggiosa per tutti proposti dal presidente Xi Jinping".

 

Tuttavia, è l'invito della portavoce, "gli Stati Uniti dovrebbero stabilire una comprensione obiettiva e razionale della Cina, perseguire una politica positiva e pragmatica e lavorare con la Cina per riportare le relazioni sino-americane su uno sviluppo sano e stabile".

pallone spia cinese abbattuto 5 pallone spia cinese abbattuto 5 pallone spia cinese abbattuto 2 pallone spia cinese abbattuto 2

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

CRACK, ALLA FINE TUTTO CROLLERÀ (GIORGIA COMPRESA) - “MONTE DI PIETÀ”, LABIRINTICA E IMPIETOSA MOSTRA DELLO SVIZZERO CHRISTOPH BUCHEL ALLA FONDAZIONE PRADA DI VENEZIA, È UN PRECIPIZIO NELL’ABISSO DEL DENARO. LÀ DOVE COLLASSA LA NOSTRA PATOLOGICA COMPULSIONE DI ACCUMULARE TUTTO E DI PIÙ, TRA CELEBRITÀ DIVORATE DALLA POLVERE DELL OBLIO E STILISTI RIDOTTI A BARZELLETTA, LÀ, IN UN MONDO-PALUDE CHE HA SUCCHIATO TUTTO, TIZIANO E CANALETTO, “MERDA D’ARTISTA” DI MANZONI E LE TELE-VENDITE DI WANNA MARCHI, CARRI ARMATI E BORSETTE TAROCCATE PRADA, L’IMMAGINE CHIAMATA AD ACCOMPAGNARCI ALL’ULTIMA MINZIONE DELL’UMANITÀ, APPOGGIATA DAVANTI AL BAGNO, SOPRA UNA SCATOLA PRONTA PER ESSERE SPEDITA VIA, È LEI, GIORGIA DEI MIRACOLI CHE SORRIDE INCORNICIATA…

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”