BALO FA SCUOLA – IN UCRAINA IL BRASILIANO DELLO SHAKHTAR TAISON REAGISCE AI BUU RAZZISTI DEI TIFOSI DELLA DINAMO KIEV CON UN BEL DITO MEDIO E UN PALLONE SCAGLIATO CONTRO CHI LO INSULTAVA - DOPO IL CARTELLINO ROSSO, E’ SCOPPIATO IN LACRIME ASSIEME A DENTINHO

-

Condividi questo articolo

 

taison taison

Da gazzetta.it

Adesso basta. Deve aver visto le immagini di Mario Balotelli nei confronti dei tifosi del Verona Taison, che oggi nella supersfida tra Dinamo Kiev e Shakhtar Donetsk ha reagito vistosamente ai buu razzisti dei tifosi avversari. Al 75', di fronte a nuovi cori, ha infatti mostrato il dito medio e scagliato il pallone verso chi lo insultava, rimediando pure un cartellino rosso. Poi è scoppiato a piangere e mentre l'arbitro sospendeva l'incontro anche Dentinho si è sciolto in lacrime. Entrambi sono stati circondati dai giocatori della Dinamo che cercavano, vanamente, di consolarli.

 

taison dentinho taison dentinho

Lo stesso gesto, a una settimana esatta. Non può essere un caso. È probabile invece che la reazione di Balotelli abbia dato coraggio anche a tutti i giocatori di colore che fino a oggi sono rimasti in silenzio, a tutti quelli che hanno preferito far finta di niente. Ma le lacrime dei due brasiliani dello Shakhtar rivelano che quei cori lasciano il segno. Probabilmente molto più profondo di quanto fino ad ora si potesse pensare.

 

 

LA DINAMO CONDANNA—   La Dinamo Kiev dalla sua ha condannato con durezza il comportamento dei tifosi, postando anche un tweet in cui si legge: "Il calcio non è un luogo di razzismo #NoToRacism".

taison taison

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

DAGOREPORT - I SOLDI C’ENTRANO POCO COL DEFENESTRAMENTO DEL CARDINALE ANGELO BECCIU - IN BALLO C’È L’ELEZIONE DEL PROSSIMO PAPA DA CUI RESTA ESCLUSO, MENTRE ERA UN CANDIDATO MOLTO SERIO. FINCHÉ QUALCHE NEMICO HA CONFEZIONATO UN POLPETTONE TALMENTE AVVELENATO DA FAR DIMENTICARE AL PONTEFICE IL GARANTISMO E LA MISERICORDIA, RISERVATI PERÒ SOLO AD ALCUNI, COME IL SUO AMICO MONS. GUSTAVO ZANCHETTA, EX VESCOVO ARGENTINO CHIAMATO DA FRANCESCO IN VATICANO COME ASSESSORE DELL’APSA E POI COLPITO DA MANDATO DI CATTURA INTERNAZIONALE PER PRESUNTI ILLECITI FINANZIARI E PER ABUSI SU DUE SEMINARISTI

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

LA SECONDA ONDATA LA AFFRONTIAMO ALLA SVEDESE? - CRESCE LA RABBIA IN EUROPA PER LE MISURE ANTI-COVID. DALLA FRONDA MARSIGLIESE AI ''GIÙ LA MASCHERA'' SPAGNOLI, ANCHE IN GERMANIA C'È UN MOVIMENTO CHE VUOLE LIMITARE LE RESTRIZIONI, E I PRESIDENTI DI DUE LANDER SONO CONTRARI A UN INASPRIMENTO DELLE MISURE - NON SI TRATTA SOLO DI NO-VAX E NO-MASK, MA ANCHE DI PERSONE CHE VOGLIONO ADOTTARE IL MODELLO SVEDESE (MENO MORTI DELL'ITALIA IN RAPPORTO ALLA POPOLAZIONE PUR AVENDO EVITATO IL LOCKDOWN)