CALCIO IN QUARANTENA - CON LE NUOVE REGOLA IN GRAN BRETAGNA (CHI ENTRA RESTA IN ISOLAMENTO PER 14 GIORNI) A RISCHIO CHAMPIONS E EUROPA LEAGUE - LA DISCUSSIONE IN ITALIA RIGUARDA IL CASO DI NUOVA POSITIVITA': QUARANTENA PER IL SINGOLO O PER TUTTO IL GRUPPO? IL TEMPO STRINGE: SE SI RIPARTE IL 20 GIUGNO, SI DEVE GIOCARE OGNI DUE GIORNI (12 GIORNATE PIÙ IL TURNO DEI 4 RECUPERI). COSA NE PENSANO I CALCIATORI DEL TOUR DE FORCE?

-

Condividi questo articolo

Franco Ordine per “il Giornale”

 

calcio allenamenti calcio allenamenti

È la solita storia: con una mano accarezzano il calcio, con l' altra menano sganassoni. Il famoso comitato tecnico-scientifico che aiuta il governo nelle decisioni pubblicherà oggi il suo parere sulle linee guida proposte dalla Lega di serie A per la ripresa degli allenamenti collettivi.

 

A ulteriore garanzia, dai club, è stato proposto di individuare una figura indipendente per controllare l' esito dei tamponi svolti nei centri di allenamento. Nel frattempo, il decreto varato nella notte precedente ha vietato fino al 14 giugno la disputa di partite cancellando, in pratica, la proposta di ripartire il 13 giugno. La solita manina maliziosa, proveniente probabilmente da un ministero, ha provveduto a confezionare la sorpresina. Il presidente della Figc Gravina, per risultare rispettoso della decisione del governo, ha prorogato la sospensione dell' attività sportiva fino al 14 giugno. Ci sarà bisogno di una deroga oppure di spostare al 20 giugno la data utile sacrificando la coppa Italia.

 

calcio allenamenti calcio allenamenti

Nel frattempo sia esponenti della comunità scientifica che politici, hanno continuato a remare a favore della ripresa del torneo. Francesco Vaia, direttore sanitario dello Spallanzani di Roma è stato perentorio: «Il 13 giugno è una data plausibile con due settimane a disposizione di possibile incubazione».

 

Lo hanno seguito l' on. Valente, deputato 5 stelle, chiedendo «tempi certi per il calcio» e sollecitato l' intervento di Conte; Matteo Salvini ha ripetuto la necessità «di far ripartire in sicurezza il calcio, il prima possibile». Anche se dal comitato scientifico sembrano emergere perplessità sul nuovo protocollo riguardo le modifiche proposte dai club.

spadafora gravina spadafora gravina

A questo punto il nodo può essere sciolto dall' incontro tra calcio e premier ancora rinviato.

 

Domani c' è il consiglio federale che non ha più i giorni contati per le date ufficiali: l' Uefa ha rinviato il comitato esecutivo fissato per il 25 maggio al 17 giugno.

 

Nel frattempo anche qualche bluff è stato scoperto. Il patron dell' Udinese Giampaolo Pozzo ha chiarito che la sua lettera a Spadafora «ha provocato un equivoco, noi vogliamo giocare, l' ho scritta per tranquillizzare medici e dirigenti». Anche qui la scusa di prolungare la preparazione è stata smentita dalla Bundesliga: ripresi gli allenamenti collettivi il 6 maggio (a inizio aprile quelli individuali e a piccoli gruppi) e giocato il 16 e 17 maggio, con 10 giorni di preparazione! O sono dei superuomini i tedeschi, o dalle nostre parti cercano scuse!

 

gravina spadafora dal pino gravina spadafora dal pino

L' altro vertice fissato tra Lega (l' ad De Siervo) e le tv che non hanno pagato l' ultima rata (Sky, Dazn e Img) ha avuto come esito un nulla di fatto. I presidenti sono ancora più decisi a far partire l' ingiunzione di pagamento perché hanno scoperto che Sky ha avvertito le banche del mancato versamento di fatto provocando la sospensione delle fatture già presentate e anzi procurando anche il fermo dei castelletti presso i singoli conti. Sky non vuole pagare e trattare la riduzione al contrario di Dazn che invece è disposta a pagare se il campionato dovesse ripartire. Con queste posizioni c' è poco da negoziare. Si finirà in tribunale.

premier 6 premier 6

 

 

 

PREMIER

Da gazzetta.it

 

Il veto del governo britannico all’esenzione dello sport dalla quarantena per i turisti rischia di mandare nel caos Champions ed Europa League.

 

ceferin ceferin

Tutti coloro che vorranno entrare nel Regno Unito dovranno essere sottoposti a una quarantena di 14 giorni, ma inizialmente si sperava che i campioni dello sport potessero essere esentati dall’obbligo. Invece non sarà così e secondo i media inglesi questo pronunciamento governativo rischia di mettere in pericolo le competizioni europee. Queste misure, infatti, renderanno impossibile il viaggio nel Regno Unito delle squadre straniere.

premier premier

 

Sembrava che i i vertici sportivi inglesi avessero convinto il segretario alla Cultura Oliver Dowden a presentare una richiesta di esenzione per i calciatori, ma questa richiesta è stata annullata dal Dipartimento della Sanità e dall’ufficio di gabinetto. Secondo una fonte governativa, "non è stata presa una decisione definitiva", ma al numero 10 di Downing Street considerano il provvedimento "solido".

 

Il governo rivedrà le decisioni sul rafforzamento dei confini della nazione ogni tre settimane nel corso dell'estate, ma nel Regno Unito ci si interroga sul futuro europeo di Manchester City e Chelsea in Champions, e di Manchester United, Wolverhampton e Rangers Glasgow in EL.

 

infantino ceferin 2 infantino ceferin 2

Ieri, all’unanimità, i club della Premier League hanno votato il "Project restart", il protocollo che permette di tornare ad allenarsi, seppur in piccoli gruppi. Un primo passo sulla strada della ripresa del campionato, che potrebbe esserci a metà giugno, anche se a più lunga scadenza le prospettive sono di giocare a porte chiuse per almeno un anno. Ispettori della Premier League saranno inviati nei centri di allenamento per assicurarsi che i club rispettino le regole.

 

 

 

 

aleksander ceferin aleksander ceferin

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“IL TEST CHE TROVA GLI ANTICORPI NON È SUFFICIENTE PER ESCLUDERE UN ALTRO CONTAGIO” - ALBERTO MANTOVANI, DIRETTORE SCIENTIFICO DI HUMANITAS: “LA SARS DAVA AI GUARITI UN'IMMUNITÀ DI 2-3 ANNI E QUESTO VIRUS GLI È PARENTE. IL PROBLEMA È CHE LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DELLE PERSONE CHE INCONTRA COVID-19 O NON SI AMMALA O LO FA IN MODO BLANDO: IN QUESTO CASO NON SAPPIAMO SE LA RISPOSTA IMMUNITARIA INDOTTA, DI CUI LA PRESENZA DI ANTICORPI È UNA SPIA, SIA DAVVERO PROTETTIVA O SE QUESTE PERSONE RISCHIANO UNA NUOVA INFEZIONE”