CARNEVALE AZZURRO A RIO - ARRIVA DAL JUDO CON FABIO BASILE LA MEDAGLIA D’ORO NUMERO 200 PER L’ITALIA: "IL SEGRETO PER DIVENTARE CAMPIONE? IL PIACERE DI SOFFRIRE" – IMPRESA DI DANIELE GAROZZO CHE TRIONFA NEL FIORETTO – CAGNOTTO-DALLAPE’ COPPIA D’ARGENTO NEI TUFFI SINCRO - -

Condividi questo articolo


BASILE 1 BASILE 1

Francesco Persili per Dagospia

 

La prima volta ai Giochi non si scorda mai. Al suo esordio olimpico la "matricola" Fabio Basile conquista la vittoria olimpica nel judo, categoria 66kg, e regala all’Italia la sospiratissima medaglia d’oro numero duecento. La prima volta ai Giochi del fiorettista Daniele Garozzo si trasforma in un’altra marcia trionfale: il siciliano spazza via, infatti, nei quarti l’italo-brasiliano Toldo, suo compagno di allenamento a Frascati, supera in semifinale il russo Safin e poi infilza l’americano Massialas, numero 1 del ranking mondiale. Lo schermidore di Acireale riporta in Italia un titolo che mancava da 20 anni. Sicilia bedda. Dopo l'argento della Fiamingo, un'altra medaglia che arriva dalla provincia di Catania.

BASILE BASILE

 

Dalla pedana al tatami: a Rio domina l’azzurro. Bastano 84 secondi a Fabio Basile per avere ragione del sudcoreano  An Baul. Classe 1994, il judoka piemontese ha bruciato le tappe. La sua Olimpiade doveva essere quella di Tokyo nel 2020 ma lui ha saputo cogliere l’attimo. Ha scalato il ranking e strappato il pass per Rio. Alla sua prima partecipazione ai Giochi non si è accontentato. “Voglio fare il boom”. Con la sfrontatezza dei suoi 21 anni e il suo judo spettacolare è entrato nella storia anche per l’esultanza in versione incredibile Hulk. "Non so ancora se sia un sogno o la verità. Pensavo di fare una bella gara ma non mi aspettavo di vincere. Per arrivare fin qui ho sofferto tanto. Il segreto per diventare un campione? Il piacere di soffrire".

 

DANIELE GAROZZO DANIELE GAROZZO

A completare il giorno dei giorni dell’ Italia sul tatami la medaglia d’argento conquistata dalla 22enne Odette Giufffrida che ha perso la finale del judo (categoria 52kg) contro la grande favorita, la kosovara Kelmendi. Piange di gioia Elisa Longo Borghini che agguanta il bronzo nella prova in linea femminile di ciclismo. La piemontese centra il terzo posto nella gara vinta dall’olandese Van der Breggen e funestata dalla caduta di Van Vleuten. Si uniscono al carnevale azzurro anche Tania Cagnotto e Francesca Dallapè, coppia d’argento nel sincronizzato da tre metri. Si tuffano dal trampolino ed entrano leggere nella mitografia dei cinque cerchi. È la prima medaglia femminile per l’Italia nei tuffi e le due compagne-amiche non trattengono l’emozione.

 

La delusione del quarto posto ai Giochi di Londra 2012 è finalmente un ricordo lontano. Sono due destini che si uniscono in quell’abbraccio infinito. Piangono Tania e Francesca, per questo argento che vale oro: la coppia cinese è stata, al solito, protagonista di una gara a parte. Dopo aver sfatato il tabù, Tania Cagnotto è chiamata al bis anche nella prova individuale. Poi a settembre il matrimonio all’Elba col suo Stefano allietato, probabilmente, dalle note di Venditti: “Grazie Tania”, of course.

CAGNOTTO PADRE E FIGLIA CAGNOTTO PADRE E FIGLIA CAGNOTTO DALLAPE' CAGNOTTO DALLAPE' DALLAPE' CAGNOTTO DALLAPE' CAGNOTTO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…