LA CESSIONE DI BONUCCI È STATA DECISA SUBITO DOPO LA SCONFITTA IN FINALE DI CHAMPIONS, A CARDIFF - NEGLI SPOGLIATOI, IL DIFENSORE SI E’ SCAGLIATO CONTRO DYBALA, DIFESO DA BARZAGLI E MANDZUKIC - ALLEGRI HA POSTO L’AUT-AUT: O ME O LUI - MAROTTA LO HA ACCONTENTATO MA BONUCCI SI E’ “VENDICATO” PRETENDENDO DI RESTARE IN ITALIA

-

Condividi questo articolo


BONUCCI AL MILAN BONUCCI AL MILAN

Dagonews

 

La cessione di Bonucci è stata decisa subito dopo la sconfitta in finale di Champions, a Cardiff, contro il Real Madrid. Tra il primo e il secondo tempo della partita Bonucci ha perso le staffe: si è scagliato contro Dybala e ne è nato un parapiglia. Si sono immediatamente create due fazioni nello spogliatoio con Mandzukic e (a sorpresa) Barzagli schierati in difesa dell’attaccante argentino.

ALLEGRI E BONUCCI ALLEGRI E BONUCCI

 

L’animato faccia a faccia tra i due difensori - compagni da molti anni e amici - ha creato ulteriore tensione. Le successive beghe interne hanno talmente colpito Dani Alves, abitutato al velluto rosso del Barcellona, da spingerlo a lasciare la squadra per accasarsi al Paris Saint Germain.

 

Lo stesso Max Allegri non ha agevolato una soluzione pacifica. Anzi. Al momento del rinnovo del contratto, ha lanciato l’aut-aut alla società: o me o lui. E la Juventus ha scelto di tenere l’allenatore per non essere ostaggio di un singolo giocatore.

 

BONUCCI AL MILAN BONUCCI AL MILAN

Bonucci si è “vendicato” pretendendo di restare in Italia, impedendo alla Juventus di monetizzare meglio con una cessione all’estero. Le uniche società di serie A disposte a riconoscere al difensore uno stipendio da pascià erano Milan e Inter. Per evitare una sollevazione popolare con una clamorosa cessione agli storici rivali nerazzurri, Marotta e Agnelli si sono ritrovati un’unica strada: trattare con Fassone. 

BONUCCI E ALLEGRI BONUCCI E ALLEGRI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! – QUELLA IMMAGINIFICA TESTA DI FAZIO, INTERVISTANDO (SI FA PER DIRE) LA FRIGNANTE FERRAGNI, SI E’ BEN GUARDATO DAL CITARE DAGOSPIA, CHE HA RIVELATO LA ROTTURA MATRIMONIALE DEI FERRAGNEZ, DA UNA PARTE. DALL’ALTRA, CON LA SCUSA DI MOSTRARE LE COPERTINE DEI SETTIMANALI DEDICATE ALLA FINE DELLA PREMIATA DITTA PANDORO & MALEFICENZA, FABIOSTRAZIO, AGITANDO IL SUO INQUIETANTE DOPPIOMENTO, SI E’ SPARATO UNA TONANTE MARCHETTA IN GLORIA DI “OGGI”, RIVISTA CON CUI COLLABORA… - VIDEO

COME TI SMONTO IL MUSEO DI BRERA – IL NEODIRETTORE DEL PIÙ IMPORTANTE MUSEO MILANESE, ANGELO CRESPI, È UN TIPINO BEN DOTATO DI ENTRAMBE LE CARATTERISTICHE CHE IL GOVERNO MELONI RICHIEDE AI SUOI FUNZIONARI: È MOLTO FEDELE (A LA RUSSA) MA SOPRATTUTTO È MOLTO INCOMPETENTE – L’INIZIO È DEI PIÙ PROMETTENTI: LICENZIATI I PROFESSIONISTI CHE DA ANNI LAVORANO PER I 'CRIMINI ARCHITETTONICI' DI PALAZZO CITTERIO – NON SODDISFATTO, CRESPI HA PENSATO BENE DI 'LICENZIARE' ANCHE ALESSANDRA QUARTO, NON PROPRIO UNA QUALSIASI…

DAGOREPORT! LA VENDETTA DEL CALTA – DOPO AVER RICEVUTO DUE PORTE IN FACCIA AL TENTATIVO DI CONQUISTARE PRIMA GENERALI E POI MEDIOBANCA, IL COLPO FATALE AI SOGNI DI GLORIA VENEZIANI DI CALTAGIRONE È STATO AFFONDATO DA “FURBIZIO” PALENZONA, CHE HA SPOSTATO CRT E BENETTON A SUPPORTO DI DONNET E NAGEL - CON MILLERI CHE SI SAREBBE RIAVVICINATO A NAGEL, CALTA “HA RIMASTO” SOLO CON FAZZOLARI A TRASTULLARSI COL DL CAPITALI – QUANDO LA MILIARDARIA VENDITA DELLA PRELIOS DI PALENZONA AL PIGNATARO RIMANE INCAGLIATA, PARTE LA VENDETTA DI CALTA. E SUL SUO “MESSAGGERO” DI IERI….