CLANDESTINI NEL PALLONE – TRATTA DI BABY CALCIATORI AFRICANI, ARRESTATI 2 PRESIDENTI – GLI INDAGATI SONO 23, ACCUSE AI VERTICI DI PRATO E SESTESE – COINVOLTE L’INTER E LA FIORENTINA – NEL MIRINO ANCHE L’ATTACCANTE DEL CITTADELLA KOUAME’

-

Condividi questo articolo


TRATTA BABY CALCIATORI 5 TRATTA BABY CALCIATORI 5

Benedetto Saccà per il Messaggero

 

Nel tempo segnato dal dramma della migrazione, perfino il calcio minore è divenuto veicolo e strumento di illeciti. Incaricata dalla procura di Prato, ieri la polizia ha eseguito quattro misure cautelari e dodici perquisizioni nei confronti di presidenti, dirigenti, arbitri e club del centro dell'Italia. In sintesi, secondo i pm, le società falsificavano i documenti di nascita di alcuni bambini africani per consentir loro di ottenere permessi di soggiorno italiani e quindi di essere tesserati per le squadre dei nostri campionati.

 

Così a finire agli arresti domiciliari sono stati il presidente della Sestese (campionato di Eccellenza) Filippo Giusti e il procuratore sportivo Filippo Pacini; mentre una donna africana da ieri è in carcere perché avrebbe finto di essere la mamma di un ragazzo ivoriano di 13 anni.

 

PAOLO TOCCAFONDI PAOLO TOCCAFONDI

È stato interdetto per quattro mesi dalla gestione della società, invece, Paolo Toccafondi, il presidente del Prato. Le accuse formulate dalla procura sono di immigrazione clandestina, falso documentale e favoreggiamento. L'operazione ha interessato le province di Prato, Firenze, Rimini, Pistoia, Siena, Pisa, Perugia e Arezzo. Ed è utile annotare che nell'indagine sono coinvolte pure la Fiorentina e l'Inter, che comunque, come vedremo, sarebbero state del tutto inconsapevoli delle possibili irregolarità.

 

Per intendersi, eludendo le regole internazionali, le società minori si assicuravano i giocatori e, nel rivenderli, ricavavano fiumi di denaro. La procedura era piuttosto articolata e prevedeva tra l'altro il riconoscimento di maternità fittizie e il ricongiungimento familiare presso l'ambasciata italiana in Costa d'Avorio e presso la questura di Prato. Come detto, ad essere implicate nell'indagine sono la Fiorentina, l'Inter, il Cittadella, la Sestese e il Prato: in particolare i viola e i nerazzurri hanno ricevuto una richiesta di accesso agli atti societari perché avrebbero inconsapevolmente acquistato due calciatori arrivati in Italia con i documenti falsificati. E non basta.

 

kouame kouame

Di alcuni indagati sono anche emerse responsabilità per frode sportiva. Semplicemente avrebbero alterato il risultato di almeno undici partite di Lega Pro, Eccellenza toscana e Promozione. Tra gli indagati ci sarebbero molti giovani giocatori delle serie dilettantistiche. Complessivamente, dunque, sono 23 gli indagati per frode sportiva.

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

CHE FA LORENZETTO DI NOTTE? LE PULCI AI GIORNALI! - “IL SOLE 24 ORE”: “ISOLE SALAMONE” NEL CAOS PER LE RIVOLTE ANTI CINESI”. UN CASO DI PROSCIUTTO SUGLI OCCHI: SI CHIAMANO SALOMONE - ?TITOLO DEL GIORNALE: "MORISI MESSO ALLA GOGNA SENZA COMMETTERE REATI". QUINDI METTERLO ALLA GOGNA NON COSTITUIVA REATO? – LO STRAMPALATO ARTICOLO DI MASSIMO FINI, IN CUI SI AVVENTURA IN UNA DISSERTAZIONE VOLTA A DIMOSTRARE CHE ‘TUTTO L’EMPIREO GIUDAICO-CRISTIANO È CONIUGATO AL MASCHILE’…

politica

ALTRO CHE ULIVO, QUESTA E' CICUTA! - DOPO IL SILURO DI MARIA ELENA BOSCHI ("PRODI È ACCECATO DAL RISENTIMENTO PERCHÉ NEL 2015 RENZI GLI HA PREFERITO MATTARELLA AL COLLE"), ARRIVA LA REPLICA DI ROMANO PRODI: "NON SAPEVO CHE NEL 2015 ERO CANDIDATO. UNA CANDIDATURA SEGRETISSIMA. ERO RIMASTO AI 101…" - L'AMAZZONE PRODIANA, SANDRA ZAMPA SENTE PUZZA DI PARACULISMO: "BOSCHI NON FA CHE RIPETERE QUESTA STORIA DEL RISENTIMENTO, GIÀ ESPOSTA DA RENZI: QUESTO ANTI-PRODISMO NON SARÀ PER CASO UNA PATENTE PER ESSERE ACCETTATI IN AREE POLITICHE CHE DETESTANO IL PROFESSORE?"

business

cronache

CRONACA VERA! - IL GENIO INCOMPRESO DEL GIORNO È UN UOMO DI BIELLA, CHE SI È PRESENTATO ALL’HUB VACCINALE CON UN AVAMBRACCIO IN SILICONE! IL FURBONE 50ENNE, CHE PENSAVA CHE NESSUNO SI ACCORGESSE DELLA DIFFERENZA, È STATO DENUNCIATO - L’APPLICAZIONE ERA BEN FATTA E MOLTO SIMILE ALLA PELLE, MA L’INFERMIERA NON SI È FATTA FREGARE. QUANDO GLI HA CHIESTO DI MOSTRARLE L’INTERO BRACCIO, HA SCOPERTO TUTTO. L’UOMO LE HA CHIESTO DI FAR FINTA DI NIENTE, MA LEI NON SI È FATTA CONVINCERE…

sport

cafonal

viaggi

salute