AL CONSIGLIO FEDERALE SCOPPIA IL CASO LOTITO. IL PRESIDENTE DELLA LAZIO ARRIVA NELLA SEDE DELLA FEDERCALCIO MA VIENE STOPPATO DA GRAVINA: “SEI SQUALIFICATO, NON PUOI PARTECIPARE” A QUEL PUNTO LOTITO È COSTRETTO A USCIRE MA LASCIA VIA ALLEGRI CON PAROLE SARCASTICHE: "È UNA SITUAZIONE KAFKIANA". IL COLLEGIO DI GARANZIA AVEVA CHIESTO ALLA CORTE D'APPELLO FEDERALE DI RIVALUTARE LA SANZIONE SUL CASO TAMPONI, MA IL PRESIDENTE DELLA LAZIO È SQUALIFICATO…

-

Condividi questo articolo


Valerio Piccioni per gazzetta.it

lotito gravina lotito gravina

 

Al consiglio federale scoppia un caso Lotito. Il presidente della Lazio arriva nella sede della Federcalcio e pensa di poter partecipare in virtù della decisione del Collegio di garanzia dello sport di chiedere alla Corte federale d’appello di "rivalutare" la sanzione sul caso tamponi, i 12 mesi della condanna in secondo grado. Ma il presidente federale Gabriele Gravina lo stoppa e dice: “Sei squalificato”. A quel punto Lotito è costretto a uscire ma lascia via Allegri con parole sarcastiche: "È una situazione kafkiana".

 

NIENTE CANCELLAZIONE

Ma come stanno le cose? Nella decisione del Collegio di garanzia non c’è la cancellazione della precedente sentenza ma l’invito sostanzialmente a rivalutare il caso e la relativa scelta sanzionatoria. In base a questa interpretazione, Lotito è tuttora squalificato in attesa del nuovo pronunciamento della Corte d’Appello federale. Dice Gravina: “Non è successo nulla, se non che il presidente Lotito ama le sfide.

 

claudio lotito foto di bacco (3) claudio lotito foto di bacco (3)

La sua responsabilità è passata in giudicato. Il collegio di garanzia ha chiesto una nuova valutazione ma non c’è mai scritta la parola annullamento, per cui vale la condanna di primo grado a sette mesi che è dunque ancora in vigore. Lui si è presentato in Consiglio e io gli ho detto che se lo riteneva avrebbe potuto partecipare ma io avrei dovuto mandare gli atti alla procura federale”. Lotito comunque ha fatto mettere a verbale un parere legale a supporto della sua tesi.

 

 

LE MOTIVAZIONI

  Proprio ieri erano uscite le motivazioni della decisione del Collegio di garanzia che sostanzialmente chiedono una riduzione della sanzione per i medici e soprattutto per Lotito. Il presidente e i medici vengono scagionati per il mancato avviso alle Asl ("non serviva comunicazione formale"), ma viene confermata la loro responsabilità per aver schierato in campo o in panchina due giocatori positivi. Il consiglio federale è ancora in corso e fra i temi all’ordine del giorno c’è proprio il rafforzamento della norma anti multiproprietà per evitare il ripetersi di casi simili a quello che ha visto protagonista Lotito con la Salernitana.

claudio lotito foto di bacco (2) claudio lotito foto di bacco (2)

 

GIUSTIZIA ORDINARIA E SPORTIVA

   "Non voglio entrare nel merito - dice il presidente federale sui pronunciamenti circa il caso tamponi - , ma riconoscere che qualcuno abbia fatto giocare un calciatore positivo e se ne sia mandato un altro in panchina potrebbe implicare delle responsabilità diverse valutate da altri organi". Un riferimento a un eventuale sconfinamento della vicenda fuori dalla giustizia sportiva. Poi, sulle mosse del governo legate alle riaperture: "Nations League al 75 per cento di capienza?

 

No, non siamo pronti, non possiamo organizzarci all’ultimo momento, stiamo soffrendo. Il 100 per cento? Il Cts non ci ha ascoltato prima e non ci ascolterà dopo. Ma non è una priorità assoluta visto che in diversi stadi non abbiamo raggiunto nemmeno il 50 per cento. Ma comprendo la sofferenza delle società e speriamo che il 75 per cento, quando arriverà, possa invogliare di più le persone ad andare allo stadio".

gravina gravina

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

LA TIM E’ TUTTA UN QUIZ NEL PENTOLONE BOLLE LA SCELTA DA PARTE DI TIM DEGLI ADVISOR CHE DOVRANNO ESAMINARE L’OFFERTA DI KKR. IL RUOLO DELLA CONSIGLIERA ILARIA ROMAGNOLI, EX ROTHSCHILD. MA DIRANNO LA LORO ANCHE ASSOGESTIONI E SALVATORE ROSSI, EX BANKITALIA, CHE CI TIENE ALLA SUA POLTRONA DI PRESIDENTE (CHE SARÀ SEMPRE DI NOMINA GOVERNATIVA) E SA BENE CHE IL TRIO GIORGETTI, COLAO E FRANCO È FILO AMERICANO. DOPODICHÉ I DUE PIANI INDUSTRIALI DI VIVENDI E KKR, AMBEDUE CON LO SCORPORO TIM SERVIZI E TIM RETE, ANDRANNO ALL’ATTENZIONE DEL GOVERNO – IL DUELLO BOLLORÈ-MACRON – BUM! PARE CHE ILIAD STIA TRATTANDO CON VODAFONE…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute