IL FANTACALCIO DEL QATAR/2 - VIAGGIO DENTRO LA “ASPIRE ACADEMY”, A 10 KM DAL CENTRO DI DOHA DOVE L’EMIRATO COSTRUISCE LA NAZIONALE DI CALCIO PER IL MONDIALE 2022 - AL LAVORO CI SONO TECNICI EUROPEI CON RAGAZZI DI TUTTO IL MONDO E LA MIGLIORE TECNOLOGIA POSSIBILE: “CON I SOLDI SI PUÒ TUTTO”

Condividi questo articolo


Massimiliano Nerozzi per “la Stampa”

 

Aspire Academy Aspire Academy

Manca il talento, ma si stanno attrezzando, da 12 anni. Per il resto c' è tutto, come incoraggia la frase di Aristotele che accoglie i ragazzi all' ingresso dell' Aspire Academy, poco più di 10 chilometri dal centro di Doha: «L' eccellenza è un' arte che si apprende con l' esercizio e l' abitudine».

 

Che poi dietro alla massima del filosofo ci sia anche la gigantografia esultante di Diego Armando Maradona fa capire qual è in realtà la missione: darsi una tradizione calcistica che in Qatar non c' è mai stata, affinare un po' di giocatori, magari innestarne qualche altro scovato in giro per il mondo e mettere insieme una Nazionale presentabile per i Mondiali di casa, nel 2022.

 

Da Paese più ricco del pianeta, con un Pil pro-capite quattro volte l'Italia, qui hanno seguito il solito menù: fare infrastrutture e pagare il know-how, la sapienza. Vale per la tecnologie e per un pallone che rotola, come racconta un istruttore delle giovanili: «Loro vogliono quello che sappiano noi, quindi lo comprano».

Aspire Academy Aspire Academy

 

Da domani Juve e Milan Il cuore dell' Academy è l' Aspire Dome: immaginatevi l'astronave di Indipendence Day solo con il coperchio verniciato d' azzurro. Dentro è un centro polisportivo full optional, compreso un campo da calcio regolare: allo Juventus Center di Vinovo l' hanno fatto per la neve, qui per il caldo, che in estate sale oltre i 50 gradi. Fuori ci sono altri sette campi, due dei quali da domattina saranno la base di Juve e Milan, che atterrano stasera e venerdì si giocano la Supercoppa.

 

Aspire Academy Aspire Academy

I ragazzi dell' Academy stanno nel palazzo a cinque piani, con tetto in tinta e allestimento deluxe: pavimenti di marmo, ascensori di vetro, aule per le lezioni, wi-fi ovunque. Sullo sfondo c' è il profilo dell' Aspire Tower, per tutti «La Torcia», un grattacielo di 300 metri, e il cantiere del Khalifa International Stadium, ma ogni tanto si sente il cinguettio degli uccellini, come nelle favole: comprato, pure questo, perché arriva dagli altoparlanti, tra le siepi.

 

Da dove s' intravedono gli allenatori, quasi sempre ex giocatori del vero mondo. Come il brasiliano José de Moura: «Qui alleniamo i bambini qatarioti con un solo obiettivo: costruire la Nazionale del 2022». Di pari passo, da sette anni, è avviato il programma Aspire Football Dreams: scout spediti in 19 Paesi di Africa, Asia e Sud America, hanno visionato 3 milioni e mezzo di ragazzi e i migliori sono passati da qui per gli stage o dall' Academy in Senegal. «Questo è un mega-progetto, con possibilità di sviluppo enormi», ragiona Oscar Fernandez, che tirò su Isco, a Valencia, e ora tenta il replay da queste parti.

Aspire Academy Aspire Academy

 

TECNOLOGIA E BIG DA IMITARE

Se c'è una cosa che funziona, qui la copiano, come il «Footballnaut» che mandò in orbita il Borussia di Klopp: un cubo supertecnologico di 14 metri quadrati, con otto sparapalloni e 72 quadrati che s' illuminano.

 

Il calciatore, da solo, viene bersagliato dai palloni: deve stopparli e fare un passaggio nel riquadro che si illumina: è un modo per insegnare a pensare a 360 gradi. Oltre alla tecnologia, c' è il Verbo dei migliori, che vengono di persona a spiegare come si diventa dei grandi: tre giorni fa c' era Xavi, ex stella del Barcellona, per parlare di nutrizione. Dietro di lui, sul muro, c' era l' autografo di Sir Alex Ferguson, tanto per capire il livello.

 

Aspire Academy Aspire Academy

Del resto, lungo il campo coperto, l'azione è accompagnata dalle parole di Pelé, scritte alle pareti, in inglese: «Il successo non è un caso. Ma lavoro duro, perseveranza, studio, sacrificio e, soprattutto, amore per quel che tu fai e stai imparando». Mance sempre il talento. Pazienza, sorride Ali Hassan Al-Salat, dirigente della Qatar Football Federation: «Con i soldi, tutto è possibile».

Aspire Academy Aspire Academy

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?