JEROME BOATENG NEI GUAI: RISCHIA 5 ANNI DI PRIGIONE PER AGGRESSIONE ALLA EX COMPAGNA - DURANTE UNA VACANZA DEL 2018 LE AVREBBE TIRATO UN PICCOLO PORTACANDELE DI VETRO E ORA È SPUNTATO ANCHE UN VIDEO DELL'EPISODIO. PER LA STAMPA POTREBBE CAVARSELA CON UNA MULTA - L’EPISODIO È SEMPRE STATO SMENTITO DALLO STESSO BOATENG, CHE LO HA INVECE DEFINITO… - VIDEO

-

Condividi questo articolo

Simona Marchetti per corriere.it

 

JEROME BOATENG 5 JEROME BOATENG 5

Secondo i giornali di casa, alla fine se la caverà probabilmente con una multa salata e stop. Ma allo stato attuale delle cose, la stella della Bundesliga, Jerome Boateng, rischia una condanna a cinque anni di prigione per la presunta aggressione ai danni dell’ex compagna Sherin Senler, mamma delle sue gemelle di 9 anni. Stando alla Bild, il fatto risalirebbe al 2018 quando, durante una vacanza con la famiglia, il 32enne difensore del Bayern Monaco (il cui contratto scadrà l’estate prossima) avrebbe tirato un piccolo portacandele di vetro contro la Sandler.

 

JEROME BOATENG 5 JEROME BOATENG 5

Per la verità, l’episodio è sempre stato smentito dallo stesso Boateng, che lo ha invece definito «una questione privata, basata fondamentalmente su accuse non dimostrate di una terza parte».

 

Adesso però sarebbe spuntato un video del presunto attacco e dopo averlo visionato, le autorità legali hanno ordinato al giocatore di presentarsi davanti a una corte di Monaco di Baviera il prossimo 10 dicembre, mentre un portavoce del tribunale ha precisato alla stampa tedesca che già a febbraio del 2019 era stata presentata una prima denuncia contro Boateng, ma che il caso era stato rinviato per il Coronavirus.

jerome boateng 9 jerome boateng 9 JEROME BOATENG 2 JEROME BOATENG 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

COSA ACCADDE QUELLA NOTTE – IL JAZZISTA MARCELLO ROSA SUONAVA AL RUGANTINO QUEL 5 NOVEMBRE DEL 1958, LA NOTTE CHE NACQUE LA DOLCE VITA - “ANITA EKBERG INIZIO' A BALLARE DA SOLA A PIEDI NUDI. MI SI AVVICINÒ UNA BRUNETTA BONAZZA E MI DISSE IN ROMANESCO: “‘SLACCIAME 'A GUEPIERE E ‘A SOTTANA, MO’ JE FACCIO VEDÈ IO A QUELLA’’-  IN PIENO PAROSSISMO, URLAVA: “DATEMI IL TAPPETO DI ALLAH!”, VOLEVA DIRE DATEMI GIACCHE E CAPPOTTI. E PARTI' LO SPOGLIARELLO. ERA LA BALLERINA TURCA AICHÈ NANÀ - TUTTI I MUSICISTI FURONO CONDANNATI A TRE ANNI CON LA CONDIZIONALE. CON I LORO STRUMENTI ECCITAVANO LA TURCA..."

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute