KVARA-VAGGIO, CHE PENNELLATA! KVARATSKHELIA RISOLVE NAPOLI-VERONA AL MINUTO 88 CON UNA MAGIA – MAZZARRI DEVE FARE UN MONUMENTO AL GEORGIANO E A LINDSTROM CHE, SOTTO 0-1, SI SONO CARICATI LA SQUADRA SULLE SPALLE – IL NAPOLISTA: “VITTORIA MERITATA MA SOFFERTA. NON È IL CASO DI FARE GLI SCHIZZINOSI DA QUI ALLA FINE DELLA STAGIONE. IL NAPOLI HA BISOGNO DI VINCERE LE PARTITE PER RIMONTARE POSIZIONI E...” – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Massimiliano Gallo per ilnapolista.it

kvara napoli verona kvara napoli verona

È la partita di Kvaratskhelia, fai attenzione. È stato il georgiano il calciatore che ha deciso Napoli-Verona e ha evitato un’altra settimana di passione all’ambiente.

 

Un tiro alla Kvara dal limite dell’area di rigore al minuto 88. Vittoria meritata ma sofferta visto che al 72esimo la squadra di Baroni era andata in vantaggio con Coppola.

 

Non è il caso di fare gli schizzinosi da qui alla fine della stagione. Il Napoli ha assoluto bisogno di vincere le partite per rimontare posizioni e sperare di agganciare il quarto posto. Va segnalato nel primo tempo, sullo 0-0, rigore netto negato al georgiano.

 

 

Ma non c’è stato solo Kvara. Perché nel periodo più buio, sullo 0-1, è stato il danese Lindstrom a mostrare finalmente che è un giocatore di calcio che ha vinto l’Europa League. Ha controllato il pallone in area, si è liberato con classe del suo marcatore e ha servito a Ngonge il pallone del pareggio. Sono stati loro due a raddrizzare il match. Mazzarri li ha mandati in campo nella ripresa, insieme a Mazzocchi, Raspadori e Dendoncker. Neanche un minuto invece per Traorè l’uomo deputato da De Laurentiis alla sostituzione di Zielinski. .

lindstrom napoli verona lindstrom napoli verona

 

Tatticamente c’è stato da segnalare il ritorno al 4-3-3. Tecnicamente, invece, la prova del veronese di proprietà del Napoli Folorunsho: sarebbe stato nettamente più utile di Cajuste che si è confermato calciatore etereo.

 

Il giudizio rimane lo stesso: il Napoli è una squadra forte, con un ottimo organico, ma con lunghe amnesie. Sarà così fino a fine anno. Bisogna vincere le partite con la tenacia condita dai lampi di fuoriclasse

 

 

Il Napoli è partito benissimo. Ha chiuso il Verona nella propria tre quarti di campo. Kvaratskhelia è parso voler spaccare il mondo. Ha fatto impazzire la difesa di Baroni. Ha sfiorato il vantaggio con due tiri da fuori: uno di sinistro e uno di destro al volo, in entrambi i casi è stato bravo Montipò. E sul georgiano c’era anche un calcio di rigore piuttosto netto con un’entrata forbice su di lui in area di rigore. Inspiegabilmente al Var non hanno richiamato Piccinini che ha assegnato calcio d’angolo.

kvara napoli verona kvara napoli verona

 

Poi, col passare dei minuti, il furore del Napoli si è attenuato. A inizio ripresa, le parti si sono invertite. Il Napoli si è addormentato. La squadra di Baroni ha preso coraggio. Fino al gol del Verona con Coppola, di testa.

 

Il Napoli ha avuto un sussulto al minuto 77 con due occasioni uno dietro l’altra, con Mazzocchi (anche lui è entrato bene) e Lindstrom: in entrambi i casi è stato bravo Montipò anche se i due tiri erano centrali. Poi, il pari e infine il vantaggio

 

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…