“LA NAZIONALE ITALIANA NON È LA MIGLIORE. PER VINCERE HA BISOGNO DEI SUOI UOMINI CHIAVE: DONNARUMMA, BARELLA E BERARDI” - SCONCERTI: “IL PORTIERE VALE METÀ LAVORO. LUI È IL NOSTRO MURO E IL NOSTRO RIPOSO. SE NON SARÀ LUI ALL’ALTEZZA, MANCHERÀ STRADA A TUTTI. BARELLA UOMO OVUNQUE, BERARDI È UN NUMERO DIECI SPOSTATO SULLA FASCIA. SE DI QUESTE 3 REALTÀ NESSUNO SBAGLIERÀ, ARRIVEREMO FRA LE PRIME 4…”

-

Condividi questo articolo


Mario Sconcerti per corriere.it

gigio donnarumma foto mezzelani gmt 035 gigio donnarumma foto mezzelani gmt 035

 

L’Italia ha una gran bella squadra, ma non è la migliore, non ancora. Per vincere un torneo bisogna crescere dentro il torneo.

 

E bisogna giocare pensando a se stessi perché l’esterno è indecifrabile e quasi sempre preoccupante. Per cercare di capire come finirà l’incrocio, bisogna partire da tre punti di vista diversi e poi sommarli.

 

Servono un riferimento sicuro, una realtà non decifrabile e una sorpresa vera. Se questi tre fattori si sommano alle qualità normali, di una buona squadra, il gioco diventa semplice. Nell’Italia di Mancini la sicurezza è portata da Donnarumma.

 

Non ha un’armonia nel fisico che lo aiuti, non è un atleta naturale, ha più del bonario che dell’irresistibile.

 

Però è in assoluto il miglior giocatore italiano, quello con il più alto spessore internazionale. Il contratto con il Psg al doppio della cifra del Milan chiude anche l’affannosa questione dell’ingratitudine. È andato via per un ingaggio doppio, non per un soffio. E ha ringraziato il Milan giocando 251 partite di campionato con la sua maglia. Direi che si è tutti pari. Donnarumma nell’Italia vale metà lavoro. Lui è il nostro muro e il nostro riposo. Se non sarà lui all’altezza, mancherà strada a tutti.

 

 

gigio donnarumma foto mezzelani gmt 033 gigio donnarumma foto mezzelani gmt 033

Barella

La realtà ancora da dimensionare è quella di Barella. È curioso si ispiri a Dejan Stankovic, che aveva cuore e talento, come Barella, ma il doppio del fisico. Senza che nessuno dei due fosse un modello di equilibrio sul campo.

 

Cercare di trovare un altro esempio di Barella nella storia del calcio è un gioco in cui hanno già fallito in molti. Non assomiglia a nessuno, ha propri numeri eccezionali e a volte una sua cialtronaggine d’autore che diventa un diamante perché lo isola, lo rende unico.

 

BARELLA BARELLA

Barella non è Tardelli e non è Antognoni, come non è Pirlo e non è Rui Costa. È l’interpretazione personale dell’uomo ovunque che alterna generosità imperfetta a idee luminose.

 

È questo tipo di giocatore che segna la differenza ai grandi livelli. Tutti i giocatori sono fondamentali, ma molti si assomigliano, li hanno anche gli altri. Barella è come De Bruyne, come Busquets, come Bruno Fernandes, come Foden o Mount, nel senso che esistono da soli e fanno la differenza.

 

 

La sorpresa

berardi berardi

Resta la terza diversità. Trovare una sorpresa. Questo è un ruolo che può anche variare di partita in partita, abbiamo molti candidati, per esempio Chiesa, Castrovilli, naturalmente Insigne, che è molto di più, per esempio Verratti o Spinazzola.

 

Ma c’è un nome che sta crescendo in silenzio, quello di Domenico Berardi, cosentino di 27 anni, premiato come miglior giovane europeo nel 2015, da noi sempre tenuto basso perché gioca nel Sassuolo e perché ci gioca volentieri, non chiede altro. Berardi è un numero dieci spostato sulla fascia, ha un mancino finissimo, non latino, un po’ flemmatico, dimostrativo, alla nord europea, da grande tedesco o inglese.

 

Mancini in realtà non ha mai davvero pensato che il titolare fosse Chiesa in quel ruolo. Chiesa è esplosivo, in un torneo breve è una divergenza, un’eccezione. Berardi è giocatore più completo, di quelli che nel totale fanno una somma irraggiungibile. Se di queste tre realtà nessuno sbaglierà torneo, arriveremo fra le prime quattro.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

OH, CHE BEL CASELLO! - CON IL PASSAGGIO DI ASPI DALLA GALASSIA BENETTON A CDP CON I FONDI ESTERI BLACKSTONE E MACQUARIE, CI SARÀ UNA RIVOLUZIONE SIA IN TERMINI INFRASTRUTTURALI, SIA FINANZIARI: SULLE AUTOSTRADE PIOVERANNO INVESTIMENTI PER 26 MILIARDI MENTRE I FONDI ESTERI VOGLIONO RENDERE LA SOCIETA’ PROFITTEVOLE CON UN RITORNO ATTESO IPOTIZZATO DEL 7-8% -  NEL TEMPO CDP POTREBBE GRADUALMENTE RIDIMENSIONARE LA PARTECIPAZIONE DEL 51% IN FAVORE DI CASSE DI PREVIDENZA E ASSICURAZIONI ITALIANE…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

UNA PANDEMIA DA INCUBO – IL CORONAVIRUS HA CAMBIATO IL MODO IN CUI DORMIAMO E SOGNIAMO: IL 55% DEGLI ITALIANI HA AVUTO UN PEGGIORAMENTO DELLA QUALITA’ DEL SONNO – ALCUNI STUDI HANNO RIVELATO CHE DOPO EVENTI TRAUMATICI O STRESSANTI IL CONTENUTO DEI SOGNI TENDE A MODIFICARSI: “LA QUALITÀ EMOZIONALE SI È ORIENTATA VERSO CONTENUTI NEGATIVI, ANCHE IN RELAZIONE A DIFFICOLTÀ SUL POSTO DI LAVORO O IN FAMIGLIA. I DISTURBI DEL SONNO E DEI SOGNI SONO STATI OSSERVATI PIÙ DI FREQUENTE IN…”