“PENSO CHE SIA STATO IL NAPOLI A CONTATTARE LA ASL” - PREZIOSI SI SCHIERA CON LA JUVE: "QUESTO È UN BRUTTO PRECEDENTE PERCHÉ SI PENSAVA CHE CI FOSSE UN PROTOCOLLO MOLTO CHIARO A CUI TUTTE LE SOCIETÀ DOVEVA ATTENERSI. NOI, INFATTI, CI SIAMO COMPORTATI DIVERSAMENTE. SI INTUISCE CHE IL NAPOLI NON VOLESSE GIOCARE QUELLA PARTITA. ORA SI METTE A RISCHIO L’INTERO CAMPIONATO”….

-

Condividi questo articolo

Da calciomercato.com

 

preziosi preziosi

Enrico Preziosi si schiera con Andrea Agnelli. All'indomani della mancata disputa della gara tra Juventus e Napoli, il presidente del Genoa ha parlato della vicenda attraverso le frequenze di Radio Capital, prendendo le parti della società bianconera: “Quello di ieri sera è stato un brutto precedente - ha affermato l'imprenditore irpino - si pensava ci fosse un protocollo molto chiaro a cui tutte le società avrebbero dovuto attenersi e invece le Asl locali lo bypassano provocando un caos. Da adesso qualsiasi società che interpelli la Asl locale, anche con un solo positivo, potrà non giocare perché decide qualcun altro”.

 

de laurentiis agnelli de laurentiis agnelli

Un comportamento ben diverso, a suo dire, da quello tenuto soltanto sette giorni prima dalla sua società: “Quando sono stati contagiati Perin e Schone il protocollo prevedeva che, se avessimo avuto più di 10 positivi, avremmo potuto chiedere sospensione, quindi non abbiamo interpellato la Asl”, ha proseguito Preziosi, lasciando intendere come secondo lui De Laurentiis si sia invece comportato in maniera differente: “Sembra così, è stato il Napoli a contattare la Asl"

 

Il Joker rincara poi la dose quando la conduttrice gli chiede se l'intenzione del Napoli fosse quella di non giocare la sfida dello Stadium: “Non me lo faccia dire, è qualcosa che si intuisce, è evidente che noi non l’abbiamo contattata la Asl con due positivi e abbiamo giocato”.

 

Preziosi ha poi terminato il proprio intervento parlando del futuro del calcio italiano e dell'effetto pandemia: “Sono molto preoccupato, a questo punto basta un contagiato a società per far saltare l’evento. Così la vedo molto male”.

preziosi preziosi

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

UNICREDIT, UNICAOS – SI PARTE DAL CONFLITTO TRA MICOSSI E PADOAN, SI CONTINUA CON IL CANDIDATO CEO ANDREA ORCEL, SPINTO DA CONSIGLIERE DIEGO DE GIORGI, SI PROSEGUE CON LA ROGNA DELLA FUSIONE CON MPS, CHE VEDE L’OPPOSIZIONE DEI 5STELLE E ORA ANCHE DI DEL VECCHIO - IL PATRON DI LUXOTTICA STA DIVENTANDO DAVVERO UN GROSSO PROBLEMA: SI È MESSO CONTRO NAGEL IN MEDIOBANCA, CONTRO DONNET IN GENERALI, CONTRO IL MEF SU MPS. IN QUESTO STALLO PERICOLOSO, BRILLA L’ASSORDANTE SILENZIO DI BANKITALIA

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute