“VIVA LA FICA!” – A MIAMI, DURANTE IL MATCH VINTO DA MUSETTI CONTRO L’IDOLO DI CASA SHELTON, SI ALZA UN URLO DA PARTE DI UN TIFOSO ITALIANO. IL TENNISTA DI CARRARA, CHE AFFRONTERA’ ALCARAZ AGLI OTTAVI, L’HA PRESA A RIDERE – ANCORA IN CORSA ANCHE ARNALDI E SINNER CHE POTREBBERO INCROCIARSI NEI QUARTI IN UN DERBY AZZURRO – VIDEO

-

Condividi questo articolo


https://www.corrieredellosport.it/news/tennis/2024/03/26-124656422/urlano_viva_la_f_dagli_spalti_musetti_scoppia_a_ridere_in_campo

 

 

Estratti da corrieredellosport.it

lorenzo musetti miami lorenzo musetti miami

La gara era sull'1-1, servizio per l'azzurro. Musetti gioca un grande tennis e si prende il game senza soffrire più di tanto. E' proprio in quel momento che dalla nutrita rappresentanza italiana sugli spalti si sente chiaramente un tifoso urlare nel silenzio del momento "Viva la f***". La frase e il momento in cui è stata urlata hanno strappato un sorriso divertito dell'azzurro che è poi tornato in posizione per ricevere sulla battuta dell'americano.

 

MUSETTI

Giacomo Corsetti per ilfattoquotidiano.it - Estratti

Tre azzurri e zero americani. È questo il quadro, per molti aspetti sorprendente, degli ottavi di finale del Masters 1000 di Miami. Dopo Matteo Arnaldi e Jannik Sinner infatti, ecco Lorenzo Musetti. In Florida il carrarino, al primo torneo dopo essere diventato padre, ritrova quella brillantezza persa dalla scorsa estate ed elimina il padrone di casa Ben Shelton con il punteggio di 6-4 7-6. Per la prima volta dal 2016 non ci saranno dunque statunitensi agli ottavi di Miami, mentre per la prima volta nella storia ci saranno ben tre italiani.

 

 

(...)

lorenzo musetti miami lorenzo musetti miami

 Miami infatti è l’ultimo torneo prima dell’inizio della stagione sulla terra rossa, la superficie preferita dell’azzurro. Aver ritrovato l’entusiasmo giusto prima di questa parte di stagione potrebbe avere degli importanti benefici, in termini di risultati e anche di classifica. Alla fine la top 20 non è lontana.

 

Adesso per Musetti c’è la prova del nove, quella più dura di tutte: Carlos Alcaraz. Dopo il titolo ad Indian Wells, il numero 2 del mondo è in missione per completare il Double Sunshine. Il bilancio vede Lorenzo indietro nei precedenti per 3 a 1, su questi pesa soprattutto l’ultima sconfitta a Pechino nello scorso ottobre. La mente però deve andare alla finale del 500 di Amburgo nell’estate 2022, quella che ha regalato al carrarino non solo il primo titolo, ma anche la prestazione migliore in carriera. La stessa che dovrà presentarsi in campo dalle ore 20.30 italiane.

 

 

 

lorenzo musetti miami lorenzo musetti miami

“Ci conosciamo da molto tempo – ha dichiarato Musetti nel post-gara in riferimento ad Alcaraz -. Abbiamo quasi la stessa età. Sappiamo perfettamente come dobbiamo giocare l’uno contro l’altro. È un giocatore molto difficile da battere. È in ottima forma. Probabilmente è la sfida più difficile nel tennis in questo momento. Con lui ho una grande amicizia. Per me Carlos è un’ispirazione”.

 

Oltre al match di Musetti contro lo spagnolo, gli ottavi di finale che si disputeranno tutti martedì 26 marzo vedranno protagonisti anche Arnaldi e Sinner. Il primo scenderà in campo contro il giovane tennista ceco Tomas Machac (inizio intorno alle ore 16), il secondo invece se la vedrà con l’australiano Christopher O’Connell e la sua storia particolare.

 

L’attuale numero 66 al mondo infatti qualche anno fa, nel 2018, è stato diversi mesi a lavorare sulle barche, lontano dal tennis, abbattuto dai tanti infortuni. Sulle onde della marina ha ritrovato il giusto equilibrio e da lì ha iniziato una risalita in classifica che lo ha portato anche a battere Jannik nell’unico precedente disputato ad Atlanta nel 2021. In palio per i due azzurri c’è un quarto di finale tutto italiano da ricordare.

 

lorenzo musetti 3 lorenzo musetti 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…