MARADONA POTEVA ESSERE SALVATO? IL LITIGIO COL MEDICO CHE POI È SPARITO E LA STRANA TELEFONATA AI SOCCORSI: TUTTI I DUBBI SULLA MORTE DEL PIBE. INDAGA LA PROCURA - DIEGO AVREBBE ANCHE DATO UNO SPINTONE AL DOTTORE E LO AVREBBE SBATTUTO FUORI DI CASA. L’ALTRA FIGURA OSCURA È QUELLA DELL’INFERMIERA, CHE HA FORNITO DUE VERSIONI DISCORDANTI CIRCA GLI ORARI DEI CONTROLLI NELLA STANZA. PERCHÉ? - LA DOMANDA DELLE CENTO PISTOLE: CHI HA DECISO CHE DIEGO DOVEVA LASCIARE L’OSPEDALE? MA SOPRATTUTTO: SE CI FOSSE RIMASTO ANZICHÉ TORNARE A CASA OGGI SAREBBE ANCORA VIVO?

Condividi questo articolo

Carlos Passerini per corriere.it

 

MARADONA LUQUE MARADONA LUQUE

Tanti, troppi misteri. E una sola, unica, drammatica, certezza: Diego quella notte era solo, abbandonato a se stesso. L’inchiesta della procura di San Isidro sta cercando di far luce su una storia che fa acqua da tutte le parti e che, anche a distanza di giorni, continua a essere piena di dubbi, incongruenze, misteri. Troppi, gli interrogativi. Che in fondo però si riassumono in uno solo: è stato davvero fatto tutto quanto era possibile per salvare la vita a Maradona oppure qualcuno ha sbagliato?

 

Col passare delle ore il giallo è sempre più fitto. Troppi episodi oscuri, come il fatto che in casa mancasse un defibrillatore, troppe figure contraddittorie. Due, soprattutto. Quella del medico Leopoldo Luque, il chirurgo che l’ha operato al cervello il 3 novembre, onnipresente da anni maassente nella casa al momento della morte di Diego. Dov’era? A Buenos Aires, un’ora di macchina.

ULTIMO VIDEO DI DIEGO ARMANDO MARADONA ULTIMO VIDEO DI DIEGO ARMANDO MARADONA

 

Perché non era con lui? C’entra forse il fatto che, come raccontano due testimoni, avessero litigato di brutto il 19 di novembre, cioè una settimana prima del malore fatale del 25? Secondo fonti giudiziarie, Diego avrebbe anche dato uno spintone al dottore e lo avrebbe sbattuto fuori di casa, dopo averlo insultato. «È la prova di quanto fosse difficile discutere con Maradona» ha raccontato all’agenzia Télam la stessa fonte giudiziaria. La procura sta cercando di capire se effettivamente, come pare, quella è stata l’ultima visita da parte del dottor Luque a Maradona nella villa di Tigre.

 

DIEGO ARMANDO MARADONA DIEGO ARMANDO MARADONA

 

I soccorsi chiamati in ritardo da un medico che non era con Diego

Figura chiave, quella del dottore. Ieri il sito El Dia ha diffuso l’audio della chiamata del dottor ai soccorsi: «Ciao, c’è una persona che da quanto mi dicono è in arresto cardiorespiratorio — si sente — . Un dottore lo sta assistendo. È un uomo di esattamente 60 anni». Luque non fa mai il nome del paziente: perché? Poi: la telefonata è stata fatta alle 12.16 e secondo i pubblici ministeri la prima ambulanza è arrivata alle 12.28, questo quindi sconfessa la denuncia dell’avvocato Morla che aveva parlato di «più di mezz’ora di ritardo». L’ambulanza era arrivata invece in soli 11 minuti.

maradona morla maradona morla

 

 

L’altra figura oscura è quella dell’infermiera Dahiana Gisela Madrid, che ha fornito due versioni clamorosamente discordanti circa gli orari dei controlli nella stanza. Perché? Davvero solo per le «pressioni dei datori di lavoro»? Gli inquirenti vogliono capire cosa sia accaduto in quel buco di sei ore dalle 6 alle 12, ma anche nei giorni precedenti. Primo interrogativo: mentre era solo Diego ha abusato di alcol o farmaci? Qui una risposta arriverà a giorni, grazie all’esame tossicologico. Secondo interrogativo, sollevato dall’ex medico Alfredo Cahe: perché aveva lasciato l’ospedale? Chi lo ha deciso? Ma soprattutto: se ci fosse rimasto anziché tornare a casa oggi sarebbe ancora vivo?

funerale maradona 11 funerale maradona 11 MARADONA ALFREDO CAHE MARADONA ALFREDO CAHE maradona dalma maradona dalma funerale maradona 1 funerale maradona 1 maradona maradona funerale maradona 2 funerale maradona 2

 

LA PRIMA PAGINA DE IL MANIFESTO SULLA MORTE DI MARADONA LA PRIMA PAGINA DE IL MANIFESTO SULLA MORTE DI MARADONA camera ardente maradona camera ardente maradona corteo funebre maradona 5 corteo funebre maradona 5 corteo funebre maradona corteo funebre maradona funerale maradona funerale maradona funerale maradona le figlie funerale maradona le figlie maradona claudia e le figlie maradona claudia e le figlie

 

Condividi questo articolo

media e tv

PIPPITEL – I FRIGNONI E GLI SCAZZI FAMILIARI DI “C’È POSTA PER TE” SU CANALE 5 NON HANNO RIVALI: MARIA LA SANGUINARIA CONQUISTA IL SABATO SERA CON IL 29.6% - SU RAI1 “AFFARI TUOI” SI FERMA AL 16.8% - SU RAI3 “LA DANNAZIONE DELLA SINISTRA – CRONACHE DI UNA SCISSIONE” (4.4%), SU ITALIA 1 “KUNG FU PANDA 3” (4.6%) – “STRISCIA” (17.2%), GRAMELLINI SU RAI 3 (6.9%), GENTILI (5%), GRUBER (4.8%) – NEL POMERIGGIO “AMICI”  20.6% ANNIENTA LA PEREGO CHE CALA ANCORA AL 2.4%

politica

“DOBBIAMO DIRE MESSA CON I FRATI CHE CI SONO” – IL VOLTO DEL DECADIMENTO DELLA CLASSE POLITICA ITALIANA E' BEN RAPPRESENTATO DA BRUNO TABACCI. UN POLITICO PER TUTTE LE MEZZESTAGIONI CHE CONTE HA ARRUOLATO COME “PASTORE” PER CERCARE PECORELLE “RESPONSABILI”: “CREDO CHE PUNTELLARE LA MAGGIORANZA SIA POSSIBILE, ANCHE SE SERVE UN VENTAGLIO DI FORZE PIÙ AMPIO. IL RIMPASTINO NON BASTA. PERÒ NON C'È ALTERNATIVA A CONTE” – “IPOTESI GOVERNISSIMO? UNA SCIOCCHEZZA TOTALE. DRAGHI? IL SUO NOME NON È SUL TAVOLO: È UNA BUFALA DI RENZI…”

business

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute