CON MBAPPE’ IL BAYERN FA LA FINE DEL FRAPPE’ - UNA STRAORDINARIA DOPPIETTA DEL FUORICLASSE FRANCESE, GLI ASSIST DI NEYMAR E GLI ERRORI DI NEUER PERMETTONO AL PSG DI BATTERE I BAVARESI PER 2-3 ALL'ALLIANZ ARENA: UNA PICCOLA VENDETTA DOPO LA FINALE PERSA DAI PARIGINI NEL 2020. IL CHELSEA SI BEVE IL PORTO E VEDE LA SEMIFINALE...

-

Condividi questo articolo


MBAPPE' BAYERN PSG MBAPPE' BAYERN PSG

Da gazzetta.it

Ci si aspettava moltissimo da questo Bayern-Psg. E per una volta le attese non sono andate affatto deluse. Anzi, comunque vada, perdere una di queste due squadre a livello quarti di finale impoverirà questa Champions League. Il 3-2 con cui i francesi si impongono è il risultato di 90’ stupendi, in cui qualche disattenzione difensiva non ha offuscato il livello complessivo.

 

 

BAYERN PSG BAYERN PSG

Al di là del risultato, delle tantissime occasioni, è la qualità complessiva delle giocate a far saltare continuamente dalla sedia. Una serata in cui, nonostante le assenze di Lewandowski, Verratti, Paredes e Icardi (solo per citare le più rilevanti) la partita non ha mai deluso. Ha brillato la stella di Neymar (immaginifici i primi due assist per i gol di Mbappé e Marquinhos), il clamoroso senso del gol di Mbappé, le giocate, sempre un passo avanti, di Sané. Le parate di Keylor Navas hanno impedito al Bayern di raggiungere un pari che sarebbe stato meritato. Il 3-3 avrebbe reso ancora più avvincente il ritorno: intanto i francesi si gustano una piccola vendetta dopo la finale del 2020.

 

 

MBAPPE' BAYERN PSG MBAPPE' BAYERN PSG

 Dopo la traversa di Choupo-Moting, vice Lewandowski che in molti si sognano come centravanti titolare, Neymar manda in gol Mbappé (non benissimo Neuer), prima del 2-0 nato ancora dal genio di Neymar e dalla freddezza di Marquinhos. Proprio la perdita per infortunio dell’ex Roma, rende ancora più vulnerabile la fase difensiva del Psg, che soffre i tedeschi e incassa la testata di Choupo-Moting.

 

La ripresa è ancora più sbilanciata verso il Bayern, anche se il salvataggio sulla linea di Davies ricorda che il Psg, coi campioni che ha là davanti, può far male in ogni momento. Mueller segna il 2-2 di testa, ma è ancora Mbappé a essere letale negli spazi. Alaba e Coman sfiorano il 3-3 per questione di centimetri. Ora il Bayern dovrà verosimilmente andare a vincere con due gol di scarto in Francia. Garanzia di altri 90’ meravigliosi. E comunque andrà, peccato per chi dovrà salutare la competizione.

MBAPPE' BAYERN PSG MBAPPE' BAYERN PSG

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute