IL MILAN NON ESISTE SENZA IBRA? NIENTE DI PIU’ SBAGLIATO. SENZA LO SVEDESE 8 VITTORIE, TRE PAREGGI E ZERO SCONFITTE PER I ROSSONERI – IL CAMMINO DELLA SQUADRA DI PIOLI E’ DA SCUDETTO. IL VALORE AGGIUNTO SI CHIAMA DONNARUMMA, L’IBRA DEI PORTIERI: CONTRO LA FIORENTINA È STATO DECISIVO CON DUE PARATONE D'AUTORE – I GIOIELLINI CALABRIA E SAELEMAEKERS – VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Franco Ordine per ilgiornale.it

 

donnarumma donnarumma

Milan stupore d'Italia. Adesso non è più una suggestiva chimera. Ora comincia a essere qualcosa di concreto, meglio una squadra, un gruppo coeso molto promettente perché i numeri, specie nel calcio di questi tempi, se ripetuti in modo ossessivo, indicano una direzione.

 

E i numeri sono questi: per 11 volte di fila segna due gol, è al 21° risultato utile dopo il lock down in campionato, è salito a 5 punti sopra il secondo posto e mai in passato da capolista gli è riuscito di collezionare 23 punti dopo nove turni. È vero: senza Ibra, la squadra non sembra pagarne le conseguenze. Forse perché ha anche un altro Ibra, in porta, Gigio Donnarumma naturalmente.

 

romagnoli e donnarumma e le fidanzate romagnoli e donnarumma e le fidanzate

Se sull'1 a 0 devia sul palo una sciabolata di Vlahovic e sul 2 a 0, con la manona santa, devia il pallonetto di Ribery capace di riaprire la sfida: è come avere il gigante svedese al quale Ibra, dalla panchina, suggerisce di parlare sempre, guidare la difesa e comandare. Anche a parole, Donnarumma appare in sintonia perfetta col futuro perché a proposito del suo rinnovo contrattuale risponde con grande semplicità: «Voglio restare, il mio agente sa quello che deve fare».

 

gigio donnarumma e la fidanzata gigio donnarumma e la fidanzata

Stupisce, a dire il vero, oltre che i numeri, la gioventù del gruppo (con Brahim Diaz e Tonali l'età media si abbassa ancora) e la resistenza alla fatica di questo Milan, giunto ieri alla sedicesima partita della stagione. Ha giocato più di tutti, è reduce dal viaggio in Europa league a Lille e non ne ha pagato le conseguenze come hanno fatto invece le tre sorelle della Champions.

ibra ibra

 

Il suo difetto più noto - prendere gol da calcio piazzato - si è trasformato in un pregio, sfruttato al culmine dell'angolo deviato da Kessiè e trasformato in gol da Romagnoli nascosto sul secondo palo. La reazione del capitano rossonero è un po' infantile: con le mani dice bla bla davanti alla telecamera.

 

Si riferisce alle critiche riscosse dopo qualche sua recente prestazione: uno come lui dovrebbe incartare e portare a casa. Di sicuro quei rilievi gli han fatto bene perché ieri, al netto del d'apertura, ha chiuso benissimo tutti i varchi senza concedersi una sola distrazione.

saelemaekers saelemaekers

 

Aiutato dalla collaborazione di alcuni suoi colleghi che stanno davvero toccando vette di rendimento straordinario. Una segnalazione su tutti: Davide Calabria, capace di mettere il guinzaglio prima a Ribery e poi a Cutrone. L'altro gioiellino di questo Milan giovanissimo è Saelemaekers, una specie di freccia bionda che corre e gioca, difende e procura tra l'altro il primo rigore trasformato dallo specialista Kessie.

 

Nell'intervista registrata qualche giorno prima, Paolo Maldini ha raccontato che l'arrivo del belga è merito dello scooting rossonero, cioè Moncada, l'uomo di fiducia di Gazidis a dimostrazione che le due aree del club ormai filano d'amore e d'accordo. L'unica nota dolente è il secondo rigore sbagliato da Kessie (12 centri su 14 la sua striscia) che avrebbe potuto chiudere il conto sul 3 a 0 nel primo tempo.

calabria calabria ibra rebic ibra rebic

gigio donnarumma e alessio romagnoli e le fidanzate gigio donnarumma e alessio romagnoli e le fidanzate ibra ibra ibra ibra Donnarumma Foto Mezzelani Donnarumma Foto Mezzelani Donnarumma Foto Mezzelani Donnarumma Foto Mezzelani

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute