LA PASIONARIA DEL CALCIO - PARLA MARTINA ROSUCCI, N.10 DELL’ITALIA FEMMINILE: “BASTA PARAGONARCI AI MASCHI. MA QUANDO MAI SENTI PARAGONARE LA PELLEGRINI A PHELPS?” - “NOI BRUTTE? E CHIELLINI È BELLO?”-“LESBICHE? CE NE SONO”...

Martina Rosucci, n.10 dell’Italia di Cabrini a tutto campo: “Alex Morgan, capitano degli Usa, ha posato per Playboy. Le svedesi sembrano modelle. Da noi manca il lavoro d’immagine: quello che ha il volley, per intenderci”- “Lesbiche? Ce ne sono com’è vero che il calcio maschile è pieno di gay. Le calciatrici straniere libere di twittare foto con la fidanzata, baci saffici. Sai che casino scoppierebbe da noi?”...

Condividi questo articolo


rosucci 4 rosucci 4

Gaia Piccardi per il “Corriere della Sera”

 

«Sbaglio uno stop contro il Milan, la palla si allunga e m’invento una veronica: scarto di destro, tiro di sinistro. Gol». 
 

Martina Rosucci, torinese come l’idolo Del Piero, 23 anni, centrocampista dell’ACF Brescia e n.10 dell’Italia di Cabrini, ha il piede bollente e il look che non ti aspetti. «All’estero, dove il calcio femminile è cosa seria, il match è un evento: le giocatrici vanno dal parrucchiere, si truccano, entrano in campo depilate, con la fascetta vezzosa per i capelli e la manicure fresca. Io pure. Quando gioco in azzurro, poi, rappresento l’Italia. E voglio essere bella».

 

L’evoluzione 2.0 della calciatrice ordina un’aranciata amara come i discorsi che faremo. In Canada — con un giro d’affari di 55 milioni di euro, 1,15 milioni di spettatori, 124 Paesi collegati —, il 7° Mondiale donne (prima edizione nel ’91, con 61 anni di ritardo sugli uomini...) si sta allineando agli ottavi.

 

rosucci 7 rosucci 7

E noi qui, k.o. nello spareggio con l’Olanda, a galleggiare nello squallore del caso Belloli, l’ex presidente della Lega Dilettanti sfiduciato dopo aver pronunciato a verbale la più ignorante delle frasi («Basta! Non si può sempre parlare di dare soldi a quattro lesbiche!»).

 

Martina la pasionaria s’indigna come una femminista sulle barricate. E racconta cosa è successo il 23 maggio ad Abano Terme, finale di Coppa Italia, Brescia-Tavagnacco 4-0: «Il campo non ha le righe, l’erba è alta, manca l’acqua... La coppa si rivela essere poco più di un’insalatiera, non c’è l’Inno e a premiarci si presenta Antonio Cosentino, vicepresidente di Belloli, nel frattempo destituito!».

 

martina rosucci martina rosucci

Troppo per chiunque. Figuriamoci per le nostre Marianne. «Decidiamo di accettare il trofeo solo se consegnato da una donna. Un gesto simbolico. A premiarci alla fine è Paola Brumana, capitano del Tavagnacco a cui avevamo rifilato quattro gol: nel calcio maschile non sarebbe mai successo! Mai!». 
 

Ah, i maschi. E quel paragone irresistibile. «Ma assurdo. È ovvio che, a livello di forza e velocità, tra uomo e donna non c’è gara». Mentre l’epicentro del calcio in rosa si sposta ogni giorno un po’ più in là — Usa e Canada, da sole, raccolgono il 52% delle praticanti nel mondo (30 milioni); in Europa è la Germania il Paese leader con 1,2 milioni di tesserate e il campionato più forte —, le 10 mila italiane in parastinchi non riescono a dribblare gli stereotipi. Martina è agile, elettrica: proviamoci, ti va? «Spara, dài». 
 

martina rosucci 1 martina rosucci 1

Il calcio è uno sport da maschi. «Correre per 90’, affrontare i contatti fisici, cadere e rialzarsi non ingentilisce il fisico. Qualcuna ha le cosce grosse. Ma il punto è un altro: qualsiasi bambina è passata dai giardinetti e ha tirato calci a un pallone. A chi non è piaciuto? Il calcio è lo sport più bello del mondo. Ecco perché io lo consiglio anche alle femmine». 
 

Le italiane sono scarse. «Rispetto agli uomini, è vero. Ma quando mai senti paragonare la Pellegrini a Phelps o la Sharapova a Federer? Dirò di più: noi siamo più scarse delle colleghe europee perché cominciamo più tardi e perché mancano, dalla base, gli staff preparati: all’inizio veniamo allenate dai papà. Anche noi ragazze abbiamo spiccate qualità tecniche, basta svilupparle. In Germania le bimbe cominciano a giocare seriamente a 4 anni…». 
 

rosucci 6 rosucci 6

Le calciatrici sono tutte brutte. «E Chiellini è bello? Questo è un problema culturale, prima che sportivo. Alex Morgan, capitano degli Usa, ha posato per Playboy. Le svedesi sembrano modelle. Da noi manca il lavoro d’immagine: quello che ha il volley, per intenderci. L’abbigliamento tecnico, lo ammetto, si può migliorare.

 

Però, rispetto ai pantaloncini attillati delle pallavoliste, c’è una differenza: noi giochiamo sull’erba e sul fango, cadiamo, d’inverno fa freddo, dobbiamo proteggerci. Quando è diventato c.t., Cabrini si è stupito che viaggiassimo in tuta e ci ha fatto fare una divisa: giacca, pantaloni e ballerine, che ci hanno fatto subito venire le vesciche ai piedi!». 
 

martina rosucci 3 martina rosucci 3

Le calciatrici sono tutte lesbiche. «Ce n’è... Ma è vero com’è vero che il calcio maschile è pieno di gay. Solo che gli uomini sono più protetti e meno disposti ad ammetterlo. Non riusciremo mai ad uscire da questo moralismo bigotto. Rispetto all’Europa, siamo una società molto indietro. Le calciatrici straniere si sentono libere di twittare foto con la fidanzata, baci lesbici… Sai che casino scoppierebbe da noi?». 
 

patrizia panico patrizia panico

Professionismo, uscita dalla Lega Dilettanti, campionato a 12 squadre (le partite che finiscono 10-0 non sono un bello spot), grandi club obbligati da settembre a creare il settore femminile. La marcia delle ragazze italiane per uscire dal Medioevo è ancora molto lunga. Senza Belloli, lancia in resta. Si può solo migliorare. 
 

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

media e tv

PILLOLE DI GOSSIP - “COME SEI ELEGANTE. PECCATO TU SIA GIÀ SPOSATO” – LE AVANCES SCHERZOSE A ALVIN DA PARTE DI ILARY CHE POI CRITICA IL PREMIO DELL’ISOLA (“IL PIU’ BRUTTO NELLA STORIA DEI REALITY) – LA GAFFE CON NICK DEI CUGINI DI CAMPAGNA E IL TRIONFO DI VAPORIDIS – FRATTESI NUDO SU INSTAGRAM: COLPA DI UN HACKER O DISATTENZIONE? - GRANDE FRATELLO VIP: NEL CAST ANCHE LA CANTANTE FIORDALISO? LE VOCI SU ORIETTA BERTI OPINIONISTA - LA "PAX" TRA FEDEZ E AMBRA - CHI È QUEL DIRETTORE CHE MANDA ROSE A FRANCESCA CAROLLO, INVIATA DI "QUARTO GRADO"? E LUCA FORLANI…

politica

È FINITA LA MANGIATOIA DEL SUPERBONUS! - DRAGHI SI È ROTTO LE PALLE DELLA MISURA DI CONTE SULL'EDILIZIA E LA MANDA IN SOFFITTA DEFINITIVAMENTE, RINUNCIANDO A QUALSIASI PROROGA: ANCHE SE, PER SMALTIRE LE TANTE PRATICHE RIMASTE BLOCCATE, DOVREBBE ARRIVARE UNA SEMPLIFICAZIONE SUL FRONTE DELLE CESSIONI DEI CREDITI - I FURBASTRI DELLE FRODI SONO ANDATI A NOZZE IN QUESTI MESI: SOLO OGGI A NAPOLI È ANDATO IN SCENA UN SEQUESTRO DELLA GUARDIA DI FINANZA PER UNA PRESUNTA TRUFFA DA OLTRE 772 MILIONI DI EURO...

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALINO PALLONARO - SI STAVA MEGLIO QUANDO C'ERA MATARRESE? L'EX PRESIDENTE DELLA SERIE A E DELLA FIGC HA PRESENTATO AL SALONE D'ONORE DEL CONI IL SUO LIBRO "E ADESSO PARLO IO": "SONO RATTRISTATO NEL CONSTATARE IL MOMENTO CRITICO CHE STA VIVENDO IL CALCIO ITALIANO. NON VOGLIO FARE PROCESSI, MA VI SIETE INCATTIVITI" - AD ASCOLTARLO C'ERANO I PRESIDENTI DELLA LAZIO, CLAUDIO LOTITO, E DELLA LEGA DI A, LORENZO CASINI. PRESENTI ANCHE GABRIELE GRAVINA, LUCA PANCALLI, VITO COZZOLI, GIANCARLO ABETE E FRANCESCO GHIRELLI, OLTRE AL PADRONE DI CASA GIOVANNI MALAGÒ E… - FOTO

viaggi

salute

CHI SONO I RICOVERATI IN TERAPIA INTENSIVA DELLA NUOVA ONDATA DI COVID? HANNO IN MEDIA PIÙ DI 75 ANNI, NOVE VOLTE SU DIECI SONO VACCINATI CON ALMENO DUE DOSI E OTTO SU DIECI SONO RICOVERATI IN INTENSIVA PER “ALTRO” – I PAZIENTI CON POLMONITE SONO MOLTO RARI E LA GRANDE MAGGIORANZA ARRIVA PER ALTRE PATOLOGIE CHE COMPROMETTONO LE FUNZIONI VITALI, COME ICTUS, IPERTENSIONE POLMONARE, INSUFFICIENZA CARDIACA O TRAUMI E INTERVENTI: IN CERTI CASI IL VIRUS FAVORISCE GLI SCOMPENSI E…