IL PELO NON È MAI SUPERFLUO - LO STILISTA(?) CHE HA DISEGNATO, PER LE CICLISTE COLOMBIANE, LE TUTE CON L’EFFETTO ‘PASSERA AL VENTO’ SE NE FREGA DELLE POLEMICHE BACCHETTONE E TIRA DRITTO: “I COMPLETI VANNO BENE COSÌ”

La divisa che la squadra Bogotà Humana ha messo in mostra al Giro ciclistico femminile della Toscana ha fatto discutere - Il presidente dell'Uci, Brian Cookson, ha definito in un tweet "inaccettabile per ogni standard di decenza", assicurando che l'Unione si sta interessando del caso…

Condividi questo articolo


Da http://www.ladige.it

 

cicliste colombiane cicliste colombiane

«No i completi vanno bene così», lo stilista non si scompone. Ma andiamo con ordine. Prima ha agitato i social network tra favorevoli e contrari, ma alla fine è arrivato il maglio dell'Uci, l'Unione ciclistica internazionale, sulla insolita mise "nuda" delle giovanissime atlete colombiane, sfoggiata durante la partecipazione della squadra Bogotà Humana al Giro ciclistico femminile della Toscana.

 

cicliste colombiane cicliste colombiane

Le tutine aderentissime delle cicliste, gialle e rosse nella parte delle spalle e delle gambe, hanno riservato un effetto nudo della zona tra l'ombelico ed il basso ventre: è un trattamento del tessuto color carne che "fotografa" con dovizia di particolari parti del corpo, comprese quelle intime, di solito coperte da magliette e pantaloncini. Una divisa che il presidente dell'Uci, Brian Cookson, ha definito in un tweet "inaccettabile per ogni standard di decenza", assicurando che l'Unione si sta interessando del caso. E lo stilista della squadra colombiana contrattacca: "nessuno scandalo, le divise vanno bene così".

 

Brian Cookson Brian Cookson

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI 

DAGOREPORT – C’ENTRA QUALCOSA L’AZERBAIGIAN NELLA MORTE DI RAISI? NON SI SA: DI CERTO BAKU È IL PRIMO FORNITORE DI PETROLIO DI ISRAELE, GLI 007 AZERI VENGONO ADDESTRATI DAL MOSSAD E SI VOCIFERA DI BASI SEGRETE ISRAELIANE – SI AVVICINA IL DOPO KHAMENEI (84 ANNI) CHE VEDE IN LOTTA IL DI LUI FIGLIO MOJTABA CONTRO L'EREDE DELL’EX AYATOLLAH KHOMEINI – PER LA SUCCESSIONE A RAISI IN CORSA L'ULTRADESTRO GHALIBAF E IL MODERATO LARIJANI – I COLLOQUI IN OMAN TRA WASHINGTON E TEHERAN, PER LA DE-ESCALATION NEL GOLFO, CONTINUANO, IN BARBA AI PASDARAN (E A NETANYAHU)

DAGOREPORT - COM’È NATO E COME È AFFONDATO IL REDDITOMETRO - LE CASSE PUBBLICHE SONO PIU' VUOTE DEL CERVELLO DI LOLLOBRIGIDA. E QUAL È LA SOLUZIONE DEL VICEMINISTRO LEO (FDI) PER RAGGRANELLARE QUALCHE SPICCIOLO NEL PIÙ BREVE TEMPO POSSIBILE? FACILE: TARTASSARE IL CONTRIBUENTE. LA DUCETTA, CHE NON CAPISCE NULLA DI FINANZA CREATIVA, APPROVA - LA RIVOLTA DI TAJANI E SALVINI, NON INFORMATI DEL REDDITOMETRO, A POCHE SETTIMANE DAL VOTO: E LA MELONA E' COSTRETTA A RITIRARE IL DECRETO – GIORGETTI, SOLITO CEFALO IN BARILE: DICE A SALVINI DI NON SAPERE MA SOTTO SOTTO APPROVAVA LA MISURA – DAL VOTO EUROPEO AL REDDITOMETRO, LA SITUAZIONE DELLA “MAGGIORANZA COESA” È QUESTA: SALVINI CONTRO TAJANI, DA UNA PARTE. DALL'ALTRA: SALVINI E TAJANI INSIEME CONTRO LA DUCETTA...