"L'ALLENATRICE HA TIRATO UNO SCHIAFFO A MIA FIGLIA DI 8 ANNI DOPO UN ESERCIZIO SBAGLIATO" - LA DENUNCIA DELLA MADRE DI UNA GIOVANE GINNASTA, VITTIMA DI ABUSI E MALTRATTAMENTI DA PARTE DEGLI ISTRUTTORI: "ABBIAMO CHIESTO UNA RIUNIONE. LA SOCIETÀ HA DIFESO LA SUA COACH: MI DISSERO CHE UNO SCHIAFFO CI POTEVA STARE. ALTRE ATLETE PARLAVANO DI SCHIAFFI, TIRATE DI CAPELLI, UMILIAZIONI. TEMPO DOPO ABBIAMO SAPUTO CHE..."

-

Condividi questo articolo


Marco Bonarrigo per il “Corriere della Sera”

 

ginnastica artistica 6 ginnastica artistica 6

«Il primo e spero ultimo schiaffo della sua vita mia figlia Monica non l'ha preso da me o da mio marito, ma dalla sua allenatrice di ginnastica artistica dopo un esercizio sbagliato. L'ho saputo per caso: una ragazzina più grande di lei mi ha vista fuori dalla palestra e mi ha riferito i fatti.

 

Sono piombata in sala, cosa vietatissima ai genitori. Monica mi si è subito stretta addosso, con il segno rosso della sberla sulla guancia. C'erano altre bimbe e mi sono controllata: se avessi seguito l'istinto, avrei sbattuto l'allenatrice contro un muro. Mia figlia aveva otto anni, capisce?».

 

ginnastica artistica 7 ginnastica artistica 7

Marina, mamma di Monica - i nomi sono di fantasia -, non è un genitore fanatico. Di quello che è accaduto alla sua bambina in una palestra del Nord Est, della giustizia che non ha avuto dalla Federginnastica, non ha parlato pubblicamente fino a quando è esploso lo scandalo delle molestie. Adesso ha deciso di farlo «perché nessuno subisca mai più comportamenti simili».

 

Marina, perché avevate scelto la ginnastica artistica per sua figlia?

«Perché le piaceva, perché è uno sport bello, perché con la prima istruttrice Monica si allenava con gioia. Preferimmo l'artistica alla ritmica perché la questione peso è meno importante e lo sviluppo del corpo più armonico. A posteriori, qualche rischio l'avevamo sottovalutato».

abusi ginnastica artistica abusi ginnastica artistica

 

Quale?

«A otto anni Monica si allenava sei giorni a settimana, quattro ore al giorno. Bambine piccolissime preparavano i campionati italiani».

 

Quando sono cominciate a cambiare le cose?

«Con la nuova allenatrice e un programma più agonistico. Tra le mamme correva voce che volassero schiaffi per esercizi sbagliati. Pensavo ad esagerazioni fino a quando Monica è tornata a casa dicendomi di aver preso un buffetto per aver commesso un errore».

 

ginnastica artistica 5 ginnastica artistica 5

Lei?

«Andai subito dall'allenatrice: mi disse che la cosa non si sarebbe ripetuta. Mai più, le risposi a muso duro».

 

Poi?

«Quell'episodio. Ripeto: se una ragazzina non mi avesse avvertito quasi pentendosi di averlo fatto, se non avessi visto la faccia di mia figlia forse non me ne sarei accorta. Quando le allieve si abituano al sistema non raccontano nulla a casa, credo per paura».

 

abusi ginnastica artistica abusi ginnastica artistica

Che cosa le disse l'allenatrice?

«Che mia figlia si era distratta e per questo era caduta dalla trave. Che era stata costretta a darle uno schiaffo e che infatti l'esercizio successivo era stato eseguito in modo perfetto».

 

Lei?

«Portai via Monica: in quella palestra non è mai più rientrata e c'è voluto un anno per farle tornare voglia di sport. Ma con mio marito non ci siamo fermati, volevamo capire: abbiamo subito chiesto una riunione col presidente, la coach e i soci».

ginnastica artistica 4 ginnastica artistica 4

 

Risultato?

«Silenzio assordante. La società difendeva la sua coach e copriva i suoi comportamenti: mi dissero che tutto sommato uno schiaffo ci poteva stare. Eppure sapevano cosa succedeva. Ha parlato solo lei spiegando che quelli erano i suoi metodi educativi. Nel frattempo avevamo raccolto le testimonianze di altre atlete che parlavano di schiaffi, tirate di capelli, umiliazioni. L'inchiesta penale sta dimostrando che i comportamenti erano sistematici».

 

ginnastica artistica 3 ginnastica artistica 3

Vi siete mossi per avere giustizia.

«Non subito, eravamo sotto choc. Ma altri genitori hanno presentato un esposto alla Federginnastica su questioni amministrative, citando l'episodio».

 

E...?

«Ci ha convocato la procura federale. La bambina ha testimoniato. Abbiamo raccontato tutto, fornito i contatti di chi aveva subito episodi simili».

 

E i procuratori?

«Molto tempo dopo, per via indiretta, abbiamo saputo che l'insegnante aveva "patteggiato senza colpa" con loro un mese di sospensione. Le sberle punite con un mese e il silenzio».

abusi ginnastica artistica abusi ginnastica artistica

 

Come vi siete sentiti?

«Soli. La Procura Fgi non ha tenuto conto della testimonianza, non ha sentito le altre ragazze, non ha indagato. E ha nascosto la sentenza. Ora la federazione invita le famiglie a denunciare, ma se non agisce a cosa servono le denunce?»

 

ginnastica artistica 1 ginnastica artistica 1

Che ambiente è quello della ginnastica?

«Spero sia migliore di quello vissuto da mia figlia e dalle ragazze che stanno denunciando. Ma tante allenatrici avrebbero bisogno di un serio e costante confronto con uno psicologo: il passaggio dal ruolo di atleta a quello di coach senza nessuna preparazione può essere traumatico».

 

Come sta sua figlia?

ginnastica artistica 2 ginnastica artistica 2

«Adesso bene: dopo un anno di pausa ha provato a riaffacciarsi in palestra e ora pratica con soddisfazione l'atletica leggera».

 

Avete deciso di presentare un esposto penale. A quale scopo?

«Che non succedano più fatti del genere, che ci siano controlli costanti sulle palestre della ginnastica. E che chi ha schiaffeggiato mia figlia non torni mai più ad allenare».

ARTICOLI CORRELATI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)