"L'ALLENATRICE HA TIRATO UNO SCHIAFFO A MIA FIGLIA DI 8 ANNI DOPO UN ESERCIZIO SBAGLIATO" - LA DENUNCIA DELLA MADRE DI UNA GIOVANE GINNASTA, VITTIMA DI ABUSI E MALTRATTAMENTI DA PARTE DEGLI ISTRUTTORI: "ABBIAMO CHIESTO UNA RIUNIONE. LA SOCIETÀ HA DIFESO LA SUA COACH: MI DISSERO CHE UNO SCHIAFFO CI POTEVA STARE. ALTRE ATLETE PARLAVANO DI SCHIAFFI, TIRATE DI CAPELLI, UMILIAZIONI. TEMPO DOPO ABBIAMO SAPUTO CHE..."

-

Condividi questo articolo


Marco Bonarrigo per il “Corriere della Sera”

 

ginnastica artistica 6 ginnastica artistica 6

«Il primo e spero ultimo schiaffo della sua vita mia figlia Monica non l'ha preso da me o da mio marito, ma dalla sua allenatrice di ginnastica artistica dopo un esercizio sbagliato. L'ho saputo per caso: una ragazzina più grande di lei mi ha vista fuori dalla palestra e mi ha riferito i fatti.

 

Sono piombata in sala, cosa vietatissima ai genitori. Monica mi si è subito stretta addosso, con il segno rosso della sberla sulla guancia. C'erano altre bimbe e mi sono controllata: se avessi seguito l'istinto, avrei sbattuto l'allenatrice contro un muro. Mia figlia aveva otto anni, capisce?».

 

ginnastica artistica 7 ginnastica artistica 7

Marina, mamma di Monica - i nomi sono di fantasia -, non è un genitore fanatico. Di quello che è accaduto alla sua bambina in una palestra del Nord Est, della giustizia che non ha avuto dalla Federginnastica, non ha parlato pubblicamente fino a quando è esploso lo scandalo delle molestie. Adesso ha deciso di farlo «perché nessuno subisca mai più comportamenti simili».

 

Marina, perché avevate scelto la ginnastica artistica per sua figlia?

«Perché le piaceva, perché è uno sport bello, perché con la prima istruttrice Monica si allenava con gioia. Preferimmo l'artistica alla ritmica perché la questione peso è meno importante e lo sviluppo del corpo più armonico. A posteriori, qualche rischio l'avevamo sottovalutato».

abusi ginnastica artistica abusi ginnastica artistica

 

Quale?

«A otto anni Monica si allenava sei giorni a settimana, quattro ore al giorno. Bambine piccolissime preparavano i campionati italiani».

 

Quando sono cominciate a cambiare le cose?

«Con la nuova allenatrice e un programma più agonistico. Tra le mamme correva voce che volassero schiaffi per esercizi sbagliati. Pensavo ad esagerazioni fino a quando Monica è tornata a casa dicendomi di aver preso un buffetto per aver commesso un errore».

 

ginnastica artistica 5 ginnastica artistica 5

Lei?

«Andai subito dall'allenatrice: mi disse che la cosa non si sarebbe ripetuta. Mai più, le risposi a muso duro».

 

Poi?

«Quell'episodio. Ripeto: se una ragazzina non mi avesse avvertito quasi pentendosi di averlo fatto, se non avessi visto la faccia di mia figlia forse non me ne sarei accorta. Quando le allieve si abituano al sistema non raccontano nulla a casa, credo per paura».

 

abusi ginnastica artistica abusi ginnastica artistica

Che cosa le disse l'allenatrice?

«Che mia figlia si era distratta e per questo era caduta dalla trave. Che era stata costretta a darle uno schiaffo e che infatti l'esercizio successivo era stato eseguito in modo perfetto».

 

Lei?

«Portai via Monica: in quella palestra non è mai più rientrata e c'è voluto un anno per farle tornare voglia di sport. Ma con mio marito non ci siamo fermati, volevamo capire: abbiamo subito chiesto una riunione col presidente, la coach e i soci».

ginnastica artistica 4 ginnastica artistica 4

 

Risultato?

«Silenzio assordante. La società difendeva la sua coach e copriva i suoi comportamenti: mi dissero che tutto sommato uno schiaffo ci poteva stare. Eppure sapevano cosa succedeva. Ha parlato solo lei spiegando che quelli erano i suoi metodi educativi. Nel frattempo avevamo raccolto le testimonianze di altre atlete che parlavano di schiaffi, tirate di capelli, umiliazioni. L'inchiesta penale sta dimostrando che i comportamenti erano sistematici».

 

ginnastica artistica 3 ginnastica artistica 3

Vi siete mossi per avere giustizia.

«Non subito, eravamo sotto choc. Ma altri genitori hanno presentato un esposto alla Federginnastica su questioni amministrative, citando l'episodio».

 

E...?

«Ci ha convocato la procura federale. La bambina ha testimoniato. Abbiamo raccontato tutto, fornito i contatti di chi aveva subito episodi simili».

 

E i procuratori?

«Molto tempo dopo, per via indiretta, abbiamo saputo che l'insegnante aveva "patteggiato senza colpa" con loro un mese di sospensione. Le sberle punite con un mese e il silenzio».

abusi ginnastica artistica abusi ginnastica artistica

 

Come vi siete sentiti?

«Soli. La Procura Fgi non ha tenuto conto della testimonianza, non ha sentito le altre ragazze, non ha indagato. E ha nascosto la sentenza. Ora la federazione invita le famiglie a denunciare, ma se non agisce a cosa servono le denunce?»

 

ginnastica artistica 1 ginnastica artistica 1

Che ambiente è quello della ginnastica?

«Spero sia migliore di quello vissuto da mia figlia e dalle ragazze che stanno denunciando. Ma tante allenatrici avrebbero bisogno di un serio e costante confronto con uno psicologo: il passaggio dal ruolo di atleta a quello di coach senza nessuna preparazione può essere traumatico».

 

Come sta sua figlia?

ginnastica artistica 2 ginnastica artistica 2

«Adesso bene: dopo un anno di pausa ha provato a riaffacciarsi in palestra e ora pratica con soddisfazione l'atletica leggera».

 

Avete deciso di presentare un esposto penale. A quale scopo?

«Che non succedano più fatti del genere, che ci siano controlli costanti sulle palestre della ginnastica. E che chi ha schiaffeggiato mia figlia non torni mai più ad allenare».

ARTICOLI CORRELATI

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

DAGOREPORT! IO SO’ GIORGIA E TU NON SEI NESSUNO - TRA INTERVISTE SU CORRIERE E REPUBBLICA E POST SU FACEBOOK, MELONI HA VOLUTO RIBADIRE CHE IL NOMIGNOLO DI DUCETTA SE L’È PROPRIO MERITATO. IN CAMPO CI SONO SOLO IO, IO, IO E IL GOVERNO MIO. TUTTE LE SPARATE DI SALVINI (MAI CITATO NELLE INTERVISTE, AL PARI DI BERLUSCONI) SE LE È INTESTATE (DAL NO-POS FINO A 60 EURO AL TETTO AL CONTANTE) PER RIBADIRE CHE IL SUO GOVERNO È UNITO. E LEI DEVE ESSERE IL CAPO. E LO FA CON IL CIPIGLIO CON CUI WANNA MARCHI DECANTAVA LE SUE "OFFERTE". "D'ACCORDO?!" - MA ANCHE LA DUCETTA HA COMMESSO UN MADORNALE ERRORE POLITICO: L’INCONTRO FACCIA A FACCIA CON CICCIO CALENDA…

business

MI È SCAPPATO UN CETO (MEDIO) – STEFANO LEPRI RISPONDE A MASSIMO GIANNINI, CHE IERI IN UN EDITORIALE AVEVA PARLATO DEL “CETO MEDIO TRADITO”: “NEGLI ULTIMI 30 ANNI I REDDITI CHE DAVVERO SI SONO ABBASSATI SONO QUELLI DEI GIOVANI. SONO STATI INVECE PROTETTI I REDDITI DEGLI ANZIANI. DUE ESEMPI DI CETO MEDIO POSSONO ESSERE UN COMMERCIANTE E UN IMPIEGATO: IL PRIMO PAGA MOLTE MENO TASSE, LAMENTANDOSENE PERÒ PIÙ DEL SECONDO CHE SUBISCE TRATTENUTE A CUI HA FATTO L'ABITUDINE. PUÒ CAPITARE CHE A LAVORI CON MAGGIOR PRESTIGIO SOCIALE CORRISPONDANO REDDITI PIÙ BASSI. DAVVERO, CHE COSA INTENDIAMO PER CETO MEDIO?”

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

COPRITEVI, STA ARRIVANDO UN'ONDATA DI INFLUENZA “AUSTRALIANA”: NELLA SETTIMANA DAL 20 AL 27 NOVEMBRE, E' STATO COLPITO IL 13% DEGLI ITALIANI COME CI PROTEGGE? CON I FARMACI ANTIPIRETICI, PER FAR ABBASSARE LA FEBBRE. NON SONO INDICATI GLI ANTIBIOTICI PERCHÉ L'INFLUENZA È UNA MALATTIA VIRALE, NON BATTERICA. POSSONO ESSERE UTILI SEDATIVI PER LA TOSSE E AEROSOL - I SINTOMI TIPICI DELL'INFLUENZA SONO TRE: FEBBRE ALTA, TOSSE E DOLORI MUSCOLARI - LA MAGGIOR PARTE DELLE PERSONE GUARISCE IN 7-10 GIORNI…