"MI PIACEREBBE ANDARE IN FUGA SUBITO DOPO LA PARTENZA, ATTACCARE, MOSTRARE LA MIA MAGLIA CON I COLORI DEL PAPA" - L'OLANDESE RIEN SCHUURHUIS, IL CAPITANO DELLA SQUADRA DI CICLISMO DELLA ATHLETICA VATICANA, SARÀ IL PRIMO CORRIDORE DELLA CITTÀ DEL VATICANO A GAREGGIARE IN UN MONDIALE DI CICLISMO:  "I MIEI GIRI PARTONO DAL LUNGOTEVERE E ARRIVANO FINO AI LAGHI DI ALBANO E DI BRACCIANO. A VOLTE PORTO CON ME ANCHE I MIEI FIGLI, È IMPORTANTE CHE IMPARINO A MUOVERSI NEL GRAN TRAFFICO CITTADINO" - " VINCERE MAGARI È UN PO' TROPPO. VOGLIAMO…"

-

Condividi questo articolo


Cosimo Cito per la Repubblica

athletica vaticana vatican cycling 7 athletica vaticana vatican cycling 7

 

L'olandese, 40 anni, vive e si allena a Roma ed è sposato con l'ambasciatrice australiana presso la Santa Sede: "Non ci speravo, vorrei riuscire ad andare in fuga in partenza". Domenica la gara dei professionisti a Wollongong Su Wollongong è sceso un uragano ma Rien Schuurhuis non si è tirato indietro: mantellina sulla divisa bianca e gialla e via in bici lungo le strade del Mondiale australiano.

 

athletica vaticana vatican cycling 8 athletica vaticana vatican cycling 8

A un certo punto ha anche incontrato Wout Van Aert, hanno chiacchierato un po'. Rien è olandese, ha 40 anni, una moglie, due figli e vive a Roma. Domenica sarà il primo corridore della Città del Vaticano a prendere il via in un Mondiale di ciclismo. Un anno fa l'affiliazione all'Uci della Santa Sede, la cui polisportiva, Athletica Vaticana, conta una decina di ciclisti, tutti cittadini dello Stato del Papa o parenti stretti di suoi funzionari, come Chiara Porro, moglie di Schuurhuis, ambasciatrice australiana presso la Santa Sede.

 

 Athletica Vaticana ha tesserati anche nel taekwondo, nel padel, nel cricket e nell'atletica. A giugno, per la prima volta, il Vaticano aveva alcuni suoi atleti ai Giochi del Mediterraneo. E qualche giorno prima Sara Carnicelli aveva conquistato un bronzo nei 5000 ai Giochi dei Piccoli stati d'Europa.

athletica vaticana vatican cycling 6 athletica vaticana vatican cycling 6

 

Lunedì l'Osservatore Romano ha dedicato ben due pagine al ciclismo. Nella foto c'era Schuurhuis davanti alla Basilica di San Pietro. Titolo di uno degli articoli: "E se vincesse proprio Rien?". "Vincere magari è un po' troppo" racconta lui da Wollongong, angolo d'Australia bersagliato dai venti e da uccelli - gabbiani, gazze - un po' troppo interessati ai corridori, "ma mi piacerebbe andare in fuga subito dopo la partenza, attaccare, mostrare la mia maglia con i colori del Papa".

athletica vaticana vatican cycling 3 athletica vaticana vatican cycling 3

 

Schuurhuis porta al Mondiale il messaggio di Francesco, "dobbiamo essere ambasciatori anche nello sport, vogliamo creare una piccola comunità sportiva con i valori della pace e della fratellanza universale". Ha vissuto in India e in Australia, è stato corridore dal 2015 al 2018, senza diventare un campione. E ha continuato ad allenarsi, in qualche modo, anche nel traffico di Roma: "I miei giri partono dal Lungotevere e arrivano fino ai laghi di Albano e di Bracciano. A volte porto con me anche i miei figli, è importante che imparino a muoversi nel gran traffico cittadino". Mentre cresce l'emozione per il debutto mondiale, Rien sta consumando il romanzo "The Rider" di Tim Krabbe.

athletica vaticana vatican cycling 2 athletica vaticana vatican cycling 2

 

E ha con sé un portafortuna: "La foto della mia famiglia, ma anche un paio di calzini con uno smile stampato, simile a uno smile di peluche che mio figlio mi ha regalato qualche tempo fa e che metto spesso sotto la sella della bici da cronometro". Non ci sarà un'ammiraglia del Vaticano, ma Rien sarà assistito lungo il percorso dall'ex professionista Valerio Agnoli.

 

athletica vaticana vatican cycling 1 athletica vaticana vatican cycling 1

"In questi giorni sto facendo anche il meccanico di me stesso" prosegue il 40enne nato a Groningen, "ma essere qui è qualcosa di insperato. Il mio idolo da ragazzo era Miguel Indurain. Ammiravo la sua capacità di restare umile nonostante i successi. Adoro le crono, ma sono anche un corridore resistente e amo gli strappi. Il percorso del Mondiale mi si addice". Vedrà da molto lontano battagliare Van Aert, Pogacar, Van der Poel. "Ma io farò il tifo per l'eritreo Biniam Girmay. Sarebbe bellissimo se vincesse un paese emergente". Anche il Vaticano, in fondo, lo è.

ARTICOLI CORRELATI

athletica vaticana 16 athletica vaticana 16 athletica vaticana vatican cycling 5 athletica vaticana vatican cycling 5 athletica vaticana 10 athletica vaticana 10 athletica vaticana 7 athletica vaticana 7 athletica vaticana 8 athletica vaticana 8 athletica vaticana 9 athletica vaticana 9 athletica vaticana 14 athletica vaticana 14 athletica vaticana 11 athletica vaticana 11 athletica vaticana 12 athletica vaticana 12 athletica vaticana vatican cycling 4 athletica vaticana vatican cycling 4 athletica vaticana 15 athletica vaticana 15 athletica vaticana 17 athletica vaticana 17

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE

DAGOREPORT - STATI DISUNITI D'AMERICA: NIKKI HALEY CONTINUA A ESSERE UMILIATA DA TRUMP MA NON SI FERMERÀ: HA DALLA SUA ANCORA MOLTI MILIONI DI FINANZIAMENTI (16,5 INCASSATI SOLO A GENNAIO) E I SUOI DONATORI VOGLIONO FARLA ARRIVARE ALLA CONVENTION PER VEDERE L'EFFETTO CHE FA. NON SIA MAI CHE ARRIVI UNA CONDANNA PER IL PUZZONE – TRUMP È TALMENTE DETESTATO CHE, SECONDO I DEM, GLI ELETTORI DELLA HALEY CONVERGEREBBERO SU BIDEN. E C’È CHI SI SPINGE ALLA FANTA-POLITICA: UN TICKET DI “SLEEPY JOE” CON NIKKI COME VICE…

FLASH! – MA CHE CI AZ-ZECCA L’AGRICOLTURA CON LA ZECCA DELLO STATO? LEGGETE IL BANDO PER IL NUOVO UFFICIO STAMPA DELLA ZECCA, GUIDATO DALL'ECLETTICO FRANCESCO SORO (GIA' CAPO DI GABINETTO DI MALAGÒ AL CONI, CON CUI È FINITA A STRACCI, POI PASSATO AL MISE SOTTO L’ALA PROTETTIVA DI GIORGETTI) - SORO CHIEDE, TRA I REQUISITI, OLTRE A LAUREA E  “CONSOLIDATA” ESPERIENZA NEI MEDIA, UNA DOTE INDISPENSABILE PER LA ZECCA: “RISULTERANNO SIGNIFICATIVE EVENTUALI ESPERIENZE RIFERITE ALLA FILIERA AGROALIMENTARE E VITIVINICOLA” - CHISSA' QUANTI CANDIDATI AVRANNO TALE COMPETENZA? AH, SAPERLO...

FLASH! – LA RAI CHE VERRÀ? ECCOLA! IERI, IN PRIMA SERATA SU RAI3, “IL PROVINCIALE” CONDOTTO DA FEDERICO QUARANTA, HA COINVOLTO LA MISERIA DI 493.000 SPETTATORI E IL 2.8% DI SHARE (PEGGIO PURE DI NUNZIA DE GIROLAMO) - TRATTASI DEL PROGRAMMA-SIMBOLO DI ANGELO MELLONE, DIRETTORE DELL'INTRATTENIMENTO DAY TIME - UN TIPINO PERBENE, ANZI PERBENITO, CAPACE DI TUTTO: SCRITTORE, CANTANTE, POETA, REGISTA. NONCHÉ CANDIDATO A FARE IL DIRETTORE GENERALE O FICTION UNA VOLTA CHE LA DUCETTA INNALZERÀ IL SUO PRETORIANO GIAMPAOLO ROSSI AD AMMINISTRATORE DELEGATO…