LA SAGA DEI “PALADINOS” NON FINISCE MAI – IL SUOCERO DI GIUSEPPE CONTE, CESARE PALADINO, HA FATTO DELIBERARE LO SCIOGLIMENTO ANTICIPATO DELLA AGRICOLA MONASTERO SANTO STEFANO VECCHIO, PONENDOLA IN LIQUIDAZIONE VOLONTARIA. IL MOTIVO? NON VUOLE PAGARE JOHN ROLF SHAWN SHADOW, FIGLIO DI PRIMO LETTO DI EWA AULIN, CHE CHIEDEVA DI LIQUIDARGLI QUANTO DOVUTO. SPECIE ORA CHE IL PLAZA, COME DAGO-RIVELATO, È STATO VENDUTO A “FOUR SEASON” PER UN BEL GRUZZOLETTO - MA LE MODALITÀ DELLO SCIOGLIMENTO SI PRESTANO A UN LUNGO CONTENZIOSO, PERCHÉ...

-

Condividi questo articolo


Franco Bechis per “Verità & Affari”

 

giuseppe conte e olivia paladinomezzelani gmt021 giuseppe conte e olivia paladinomezzelani gmt021

La guerra dei Roses in casa di Giuseppe Conte rischia di incarognirsi ulteriormente. Il 2 agosto scorso infatti il padre della fidanzata del leader M5s, Cesare Paladino, ha fatto deliberare dalla holding del suo gruppo immobiliare (la Agricola Monastero Santo Stefano Vecchio srl) lo scioglimento anticipato della società ponendola in liquidazione volontaria e la nomina di se stesso come liquidatore.

 

OLIVIA E CESARE PALADINO OLIVIA E CESARE PALADINO

La scelta improvvisa è stata la risposta del resto della famiglia al lodo parziale vinto in collegio arbitrale dal figliastro di Cesare, nonché fratellastro di Olivia (fidanzata di Conte) e Cristiana, con cui si stabiliva il suo diritto di recesso dalla capogruppo per poi passare in seconda fase alla nomina di una commissione di periti per stabilire il quantum del divorzio.

SCIOGLIMENTO DELLA AGRICOLA MONASTERO SANTO STEFANO VECCHIO SCIOGLIMENTO DELLA AGRICOLA MONASTERO SANTO STEFANO VECCHIO

 

A vincere quel lodo è stato il figlio di primo letto della moglie di Paladino (l'attrice Ewa Aulin), John Rolf Shawn Shadow, cresciuto in casa di Cesare dall'età di 5 anni, ma desideroso di sciogliere ora ogni rapporto con la famiglia chiedendo di liquidargli il dovuto secondo equità.

 

Pur cresciuto in casa tanti anni, John è sempre stato trattato da figliastro rispetto alle figlie naturali di Cesare, nate quando lui faceva già parte della famiglia. Così anche la holding del gruppo è stata divisa in tre seguendo questo principio di figlie e figliastro: ad Olivia e Cristiana il 47,5% della società, a John il 5%.

 

Il gruppo non ha navigato in buone acque negli ultimi anni, un po' per vecchi debiti che si facevano stringenti e per i mancati pagamenti al fisco che hanno causato anche un pesante provvedimento giudiziario un po' perché non dotato di linea manageriale all'altezza.

 

olivia paladino giuseppe conte ultima spiaggia capalbio FOTO ENZO RUSSO olivia paladino giuseppe conte ultima spiaggia capalbio FOTO ENZO RUSSO

Ma ha chiuso un piano concordato con i brandi creditori bancari e si è rimesso in navigazione più tranquilla utilizzando tutto quello che si poteva dei decreti e dpcm a firma del genero Conte.

 

Grazie a quelli ha man tenuto figlie e figliastro a spese della cassa integrazione in deroga pagata dallo Stato. Grazie a quelli ha tamponato guai con ristori e rivalutazioni dei beni aziendali. Grazie a quelli con un colpo di spugna Cesare ha visto cancellata la sua condanna penale dovuta al mancato (per anni) versamento al comune di Roma della tassa di soggiorno che lui riscuoteva in albergo.

 

Negli ultimi mesi Paladino senior ha scelto con la società che ne possiede le mura di rivalutare per 240 milioni di euro a costo zero (sempre grazie a un provvedimento di Conte che Mario Draghi non ha cancellato) il valore dell'Hotel Plaza di Roma, un cinque stelle nella centralissima via del Corso, dove lui stesso abita all'ultimo piano pagando un affitto irrisorio (12 mila euro l'anno). Ma soprattutto si sono fatte insistenti anche le indiscrezioni (la prima è venuta da Dagospia) su un'offerta consistente da parte di un gruppo internazionale per rilevare il Plaza consentendo un bel guadagno a chi ne è proprietario.

OLIVIA PALADINO E GIUSEPPE CONTE OLIVIA PALADINO E GIUSEPPE CONTE

 

Ed è proprio quel miele in arrivo che Paladino senior non ha alcuna intenzione di dividere con il figliastro, di cui non si aspettava il recesso. Lo scioglimento della capogruppo ha quel solo scopo, anche se non è particolarmente elegante (la mossa è simile a quella dei ragazzini che si portano via il pallone quando vedono che la squadra sta perdendo la partita) e soprattutto si presta a un lungo contenzioso legale.

 

John Shadow infatti non è stato avvisato nemmeno come socio di minoranza della convocazione dell'assemblea che scioglieva la società e il motivo- verbalizzato- è proprio quello del suo esercitato diritto di recesso contro cui a questo punto è praticamente impossibile ricorrere. Ma è in un'altra lettera di durezza inusitata che traspare il vero motivo di quello scioglimento.

 

JOHN SHADOW EWA AULIN JOHN SHADOW EWA AULIN

E' indirizzata alle 17,15 del 2 agosto ai membri del collegio arbitrale che deve dirimere la contesta fra Paladino senior e il figliastro dall'avvocato maestro di Conte, il professore Guido Alpa. Che comunica ai giudici che essendo sciolta la società il recesso di John Shadow diventa inefficace. E aggiunge: “Vi invitiamo pertanto – e per ragioni di difesa delle parti da noi rappresentate ci corre l'obbligo di diffidarvi in tale senso- a desistere dal compimento di ulteriori atti inutilmente gravatori delle ragioni dei nostri assistiti e, così, innanzitutto dall'esperimento della contestata C.T.U., con avvertimento che in difetto i nostri assistiti si riservano di tutelare le proprie ragioni in tutte le sedi, nessuna esclusa”.

 

giuseppe conte olivia paladino in spiaggia giuseppe conte olivia paladino in spiaggia

Quindi il figliastro per forza di cose anche con la liquidazione della capogruppo, avrà rimborsata la sua parte di capitale. Ma il valore della partecipazione (che appunto sconta anche la proprietà e la gestione del Plaza) invece che essere stabilito da terzi nel lodo previsto, sarà deciso dallo stesso Paladino.

 

Un atto di guerra familiare vera e propria, a cui non mancheranno le risposte immediate da parte dei legali di John Shadow, Angelo di Silvio e Luigi Todaro, secondo cui a norma del 2437 del codice civile la risposta del suocero di Conte sarebbe stata gravemente tardiva rispetto alla comunicazione ufficiale del recesso e quindi nulla.

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

GIUSEPPE CONTE E OLIVIA PALADINO ALLO STADIO OLIMPICO GIUSEPPE CONTE E OLIVIA PALADINO ALLO STADIO OLIMPICO SCIOGLIMENTO DELLA AGRICOLA MONASTERO SANTO STEFANO VECCHIO SCIOGLIMENTO DELLA AGRICOLA MONASTERO SANTO STEFANO VECCHIO olivia paladino e giuseppe conte 10 olivia paladino e giuseppe conte 10 ewa aulin fiorina la vacca ewa aulin fiorina la vacca olivia paladino e giuseppe conte al cinema america olivia paladino e giuseppe conte al cinema america giuseppe conte e olivia paladino arrivano a ceglie messapica giuseppe conte e olivia paladino arrivano a ceglie messapica cesare olivia paladino cesare olivia paladino giuseppe conte olivia paladino a cena 4 giuseppe conte olivia paladino a cena 4 ewa aulin fiorina la vacca 3 ewa aulin fiorina la vacca 3 ewa aulin fiorina la vacca 2 ewa aulin fiorina la vacca 2 cesare paladino cesare paladino olivia paladino e giuseppe conte 11 olivia paladino e giuseppe conte 11 giuseppe conte olivia paladino giuseppe conte olivia paladino olivia e cesare paladino olivia e cesare paladino giuseppe conte al mare con la fidanzata olivia paladino giuseppe conte al mare con la fidanzata olivia paladino giuseppe conte olivia paladino giuseppe conte olivia paladino GIUSEPPE CONTE OLIVIA PALADINO GIUSEPPE CONTE OLIVIA PALADINO

 

Condividi questo articolo

media e tv

“PAURA DI MORIRE? LA CONSIDERO UNA SCOCCIATURA” – ARCHEO: L’INTERVISTA RILASCIATA DA PIERO ANGELA, SCOMPARSO OGGI A 93 ANNI, AL “CORRIERE” IL 25 GIUGNO 2017: “LA MIA GIORNATA TIPO: COLAZIONE ALLE8, POI DOCCIA, QUINDI MI SIEDO PER LEGGERE. QUANDO VOGLIO RILASSARMI, SUONO IL PIANO” – “PASSARE TEMPO CON I NIPOTI? NON SVOLGO QUELLE FUNZIONI: LAVORO” – “IL MIO EREDE NELLA DIVULGAZIONE? SARÀ LA SELEZIONE NATURALE A DECIDERLO” – “NEL 1974 FUI TESTIMONE DELLA PRIMA FAKE NEWS, QUELLA SULLA MORTE DI ALBERTO MORAVIA. HO SCELTO BACH COME SIGLA DI ‘QUARK’ PERCHE’ UNA VOLTA A BRUXELLES…”

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

business

cronache

COSA SUCCEDE SE METTETE INSIEME 12 MASCHIONI, OGNUNO CON NON MENO DI 27 CM DI DOTAZIONE, E SEI DONNE? AVRETE “HIGH GEAR”, UN SUPER FILM IN CUI CI DANNO DENTRO A TUTTA FORZA - BARBARA COSTA: “E’ IL RITORNO DELLE MAXI ORGE NEL PORNO DOPO IL FERMO COVID, ANCHE SE DEL COVID NON CI SIAMO LIBERATI. VACCINATI E TAMPONATI NEGLI USA LE ORGE SI FANNO, IN MISURA MINORE RISPETTO A PRIMA E NON È SOLO DEL COVID LA CAUSA: È COSTOSISSIMO, È LA CATEGORIA PIÙ SALATA, E LE DONNE CHE NE SVETTANO SONO PAGATE TASSATIVAMENTE DI PIÙ DEI COLLEGHI MASCHI CHE LE INFILZANO…”

sport

cafonal

viaggi

salute