SE HAI LA MAZZA FAI COME TI PARE. NIENTE LOCKDOWN PER CHI GIOCA A GOLF? - ECCO LA CIRCOLARE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA GOLF: I TESSERATI POSSONO ALLENARSI E MUOVERSI LIBERAMENTE TRA LE REGIONI ANCHE NELLE ZONE ROSSE - VIENE INOLTRE DATO L'OK ALLE SESSIONI DI ALLENAMENTO DEGLI ATLETI, PROFESSIONISTI E NON PROFESSIONISTI, PARTECIPANTI ALLE COMPETIZIONI, "PURCHÉ A PORTE CHIUSE"...

-

Condividi questo articolo

Luca Sablone per ilgiornale.it

 

golf lockdown golf lockdown

Da una parte si vieta ai cittadini delle zone "rosse" di uscire di casa, dall'altra si consente a chi gioca a golf addirittura di spostarsi tra le Regioni.

 

 

Lo si apprende da una circolare del 7 novembre 2020 della Federazione Italia Golf: nell'ultima pagina, in riferimento alle Regioni incluse nello scenario 4 (ovvero con il rischio più alto, dove l'ultimo Dpcm impone un semi-lockdown), si legge che sono consentite le competizioni sportive riconosciute di interesse nazionale con provvedimento del Coni e del Cip organizzate dalla Federazione, organizzate da organismi sportivi internazionali, senza la presenza di pubblico e nel rispetto del protocollo e delle linee guida emanati dalla Federazione o dall'ente organizzatore.

 

 

golf lockdown golf lockdown

Viene inoltre dato l'ok alle sessioni di allenamento degli atleti, professionisti e non professionisti, partecipanti alle competizioni, "purché a porte chiuse". Sono consentiti agli atleti, agonisti e non, anche gli spostamenti interregionali. Vietati in tutti i casi invece l'accesso e l'utilizzo degli spogliatoi dei circoli. Per quanto riguarda l'ambito territoriale c'è il via libera pure all'attività sportiva di base e all'attività motoria in genere svolte all'aperto presso i circoli nel rispetto delle norme di distanziamento interpersonale e senza alcun assembramento.

 

"La mazza da golf come giustificazione..."

L'argomento è stato trattato nel corso della trasmissione Omnibus su La7, condotta da Frediano Finucci. Sulla questione è intervenuto il giornalista Alberto Castelvecchi: "A questo punto se io sono un giocatore di golf e devo andarmene in giro per fatti miei, mi metto la sacca con le mazze in borsa, dico che sto andando a giocare a golf nel resort X e invece me ne vado in giro.

 

golf lockdown golf lockdown

Se mi fermano uso la mazza da golf come giustificazione. Questa mi mancava...". Viene visto come lo sport in sicurezza per eccellenza visto che si gioca in ampi spazi all'aperto a differenza delle palestre, ad esempio, che sono ambienti al chiuso e non sempre ampi. "Questa cosa del golf è decisamente una cosa un po' grottesca...", ha aggiunto l'editore ed esperto di public speaking.

 

Nel protocollo per contrastare e ridurre i rischi di contagio da Coronavirus nella pratica dello sport del golf viene elencata una serie di regole, raccomandazioni e indicazioni per i tesserati: bisogna sempre indossare la mascherina, portare con sé e utilizzare il proprio disinfettante frequentemente e almeno una volta al termine di ogni buca, prenotare online o telefonicamente i tee time e pagare i corrispettivi dovuti per i servizi richiesti mediante metodi elettronici ed evitare assembramenti in qualsiasi zona del campo.

golf 1 golf 1 golf 2 golf 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

SLURP! LILLI-BOTOX IN SOCCORSO DI CONTE: “È  GENTILE, EDUCATO E AFFABILE". POI LE SI ALLUNGA IL NASINO: "NON CHIEDE MAI LE DOMANDE PRIMA" (INFATTI LA DOMANDA SU DRAGHI, CON SGRADEVOLE BATTUTA A SEGUIRE, ERA STRA-PREPARATA) - DA PINOCCHIA A CROCEROSSINA: "LA TOSSE? AVEVA LE CORDE VOCALI IRRITATE, CERTO NON METTEREBBE A RISCHIO LA SALUTE DI ALTRI" - INFINE SI SCIOGLIE COME UN LECCA-LECCA: "L’HO TROVATO MOLTO DETERMINATO, UN PO’ STANCO, MA È NORMALE PER UN UOMO CHE HA MESSO AL CENTRO DELLA SUA VITA IL LAVORO” (SLURP. SLURP!)

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute