IL SOFFRITTO DI INTERESSI DI TOTO WOLFF MANDA IN TILT LA FORMULA 1 – LA FEDERAZIONE INTERNAZIONALE APRE UNA INCHIESTA SUL CAPO DEL MURETTO DELLA MERCEDES E SULLA MOGLIE SUSIE DIRETTRICE DELLA F1 ACADEMY PER CONFLITTO DI INTERESSI (LEI, CONOSCENDO I PIANI DEGLI ORGANIZZATORI, AVREBBE PASSATO AL MARITO INFORMAZIONI RISERVATE) - POI FA DIETROFRONT DOPO CHE SI È TROVATA CONTRO IL MURO COMPATTO DEI TEAM DI F1 SCHIERATI CON IL GRAN CAPO DOMENICALI CONTRO L’INDAGINE ...

-

Condividi questo articolo


Daniele Sparisci e Giorgio Terruzzi per il “Corriere della Sera” - Estratti

 

toto wolff e la moglie susie 45 toto wolff e la moglie susie 45

Il campionato è finito da un pezzo, nelle fabbriche si completano le monoposto 2024, ma c’è tensione e imbarazzo ai massimi livelli della Formula 1. È l’ultima goccia di una guerra di potere dalle conseguenze imprevedibili, con l’ipotesi sullo sfondo di un Mondiale alternativo.

 

Nasce dall’indagine aperta dalla Federazione, l’ente incaricato di scrivere e far rispettare le regole, sulla coppia più famosa dell’alta velocità. Toto Wolff, capo e azionista della scuderia Mercedes; la moglie Susie, ex pilota e attuale direttrice della Academy, la serie femminile rilanciata da Liberty Media attraverso la Fom, la società che gestisce i diritti commerciali della F1.

 

L’accusa: lei, conoscendo i piani degli organizzatori, avrebbe passato al marito informazioni riservate. Entrambi negano, Susie parla di «attacchi misogini».

toto wolff e la moglie susie toto wolff e la moglie susie

Il comitato etico della Fia è stato incaricato di far luce, ma se le accuse si rivelassero false sarebbe gravissimo averle fatte circolare senza verificarle prima. Perché la Fia ha reso pubblica (alla stampa ancora prima dei diretti interessati) una procedura avviata sull’articolo di una rivista specializzata, Business F1 , che citava dichiarazioni anonime di presunti team principal rivali? L’irritazione della F1, guidata da Stefano Domenicali, ha raggiunto l’apice dopo una stagione segnata da troppi intoppi sul fronte della gestione sportiva: polemiche sulle infrazioni dei limiti di pista, sulla supervisione dei circuiti (il tombino che sfascia la Ferrari di Sainz a Las Vegas, i cordoli del Qatar), dubbi sui controlli ai budget dopo il caso Red Bull del 2022.

 

toto wolff toto wolff

L’ultimo «sgarbo» istituzionale di Mohammed Ben Sulayem, presidente della Fia da fine 2021 si sta rivelando un autogol. Ieri tutti e dieci i team hanno diffuso comunicati per affermare la loro estraneità ai fatti e hanno manifestato appoggio alla Academy della signora Wolff.

 

Un’unità totale, segno di una regia comune, con le squadre schierate con Liberty, alla quale riconoscono il merito di aver fatto crescere la F1 economicamente. Ben Sulayem, l’ex pilota di rally dai modi autoritari proveniente da una delle famiglie più ricche di Dubai (il fratello governa il porto dell’Emirato), da tempo è andato allo scontro criticando apertamente le iniziative di Domenicali. Un confronto a tutti livelli, compresa la commessa di una maxi-hospitality delle stesse dimensioni di quella del suo omologo in F1. Ma con quest’ultima mossa si ritrova in un vicolo cieco, al punto che alti dirigenti di Place de la Concorde (si vocifera di Steve Nielsen, Nick Tombazis e Tim Goss) starebbero pensando di cambiare aria.

 

Tutto mentre sono in corso le trattative per il rinnovo del Patto della Concordia in scadenza nel 2025, l’accordo che regola la distribuzione dei soldi. La Fia riceve dalla F1 circa 90 milioni di dollari l’anno (più 10 dalle squadre), pari all’80% del budget utilizzato per tutte le altre attività motoristiche; i team prendono il 50% dei ricavi dei Gp (nel 2022 1,158 miliardi) e di qui deriva anche la loro ambiguità, essendo costretti a giocare su due tavoli, anche se stavolta hanno scelto di sedersi in quello di Liberty.

stefano domenicali stefano domenicali

 

(...)

stefano domenicali stefano domenicali

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE