VANESSA, CHE LEONESSA! - LA LEONARDI DI 'SKY SPORT' SBRANA BARBARA D’URSO: “NON MI CAPACITO CHE VADA ANCORA IN ONDA. È UNA VERGOGNA. E NON SAPETE QUANTO MI FACCIA SCHIFO CHE SIANO COSÌ TANTI A GUARDARE 'STA SPAZZATURA” – LA POLEMICA CON I VETERINARI COSTRETTI A INTERVENIRE PER SMENTIRE UN’INTERVISTA ANDATA IN ONDA A 'POMERIGGIO 5' NELLA QUALE SI DICEVA DI LAVARE LE ZAMPE DEI CANI CON CANDEGGINA… - VIDEO

Condividi questo articolo

Da Il Fatto Quotidiano

 

vanessa leonardi vanessa leonardi

Durante la puntata di ieri sera di Live non è la D’Urso, un tweet non è passato inosservato. Dopo la polemica dei giorni scorsi che ha visto i veterinari costretti a intervenire per smentire un’intervista andata in onda a Pomeriggio 5 nella quale si diceva di lavare le zampe dei cani con candeggina diluita (“cosa molto da evitare perché può portare gravi danni”), in molti sui social hanno definito “pericoloso” questo modo di fare informazione.

 

Tra loro anche Vanessa Leonardi, volto di Sky. “Non mi capacito che questa vada ancora in tv – ha scritto riferendosi a Barbara D’Urso – e che qualcuno scelga di vederla. È una vergogna. E non sai quanto mi sconvolga e faccia schifo che siano così tanti a guardare sta spazzatura”.

barbara d'urso 2 barbara d'urso 2 vanessa leonardi vanessa leonardi vanessa leonardi vanessa leonardi vanessa leonardi vanessa leonardi barbara d'urso 1 barbara d'urso 1 barbara d'urso mangia i biscotti cinesi 4 barbara d'urso mangia i biscotti cinesi 4

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“IL TEST CHE TROVA GLI ANTICORPI NON È SUFFICIENTE PER ESCLUDERE UN ALTRO CONTAGIO” - ALBERTO MANTOVANI, DIRETTORE SCIENTIFICO DI HUMANITAS: “LA SARS DAVA AI GUARITI UN'IMMUNITÀ DI 2-3 ANNI E QUESTO VIRUS GLI È PARENTE. IL PROBLEMA È CHE LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DELLE PERSONE CHE INCONTRA COVID-19 O NON SI AMMALA O LO FA IN MODO BLANDO: IN QUESTO CASO NON SAPPIAMO SE LA RISPOSTA IMMUNITARIA INDOTTA, DI CUI LA PRESENZA DI ANTICORPI È UNA SPIA, SIA DAVVERO PROTETTIVA O SE QUESTE PERSONE RISCHIANO UNA NUOVA INFEZIONE”