VOLANO GLI STRACCI IN CASA LAZIO – IL DS TARE AI FERRI CORTI CON LOTITO HA DATO L’ULTIMATUM AL PATRON LAZIALE: “O IO O SARRI, SCEGLI. ORA BASTA” – NON C’E’ SOLO LO SMACCO DELLA NOMINA DI ANGELO FABIANI A RESPONSABILE DELLA PRIMAVERA, A INNERVOSIRE TARE ANCHE I RAPPORTI DIFFICILI CON MAURIZIO SARRI - MA ANCHE ALCUNI GIOCATORI SAREBBERO STANCHI DELLA GUIDA TECNICA…

-

Condividi questo articolo


Da ilnapolista.it

 

tare lotito sarri tare lotito sarri

L’atmosfera è tesissima in casa Lazio, anche se il club ha cercato di stemperare il tutto con un comunicato ufficiale in cui nega che ci sia stato un litigio tra il presidente Lotito e il direttore sportivo biancoceleste, Igli Tare. Il Messaggero fornisce ulteriori dettagli alla querelle interna. Il nodo è stato la nomina di Angelo Fabiani nell’organigramma societario. Sarà il coordinatore della Primavera e della Lazio Women, ma ha ricevuto garanzie di un salto in avanti prossimamente. Una nomina che a Tare proprio non è andata giù. Il quotidiano romano ricostruisce l’accaduto.

 

lotito tare lotito tare

“Tare innanzitutto non si aspettava che Lotito potesse fare sul serio, togliendogli la gestione della Primavera per il futuro. Fra sabato sera a cena e domenica a pranzo si è così scatenato il putiferio. Tanto che l’altro ieri sera l’albanese e il patron si sono ignorati alla presentazione delle maglie, salvo poi discutere animatamente (“lite” che il club ieri sera ha definito “priva di fondamento”) a fine evento, davanti a tutti a Piazza del Popolo. Dove, guarda caso, non si era presentato Sarri con il suo staff tecnico. Motivo? La preparazione del ritiro, ma Maurizio nel pomeriggio era stato duro per la mancata chiusura di alcuni rinforzi (in teoria ultimati) prima della partenza per Auronzo”.

 

 

Ieri, scrive il quotidiano, Tare ha incontrato Lotito a Formello. Si è presentato con il suo avvocato.

tare e lotito foto mezzelani gmt 014 tare e lotito foto mezzelani gmt 014

“Tare, che ieri alle 14.15 ha incontrato Lotito a Formello per un altro preventivato faccia a faccia. Il ds si è presentato addirittura con il suo avvocato, nel centro sportivo (la squadra era già partita) hanno sentito subito le urla: «O io o Sarri, scegli. Ora basta». Secondo l’albanese anche alcuni giocatori si lamenterebbero e sarebbero stanchi dei modi della guida tecnica. Nella testa di Igli non c’è dunque solo lo smacco di Fabiani (promesso dg) e della Primavera, anche se quella è la prima ferita confessata la sera prima: «Non meritavo di essere trattato così dopo 17 anni in questa società, dopo essermi preso sempre le colpe, senza mai una difesa»”.

 

Tare non si dimetterà prima della scadenza del suo contratto, prevista tra un anno. Ieri ha lanciato il suo ultimatum.

milan lazio sarri milan lazio sarri

“in questi giorni ha assicurato che non si dimetterà prima. E ieri ne ha dato prova, lanciando a Lotito un altro aut aut, prima di rimettersi all’opera. «Io non combatto, io vinco», è il suo slogan. La partita interna è aperta, ma dal 2009 Tare, ogni qualvolta è sembrato con un piede fuori dalla porta, è sempre rientrato più forte di prima. Già ieri, dopo ore di confronto a Formello, c’era tanta quiete dopo la tempesta. Suggellata dalla “biancocelestiale” nota di fine serata”.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“CALENDA MI SEMBRA UN BIPOLARE CON DISTURBO DI PERSONALITÀ. È ‘BULLO DA SOLO’” - DAGO FA LA MESSA IN PIEGA AI POLITICI: “LETTA HA TANTI DIFETTI: NON HA CAPITO CHE BISOGNA PARLARE PER SLOGAN - RENZI HA IL CARATTERE DI UN PROVINCIALE FRUSTRATO, CHE VORREBBE FARSI ACCETTARE, NON CI RIESCE E FA LO SPACCONE - CONTE? NON SI È RESO CONTO CHE GRILLO GLI STA RESETTANDO IL M5S E ASPETTA CHE PASSI IL SUO CADAVERE - SALVINI E BERLUSCONI? NESSUNO DETESTA GIORGIA MELONI COME LORO. QUESTI NON HANNO CAPITO CHE L’ITALIA È UN PAESE A SOVRANITÀ LIMITATA. TUTTO SI DECIDE A BRUXELLES O A WASHINGTON. SE LAGARDE SMETTE DI COMPRARE BOT ITALIANI, FINIAMO CON IL SEDERE PER TERRA - LE ELEZIONI ITALIANE SARANNO OSSERVATE DALL’INTELLIGENCE DI TUTTO IL MONDO"

business

TEMPI DURI PER SOFTBANK – IL COLOSSO GIAPPONESE NAVIGA DI NUOVO IN ACQUE BURRASCOSE: NEL SECONDO TRIMESTRE DEL 2022 HA BRUCIATO 23 MILIARDI DI EURO E IL VALORE DEGLI INVESTIMENTI È CROLLATO – LA SOCIETÀ INCOLPA L’INFLAZIONE, MA IL PROBLEMA È PIÙ AMPIO: A ESSERE COLPITO MAGGIORMENTE È IL “VISION FUND”, IL FONDO CHE INVESTE IN TECNOLOGIA E STARTUP. LA CINA HA VARATO UNA STRETTA SU BIG TECH E LE VALUTAZIONI, GONFIATE PER ANNI, INIZIANO A MOSTRARE QUALCHE CREPA. INSOMMA, LA BOLLA STA PER SCOPPIARE…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute