IL VOLO IMPOSSIBILE DELLA FARFALLA – SIMONE BILES, GINNASTA AMERICANA 22ENNE, È LA PRIMA DONNA A RIUSCIRE IN UN DOPPIO SALTO MORTALE ALL’INDIETRO CON AVVITAMENTO IN USCITA SULLA TRAVE – NELLA STESSA GIORNATA, AI CAMPIONATI DI GINNASTICA STATUNITENSE DEL 2019 A KANSAS CITY, LA PICCOLETTA, ALTA POCO PIÙ DI UN METRO E QUARANTA, SI È PURE INCAZZATA PER NON ESSERE RIUSCITA A…(VIDEO)

-

Condividi questo articolo

 

Chiara Pizzimenti per "www.vanityfair.it"

 

simone biles 17 simone biles 17

Simone Biles, ad appena 22 anni, è da tempo nella storia della ginnastica, ma ora lo è con ancora maggior diritto perché è riuscita in un esercizio che era considerato impossibile. La ginnasta, pluricampionessa olimpica e mondiale, ai Campionati di ginnastica statunitense del 2019 a Kansas City, Missouri, è stata la prima donna a riuscire in un doppio salto mortale all’indietro con avvitamento in uscita sulla trave.

simone biles 24 simone biles 24

 

Descriverlo non è efficace come guardare il volo della cinque volte medaglia olimpica e 14 volte campionessa del mondo, nel video qui sopra pubblicato da Usa Gymnastic.

Secondo quanto riporta TeamUsa.org, il salto prenderà il suo nome quando la Biles riuscirà a proporre questa difficoltà in una gara internazionale, probabilmente i mondiali del prossimo autunno.

simone biles 4 simone biles 4

 

Diventerebbe il terzo movimento a portare il suo nome dopo quelli al volteggio (una rondata, mezzo avvitamento e poi un salto mortale avanti teso con doppio avvitamento) e al corpo libero (doppio teso con mezzo avvitamento). Un altro: The Biles.

 

La campionessa alta poco più di un metro e quaranta vincerà senza difficoltà il titolo americano, nonostante nello stesso giorno in cui ha fatto il movimento di uscita dalla trave abbia sbagliato un’altra difficoltà inedita al corpo libero. Si è molto arrabbiata per l’errore, come nel suo stile.

simone biles 12 simone biles 12

 

Già nelle prove dei giorni scorsi aveva fatto intravedere le difficoltà su cui aveva lavorato da inserire negli esercizi. Il tutto fatto con un body, che non può usare in gara, su cui campeggiava una capretta, in inglese goat, che è anche l’acronimo G.O.A.T., The Greatest of All Times, la più grande di tutti i tempi.

simone biles 23 simone biles 23 simone biles 11 simone biles 11 simone biles 13 simone biles 13 simone biles 6 simone biles 6 SIMONE BILES SIMONE BILES SIMONE BILES SIMONE BILES simone biles 9 simone biles 9 simone biles 8 simone biles 8 simone biles 7 simone biles 7 simone biles con aly raisman e lo scotch simone biles con aly raisman e lo scotch SIMONE BILES SIMONE BILES simone biles e il pallavolista david lee simone biles e il pallavolista david lee simone biles 3 simone biles 3 simone biles 5 simone biles 5 simone biles 1 simone biles 1 simone biles 10 simone biles 10 simone biles 21 simone biles 21 simone biles 2 simone biles 2 simone biles 14 simone biles 14 simone biles 22 simone biles 22 simone biles 19 simone biles 19

 

simone biles 15 simone biles 15 simone biles 16 simone biles 16 simone biles 18 simone biles 18 simone biles 20 simone biles 20

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

LA LETTERA DI MELANIA RIZZOLI AI MALATI DI TUMORE AL CERVELLO: “NON FATEVI IMPRESSIONARE DALLA MORTE DI NADIA TOFFA, PERCHÉ LEI HA AVUTO UNO DI QUEI TIPI PER I QUALI NON CI SONO CURE CERTE E PER I QUALI LA SCIENZA E LA RICERCA STANNO LAVORANDO MOLTO. I SEGNI E I SINTOMI DELLA PRESENZA DI LESIONI OCCUPANTI SPAZIO NEL CRANIO SONO SIMILI, E RICONOSCERLI ALLO STADIO INIZIALE PUÒ MIGLIORARE LA PROBABILITÀ DI GUARIGIONE E DI SOPRAVVIVENZA, E QUANDO SI PRESENTA UNO DI QUESTI SINTOMI..."